13042021Headline:

Quando la Ciambella riesce col buco

Dialoghi viterbesi, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegnoBarbara aprì il frigorifero della cucina, cercò invano tra i vari scomparti, poi chiamò Antonio che nel frattempo stava in giardino, intento a scavare una buca per sistemarci la nuova vasca del laghetto, appena acquistata su Internet.

“Antò, Antò, cori!!!” urlò a squarciagola.

“A Ba’, ch’è successo? Nu’ lo vedi che c’ho da fa’?”

“Viè Antò, che tocca annà de corsa a la Coop. Me manca er buro, e puro l’ova”.

“E che c’hai da fa?”

“Ma come! Le ciambelline, le ciambelline de Carnevale. Quelle cor buco ‘n mezzo”.

“A già penzi ar Carnevale! Ma n’è ‘n po’ presto? Quest’anno Pasqua è puro arta. Carnevale finisce a mezzo febbraio”.

“Sì, ma domenica viè Michele, che je piaciono tanto. E io ar nipotino mio lo vojo fa’ contento”.

“Vabbé, ho capito. Mo ce vo’. Basta che le fai bone ‘ste ciambelle. E soprattutto cor buco”.

“Tu, nun te preoccupà. Che de ‘sto periodo le ciambelle cor buco ce vengono tutte”.

“Che voi dì?”.

“Vojo dì che puro a palazzo de’ Priori la Ciambella j’è venuta bene!”.

“A Ba’ spieghete, perché nun te capisco”.

“Ma come, nu’ l’hai letto sur giornale? Er Comune ha recuperato tre mijioni d’euri, quelli che j’avevano fregato co’ la storia de Esattorie. Er tribbunale ha dato raggione a palazzo de’ Priori”.

“Beh, allora lì er buco l’hanno attappato. E allora, che c’entreno le ciambelle?”

Barbara rimase in silenzio per un attimo, poi rispose: “Sì, er buco l’hanno attappato, ma è proprio per questo che la Ciambella è venuta cor buco”.

“E io continuo a nun capì…”.

“Antò, svejete!. Chi è c’ha fatto la battajia pe’ recuperà ‘sti sordi? Chi è che s’è ‘ntestardita e è annata avanti come ‘n treno per avella vinta? Er vice sindaco, Luisa Ciambella, che a me me piace de più chiamalla Lisetta”.

“Ah già, nun c’avevo penzato. Beh, quella è proprio una tosta. Tant’è vero che l’hanno soprannominata puro la Merkele viterbese. ‘Na vorta tanto tocca parlà bene de li politici…”.

“E’ vero Antò. Perché oggi è de moda fa’ de tutt’erba ‘n fascio. Ma nun è così. Ce so’ li politici boni e li politici ladri e magnoni. E li cittadini, non è che poi so’ tanto mejo…”.

Antonio fece il viso perplesso. L’ultima affermazione di Barbara lo aveva di nuovo spiazzato. “E cioè?” chiese.

“Antò, io me ‘nformo. Hai visto proprio ieri a Roma? Hanno arestato per coruzzione e concussione 28 persone, funzionari de Municipi e de Asl, imprenditori e professionisti”.

“E c’hanno fatto?”

“So’ accusati d’essese imbertati mazzette da l’imprenditori per istruì pratiche edilizie, chiude ‘n occhio su li controlli pe’ la sicurezza ne li cantieri e antra robba der genere”.

“E i politici nun ce so’?”.

“No, stavorta no” replicò Barbara con voce decisa. “E questo dimostra ‘n antra vorta che la coruzzione è un male italiano, che acchiappa a tutti li livelli. ‘Nsomma, ognuno frega quello che pò. Antò, er più pulito c’ha la rogna”.

“C’hai raggione, Ba’. Bisogna sempre distingue. ‘Nvece oggi se tira a generalizzà, a mette tutti ner mucchio. Però li politici se la so’ puro cercata. N’hanno combinate de tutti li colori”.

“Questo è vero. Ma mo’ va a la Coop a compramme er buro e l’ova, c’ho da fa le ciambelle”.

“Ce vo’, ce vo’.  Basta che le fai cor buco. Come quella de’ palazzo dei Priori”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da