13042021Headline:

La ricetta di Luisa: “Risparmio e lavoro”

Luisa Ciambella con Leonardo Michelini

Luisa Ciambella con Leonardo Michelini

“Molte grane, tanti problemi, pochi riconoscimenti e anche scarsi riscontri elettorali”. Lei è la “signora dei conti”, la Merkel viterbese: Luisa Ciambella, vice sindaco e soprattutto regina indiscussa delle finanze comunali, non è certo una che la manda a dire.
Assessore Ciambella, non le piace più il suo ruolo?
“No, per carità. E’ un lavoro importante che cerco di portare avanti con il massimo impegno e totale dedizione, solo che…“.
Solo che?
“Non sempre viene apprezzato o riceve il giusto risalto. Ma i risultati si vedono”.
Per esempio?
“Rivendico con orgoglio ciò che stiamo facendo attraverso una spending review intelligente e seria. Soprattutto a partire da marzo con il nuovo dirigente del settore, il dottor Fioramanti”.
Meglio andare nel concreto.
“Parto dagli affitti passivi, cioè dalle somme che il Comune paga per la locazione di immobili non di proprietà. Quest’anno, con riferimento sostanzialmente agli ultimi 3 mesi, già risparmieremo 50mila euro. E i minori costi andranno da 100 a 150mila euro nel 2015. Su una spesa complessiva di 517mila euro, in poco più di un anno il Comune e quindi i cittadini ne pagheranno 160mila in meno”.
Magari anche sfruttando immobili di proprietà…
“E’ quello che abbiamo fatto con i 13 alloggi di via Tagete e via della Volta Buia ora abitati da altrettante famiglie disagiate che prima invece pesavano direttamente sulle casse comunali attraverso gli affitti pagati ai proprietari. Ma c’è altro…”.
Dica pure…
“Sapete quanto si spendeva per i canili? 750mila euro all’anno, una cifra esorbitante e vergognosa. In assoluto e soprattutto in tempo difficili come quelli attuali. Tanto più che molte strutture operavano senza convenzione”.
Come siete intervenuti?
“Attraverso un’azione di razionalizzazione e di controlli serrati. Non si può pagare lo stesso servizio tre volte… Perché questo accadeva prima. Già nell’anno che si sta chiudendo abbiamo risparmiato circa 40mila euro; nel 2015 prevediamo minori spese fra 100 e 150mila euro. Entro fine mandato scenderemo a circa la metà, portandoci al livello di città come Perugia che ne spende 300mila per curare e gestire più o meno lo stesso numero di cani, circa 400”.

L'ex tribunale in piazza fontana Grande: presto ospiterà gli uffici comunali

L’ex tribunale in piazza fontana Grande: presto ospiterà gli uffici comunali

Ma le tasse per i cittadini sono aumentate o no?
“Dire che sono aumentate è scoprire l’acqua calda. Il governo ha inserito la Tasi, che è sostanzialmente un’addizionale dell’Imu. E’ evidente che c’è una tassa in più e che si paga di più. Noi abbiamo cercato di proteggere le fasce più deboli prevedendo detrazioni per i nuclei familiari con redditi fino a 26mila euro annui e bloccando le aliquote allo 0,2-0,4% per le categorie produttive. Capisco le lamentele, però non si può non riconoscere che abbiamo attuato uno sforzo notevole per limitarne l’impatto nei limiti del possibile”.
I primi risultati?
“Mi pare che le cose siano andate bene per la Tasi, mentre non abbiamo ancora riscontri sull’Imu”.
E ora arriva anche l’Imu sui terreni agricoli…
“Intanto attraverso l’Anci abbiamo ottenuto di spostare tutto a fine gennaio, anche se lo Stato ci ha già ‘pignorato’ oltre un milione di euro dell’incasso previsto. La questione è sul tavolo e si attendono decisioni definitive sul ruolo futuro di Equitalia e sulla riorganizzazione generale dei tributi. La mia personale speranza è che questo tipo di Imu sia cancellata perché colpisce soprattutto i piccoli proprietari”
Com’è la situazione con Esattorie?
“Non mi sbilancio ma credo che nel 2015 per il Comune di Viterbo ci saranno sviluppi positivi”.
Il prossimo anno sarà anche quello dell’infomobilità.
“E’ un risultato importante per l’amministrazione e per tutti i cittadini. Peraltro in quel bando è inserito anche il sito internet del Comune che sarà finalmente fruibile da tutti. Ma sul versante dell’informatizzazione ci saranno altre fondamentali iniziative”.
Quali?
“Per l’informatica si spendevano 750-800mila euro all’anno, con sistemi e gestioni diversi da settore a settore. Inconcepibile a fronte di un servizio inadeguato e insufficiente. Adesso si cambia visto che ho commissionato uno studio all’Anci per sapere dove e come intervenire. La verità è che abbiamo trovato una macchina arrugginita che ora, piano piano e vincendo tante resistenze, stiamo riportando alla funzionalità”.
Accusa qualcuno?
“No, fotografo la situazione. Ma c’è un altro aspetto che mi preme sottolineare ed è quello degli affitti non pagati. Si era arrivati ad una cifra spropositata: 700mila euro. Posso dire che i controlli in passato sono stati insufficienti?”.
E adesso?
“Intanto ne abbiamo recuperati circa 200mila con qualche locatario moroso che ha pagato in un colpo solo e senza fiatare tutti gli arretrati. L’azione proseguirà con rinnovata incisività perché a Viterbo non ci sono cittadini di serie A e altri di serie B. E’ bene chiarirlo e stavolta a voce alta: l’epoca dei furbi è finita”.
A che punto sono i lavori all’ex tribunale di piazza Fontana Grande?
“Lo so, non ho dimenticato l’impegno a finire il 31 dicembre. Sforeremo di qualche mese, ma tra marzo e aprile in quelle stanze si trasferiranno tutti gli uffici comunali di anagrafe, tributi e patrimonio. Un ritardo che comunque sarà compensato dal miglioramento dei servizi ai cittadini. Come pure entro 3 mesi apriremo un ambulatorio a Santa Barbara e entro fine anno quello di Grotte S. Stefano. Dopo la struttura al Carmine, altri passi avanti per una sanità sempre più vicina al territorio. Come dimostra pure l’impegno per servizi sanitari (magari settimanali) per le frazioni più piccole come Fastello e Roccalvecce”.
Che cosa si rimprovera?
“Certo, le cose si possono fare in maniera diversa e forse anche meglio. Ma ricordo che, in questa nostra Italia, con la scusa della ricerca del meglio non si è fatto nulla. Spesso il meglio è nemico del bene…”.
Sembra quasi che stia studiando da parlamentare…
“Per carità. Mi fa piacere che si pensi a me per certi ruoli: evidentemente la mia azione è apprezzata, nonostante tutto. Dico la verità: non ci penso e voglio continuare a dare il mio contributo in Comune. E poi mi auguro sinceramente che il governo Renzi continui a lavorare: in meno di un anno sta affrontando e cercando di risolvere questioni che si trascinano da decenni”.
Pensierino finale.
“Abbiamo cominciato un’azione di ammodernamento e razionalizzazione dei servizi e della macchina burocratica. Chi pensava che ce la potessimo fare in poco tempo o ci sopravvalutava o credeva ai miracoli. Il lavoro è lento ma costante e i risultati, che pure già ci sono e sono innegabili, si potranno apprezzare sensibilmente nei prossimi mesi. Buon anno di cuore a tutti”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da