08082022Headline:

Peppe Sini, l’ingenuità e il paraculismo

avventure disegno“Antò, hai sentito c’ha detto Papa Francesco?” disse Barbara alzandosi dal divano, dopo aver finito di vedere in tivvù il discorso di Capodanno da piazza San Pietro. 

“No. C’ha detto?” rispose Antonio, mentre in cucina controllava con la dovuta attenzione quella pirofila di cannelloni che sfrigolava in forno, formando piano piano quella crosticina di cui lui andava matto.

“Ha detto che la pace è sempre possibbile e che la dovemo cercà. Co’ la preghiera, perché – ha detto – la preghiera è sempre a la radice della pace. La preghiera la fa germoijà”.

“A Ba’, viè a tavola che li cannelloni so’ cotti. Se nu’ li magnamo subbito se freddano e la mozzarella nun fila più. Movete”.

“Antò, vengo, vengo. Ma io te sto a parlà de la pace e tu penzi solo a li cannelloni? Penza puro a tutti quelli che so’ morti pe’ tutte le guere che ce so’ state e che ancora ce so’. Er monno è ‘na traggedia continua…”.

“Sì Ba’, c’hai raggione. L’omo è ‘n essere ‘nteliggente, ma è puro idiota. E soprattutto è avido. C’ha la continua sete de potere e de sordi. E finché nun se libererà de ‘st’avidità le guere ce saranno sempre. Purtroppo…”.

“Sì, Antò. E’ vero. Però, a parole, tutti dicheno che vonno la pace. Ma poi…”.

“La pace è n’utopia, Bà. Pe’ avè la pace ner monno toccherebbe de cambià le capocce umane. Falle diventà tutte come quelle de Papa Francesco. O come quella de Peppe Sini, che n’ha combinata ‘n’antra de le sue”.

“Perché, c’ha fatto?” chiese a questo punto Barbara incuriosita.

“Ha scritto a Renzi, ar presidente der Consiijo”.

“E che j’ha detto?”.

“J’ha detto che pe’ abbolì le guere bisogna abbolì l’eserciti. Che la Costituzzione italiana ripudia la guera e che lo Stato italiano continua a fa’ parte de ‘n’organizzazione terorista e assassina come la Nato”.

“Ma che è matto?”.

“No, Ba’. Peppe Sini nun è matto pe’ gnente. Solo che è ‘n idealista. Uno de quelli duri e puri. Coerente fino ‘n fonno co’ le sue idee. Perché è uno che – a differenza de tanti artri – poi le mette puro ‘n pratica ne li su’ comportamenti de tutti li giorni. Ma lui sogna un monno virtuale. Er monno reale, purtroppo pe’ lui e puro pe’ noi, è ‘n’antra cosa”.

“Eh sì, c’hai raggione. Renzi nun se lo sarà filato pe’ gnente”.

“E’ qui che se sbaij, cara Barbara. Renzi j’ha risposto, eccome. E j’ha detto che pe’ abbolì la guera servono coerenza, dialogo e comprenzione da parte de tutti. E serve, soprattutto, vive ne la realtà, che nun è fatta de desideri e de speranze, ma puro de sofferenza e de problemi complessi”.

“Beh, giusto”.

“J’ha detto puro ‘n’antra cosa: che lui, come presidente der Consiijo, deve garantì la sicurezza der Paese, puro rispettando l’accordi internazionali che garantischeno l’equilibri”.

“Certo, Antò. La Nato fu fatta quanno c’era la cortina de fero co’ la Russia. Ma mo’ c’è er terrorismo arabo che mette paura. Pensa ai Talebani dell’Afghanistan, a quelli de l’Isis, a quelli de Al-Qaeda. Hanno detto che vonno conquistà Roma ner nome de Allah. Pe esse ‘n pace ce vo’ rispetto. Da parte de tutti. Ma se quarcuno penza de sopraffatte co’ la violenza, noi ce dovremo puro difenne…”.

“E’ vero Ba’. Tu ce sei arivata subbito. Ma ce so’ puro quelli che nun c’arivano. O meijo. Che je fa comodo nun arivacce”.

“Che voij dì, Antò?”

“Voijo dì che a la ingenuità de Peppe Sini tocca purtroppo aggiunge er paraculismo de certi opinionisti der Bullicame (co’ tutto er rispetto pe’ la callara), che nun je pare vero de cavarcà la tigre, pe’ buttà ‘n po’ de merda sur presidente der Consijio. Così, tanto pe’ fa vedè che loro so’ più bravi e che capischeno più dell’antri. E allora, daje giù a Renzi, che ne la risposta sarebbe stato superficiale. Ma che je voij risponne a uno che te dice che la Nato è ‘n’associazione teroristica?”.

“Eh, Antò. Tu che j’avresti risposto?”

“Caro Peppe, la Nato sarà abbolita quanno nun ce sarà più nisciuno che minaccerà l’Europa. Visto che tu sei pacificista, prova a parlà co’ li Talebani, co’ quelli dell’Isis o co’ quelli de Al-Queda. Se li convinci, noi abbolimo subito la Nato”.

“E allora Renzi, perché nun j’ha risposto così?”.

“Perché è stato ‘n signore. E mo’ annamose a magna ‘sti cannelloni”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da