13042021Headline:

Stile viterbicolo

Le calze color daino: mai, mai e mai

Le calze color daino: mai, mai e mai

Viterbo, patria delle calze color daino. Se il Sole24Ore stilasse una classifica a livello nazionale la nostra città, senza dimenticare la florida provincia, porterebbe a casa l’oro per numero di collant venduti. Attenzione, non più calze color carne (quelle che nei negozi specializzati fanno passare per “naturali”), a Viterbo stiamo avanti e siamo passati alla sfumatura. A quella tinta marroncina che ricorda il manto di Bambi anche se, lo so, quello era un cerbiatto ma avete capito. E non c’è range di età stavolta, signore mie. Mi dispiace ma nel 2015 non sono più ammissibili.
Si aggirano nei locali, per strada e nei luoghi di lavoro. Pensano di passare inosservate perché d’altronde proprio per questo motivo le loro proprietarie credono di averle acquistate ma non è così: io le vedo. Fanno capolino da quello spazietto della caviglia tra il jeans e lo stivaletto o ancor peggio svettano nella loro interezza sotto a una minigonna o escono fuori spavalde da un’open toe. Spesso sono opache, a volte (brivido) anche lucide. Meschine, fingono indifferenza ma in realtà sono convinte di essere le regine dei collant perché legano col nero ma anche col blu e tutti colori dell’arcobaleno ma è qui che si sbagliano. Nessun abbinamento è più triste.
Fanno parte della stessa categoria dei reggiseni con le bretelline in silicone, altra invenzione inspiegabile. E infatti non è raro vederli accoppiati, specie ai matrimoni, regno per eccellenza delle calze color daino. Roba da far accapponare la pelle. E’ ora che vi mettiate in testa che sono antiestetiche, antiche e antisesso anche. Se proprio vi piace l’effetto nudo anche d’inverno allora soffrite il freddo senza troppe storie. E’ solo questione d’allenamento. Se invece non ve la sentite, mettetevi i pantaloni. Così è se vi pare.
L’auspicio è che questo nuovo anno appena iniziato segni una svolta: la fine, una volta per tutte di questi obbrobri ancora, speriamo per poco, legali.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da