20102019Headline:

Nel Pd esplodono le rosure dei trinariciuti

Dialoghi viterbesi, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegno“Fatto!!!!” urlò Antonio all’improvviso, seduto sul divano del salotto, davanti alla televisione.

“Che hai fatto, Antò? Me pari er Berlusca! Stai a strillà come ‘n matto. Datte ‘na carmata” lo apostrofò subito Barbara, mentre in cucina era alle prese con piatti e stoviglie da lavare dopo una succulenta “carbonara”, cucinata col guanciale e non con la pancetta, così come richiesto da Antonio.

“Fatto! Fatto!! Fatto!!!” ripetè Antonio, che nel frattempo s’era alzato in piedi e saltellava in mezzo alla stanza come se avesse visto un gol del suo idolo Francesco Totti.

“Ma fatto che?” incalzò Barbara sempre più sorpresa. “Antò, stai a zompettà come ‘n matto che me sembri ‘n canguro!”.

“Sì, Ba’. Un canguro. Anzi, er super-canguro. Quello che er Senato ha approvato proprio adesso  e che dà er via libbera a la legge elettorale, all’Italicum. Ai trinariciuti j’è annata male. Se la so’ presa ‘n der secchio”.

“Spieghete, Antò. Che nun c’ho capito gnente!”.

“ Allora mo’ te spiego io. Lo sai che ar Senato stanno a discute de la legge elettorale?”.

“Si, questo ce lo sapevo. E so pure che Renzi s’è visto co’ Berlusconi pe’ mettese d’accordo. Perché a la minoranza der Piddì le liste bloccate nu’ je stanno bbene”.

“Ma quali liste bloccate, a Ba’. Le liste bloccate nun ce so’. C’è solo er capolista, e poi ce so’ le preferenze. ‘Nsomma, ‘na via de mezzo. Del resto, questa è ‘na legge che hai da fa’ puro co’ l’opposizione e quarche compromesso l’hai puro da trovà”.

“Beh, è giusto. E allora, perché tutto ‘sto casino?”

Antonio rimase per un attimo in silenzio. Poi si mise seduto sul divano e assunse un’aria esplicativa: “Vedi? Er vero probblema ner Pd nun è la legge elettorale: è la sopravvivenza. La sopravvivenza de tutta quella classe politica che nun ha fatto ‘n cazzo pe’ vent’anni e che mo’ rischia de esse travolta da uno che le cose le vole fa’ sur serio”.

“Dici? Ma se poi la legge è sbajata?”

“A Ba’, le leggi se ponno sempre fa’ mejo. Ma noi dar 2006, da quanno er centrodestra approvò er Porcellum, stamo ne la merda. E mo’ ce stamo ancora de più, perché puro la Corte Costituzzionale ha detto che quella legge nun pò annà. E allora tocca fanne una nova, pe’ forza. Ma finora li politici de tutti li partiti hanno sempre detto che toccava falla, che toccava falla subbito, ma nessuno  l’ha mai fatta. Renzi ce sta a riuscì”.

“Beh, questo è vero…”.

“Er vero probblema, cara Barbara, è che er Piddì, da quanno è nato, nun è riuscito mai a costruisse ‘n identità nova, come voleva Vertroni ner 2007, che nu’ l’aveva pensata sbajata. Un partito socialdemocratico moderno, ar passo coi tempi, che se liberasse dei vecchi schemi de la sinistra che nell’urtimi vent’anni ha fallito su tutti i fronti. Ma poi D’Alema ce mise lo zampino…”.

“E allora?”.

“E allora, dopo l’urtimo fallimento de Bersani all’elezzioni der 2013, è arivato ‘sto ragazzetto de Firenze, eletto dar popolo co’ le primarie, nun te lo scordà, che sta a rivoluzzionà tutto. Ma a quelli je rode. Uh, come je rode!”.

“Sì, però mettese d’accordo co’ Berlusconi… Er patto der Nazzareno… A parecchi de la sinistra ‘sta cosa nun è che je va tanto giù…”.

“Strategia Bà, strategia. Come dicheno quelli istruiti: real politick. Berlusconi, che ormai – puro pe’ l’età che c’ha – è sur viale der tramonto, a Renzi  je serve pe’ disinnescà la miccia de quelli der partito suo che lo vorrebbero fa’ fori, a tutti i costi. Perché sanno che pe’ loro è finita la pacchia. E allora fanno casino ne la speranza de ‘mpantanà er Governo e de mette Renzi all’angolo. Ma finora nun ce so’ riusciti”.

“Vabbé, però così rischiamo de fa’ er governo ‘nsieme ar Berlusca…”.

“No Ba’, sta tranquilla. Nun ad’è così. Perché co’ la nova legge elettorale ce sarà de sicuro uno che vince e l’antri che perdono. E nun ce sarà più bisogno de fa’ l’inciuci, come è stato fatto cor Governo Letta, che s’è dovuto mette co’ Berlusconi perché l’elezioni nun l’aveva vinte nisciuno”.

“E se er Piddì se spacca e se divide?” 

“Sta’ tranquilla che nun succederà. Tu scenneresti mai da ‘na Ferrari pe’ montà su ‘na Cinquecento? E se poi dovesse succede, so’ convinto che ‘r partito c’avrebbe solo che da guadagnacce, perché pijerebbe tutti li voti de quelli (e so’ tanti) che nun voterebbero mai li comunisti”.

“Se lo dici tu…”.

“Sì Ba’, lo dico io e lo penza puro Renzi. Che ‘ntanto la legge elettorale la sta a fa’ sur serio”.

“Co’ le preferenze…”.

“Sì co’ le preferenze. Che c’hanno da sta’ sempre. Puro pe’ la “carbonara”. Nun ad’è mejo er guanciale de la pancetta?”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da