21082019Headline:

Un corso per cantare il gospel (quasi) come lui

Alla Casa delle arti la proposta gratuita per scoprirne i segreti

Una lezione di gospel

Una lezione di gospel

Come in quella memorabile scena di The Blues Brothers. Con James Brown in versione reverendo, che accende il coro e converte James Belushi (“Ho visto la luce”), travolgendolo in un’improbabile danza acrobatica. La febbre del gospel – il canto tradizionale religioso dei neri americani – ha contagiato anche il Vecchio continente, tutto sommato meno conservatore del previsto. E lo dimostra anche il successo ottenuto dal festival che Viterbo gli ha dedicato lo scorso Natale: un successo clamoroso che ha travolto tutti e che probabilmente ha spinto La Casa delle Arti, officina culturale che si trova nel cuore del Pilastro (in via Cristofori numero 8) ad organizzare un corso particolare, e gratuito, per insegnare il gospel ai viterbesi.

Serena Caporale

Serena Caporale

Il centro, sostenuto dalla Regione e realizzato insieme al Comune ha scelto per la missione Serena Caportale, voce già vista a Sanremo (1994 coi Baraonna, 1998 con un brano scritto dall’indimenticabile Alex Baroni) e che ha collaborato come vocalist per Giorgia, Ornella Vanoni, Renato Zero, Renzo Arbore, Mango, Cocciante, Lucio Dalla e tanti altri. Un’esperienza e delle doti indiscutibili da soprano lirico, quelle della Caporale, affinate in televisione e dal vivo, in Italia e nel mondo. “Il gospel è la forma di preghiera più allegra e sincera che conosco – dice lei – Ma è anche un modo di comunicare pieno di gioia e di pathos”.
Il corso si svolge tutti i martedì, dalle 20 alle 21.30, è gratuito e aperto ai partecipanti di tutte le età (informazioni al numero 333.1788971), e punta a costituire un gruppo vero e proprio. E chissà che il gruppo partito dalla Casa delle arti non possa arrivare lontano e magari un giorno andarsi ad esibire proprio negli Stati Uniti. Così, giusto per togliersi lo sfizio.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da