23092017Headline:

Santa Rosa: Macchina nuova, Facchini vecchi

Dialoghi viterbesi, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegno“Antò, viemme a dà ‘na spinta che la machina nun pija” urlò Barbara davanti al cancello del giardino di casa, mentre il marito era intento a scavare una grossa buca, giacché aveva deciso di realizzare un bel laghetto coi pesciolini rossi.

“E nun pija no. La batteria è arivata. E mica solo quella…” replicò Antonio.

“Annamo, annamo. Arza er culo e nun fa’ tante scene. Spigni” lo apostrofò Barbara con decisione.

“Vabbè, io spigno. Ma sta machina sarebbe ora de falla nova. Come ha fatto puro er sindico de Viterbo Micchelini…”.

“Perché, manco la sua pijiava?” chiese a questo punto Barbara incuriosita.

“No, Ba’, quella mica c’aveva er motore. Nun stavo a parlà de la machina co’ le rote, de l’automobile ‘nsomma. Stavo a parlà de la Machina de Santa Rosa. Perché er Comune ha deciso de falla nova”.

“Ah sì? Che bello. La Machina nova. E com’adè?”

“Boh. Pe’ dà ‘n giudizio toccherà vedella dar vivo. Pe’ mo c’è solo er bozzetto. Però, così a prima vista, me sembra un mezzo copiaticcio”.

“Che voi dì?” chiese a questo punto Barbara.

“Vojio dì che ha vinto ‘n’antra vorta Raffaele Ascenzi, quello de “Ali de luce”. Te la ricordi?”.

“E come no. Beh, quella era proprio gajarda. Me piaceva ‘n sacco”.

“Sì, è vero. Ma questa nova, che se chiama puro “Gloria”, secondo me j’assomija ‘n po’ troppo. ‘Nsomma, me sembra tanto la stessa minestra”.

“Vabbè Antò, nun fa lo schifignoso. In fondo la Machina è ‘n campanile arto 30 metri e li giocarelli ‘ntorno, gira che te rigira, so’ sempre quelli. L’importante è che ce sia la tradizzione”.

“Ah, quella c’è. Santa Rosa su ‘n cima, l’angeli, le fontane de Viterbo. E ‘sto giro ce so’ pure li Facchini…”.

“Beh, adè giusto. In fondo so’ loro che se fanno ‘n mazzo tanto pe’ portalla. E loro c’hanno detto?”.

“Gnente”.

“Come gnente?”.

“Gnente, Ba’. Gnente. Perché so’ ‘n guera cor Comune e allora nun parleno”.

“Ah sì? Ma perché, ch’è successo? Dimme, dimme, che so’ curiosa…”.

“Allora, la situazione è ‘ntricata. Er Comune l’ha snobbati de brutto, perché loro volevano sta’ ne la commissione che sceijeva la Machina nova. Poi ce se so’ messi de mezzo puro li sordi che sempre er Comune je doveva da dà per museo der Sodalizio e per pranzo annuale, e che nun j’ha dato. E quelli, lo sai, de puzza sotto ‘r naso ce n’hanno tanta. Così, se so’ fatti rode er culo e so’ ‘nnati su l’Aventino. Hanno detto che loro co li politici nun ce vonno avè più gnente a che vedé. E che la sera der 3 settembre nun ce li vonno manco sotto la Machina”.

“Addirittura… E Micchelini, er sindico, che dice?”.

“Dice che prima o poi ce pensa lui a riportà la pace. Ma fino a mo nun ha fatto gnente”.

“Vabbé. Però, si adè così, li Facchini c’hanno raggione da venne…”.

“Si, Ba’. Er Comune ‘n po’ de cazzate l’ha fatte. Ma a la base de tutto c’è er fatto che quelli se sentono tanti gesucristi. So’ permalosi e penseno che, dato che porteno la Machina, tutto j’è dovuto. Er probblema, cara Barbara, è che pure se loro dicheno che co’ la politica nun ce vonno ave’ gnente a che fa’, poi ne la politica – armeno in quest’urtim’anni – ce so’ stati sempre ‘n mezzo, eccome. E, dato che so’ tanti e voteno puro, li politici j’hanno dato sempre corda. Troppa. E loro se so’ montati la testa…”.

“Davero?”

“Sì Ba’, davero. E quarcuno co’ la politica in passato ce s’è puro sistemato. O c’ha sistemato li parenti stretti. ‘Nsomma, la politica n’ peccato grosso ce l’ha: quello d’avelli abbituati male. Oppure troppo bene. Fa tu”.

“Vabbé. Però mo’, co la Machina nova, er riconoscimento de l’Unesco e la vetrina de Expo 2015 avrebbero da fa pace…”.

“Avrebbero.  Ma se la Machina è nova, li Facchini, purtroppo, so’ sempre quelli vecchi. E allora…”.

“E allora, Antò, me la dai o no ‘sta spinta c’ho d’annà a fa’ la spesa?”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Massimo mecarini scrive:

    Va bene tutto, le bocciature, le critiche personali e non, i pagelloni di fine anno sempre negativi, qualche volta qualche buona parola. Fa parte del gioco e va accettato. Quello che non accetto, amici di Viterbopost, è il romanesco di questa rubrica. No, proprio non ci siamo. Se questoro due so’ vetorbese hanno da parla’ in vetorbese. Allora umilmente suggerisco di avvalervi della traduzione di qualche cultore del dialetto vetorbese (Ostelvio Celestini p.e.), in grado di dare più credibilità alla coppia di cui sopra.
    Un caro saluto
    Massimo Mecarini

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da