22112019Headline:

Viterbese in Regione: presenti

Il consigliere regionale Enrico Panunzi

Il consigliere regionale Enrico Panunzi

Studenti modello? Quasi. Perché se è vero che le presenze a scuola sono quelle che contano (troppe assenze uguale a bocciatura assicurata) poi bisognerà anche valutare anche la qualità della frequenza. In attesa del giudizio a posteriori, vale la pena però analizzare i dati disponibili per un anno, il 2014 alla Regione. E qui, i tre consiglieri regionali viterbesi, spiccano almeno per un dato inequivocabile: l’assiduità.sui banchi del consiglio.

Il consigliere regionale Daniele Sabatini

Il consigliere regionale Daniele Sabatini

Già, perché sulle 59 sedute del parlamentino durante l’anno appena concluse, i viterbesi sono mancati rarissime volte. E’ il caso per esempio di Enrico Panunzi, eletto nelle file del Partito democratico e poi votato anche come presidente della sesta commissione regionale: il canepinese ha fatto registrare una sola assenza sulle 59 convocazioni appunto. Lo stesso risultato lo ha centrato Daniele Sabatini, eletto con il Popolo della libertà e poi passato al nuovo gruppo del Nuovo Centrodestra: il giovane ex assessore viterbese pure è mancato una sola volta su 59 sedute. Enrambi gli esponenti della Tuscia si piazzano a ridosso dei “primatisti”, gli otto consiglieri cioè che possono vantare il 100 per cento delle presenze. Si tratta, per la cronaca, di Daniele Leodori (presidente del consiglio), Marco Vincenzi e Mauro Buschini del Pd, di Teresa Petrangolini e Daniele Mitolo di Per il Lazio, di MicheleBaldi della lista civica Zingaretti, di Devid Porrello del Movimento Cinque stelle e di Francesco Storace. Leggermente peggiore il piazzamento di Riccardo Valentini, capogruppo di Per il Lazio, che conta tre assenze durante il 2014. E anche l’altra esponenente eletta nella Tuscia, la pentastellata tarquiniese Silvia Blasi, si attesta comunque al di sopra dei “peggiori”, i più assenti – si fa per dire, visto che tutti comunque superano l’80 per cento delle presenze – che risultano essere Gaia Pernarella (M5S), Marino Fardelli (Lista Bongiorno), Pietro Sbardella (Gruppo Misto) e Olimpia Tarzia (Lista Storace), della Destra.

Silvia Blasi del Movimento Cinque Stelle

Silvia Blasi del Movimento Cinque Stelle

Va detto che per il calcolo è stato tenuto conto della convocazione del consiglio, laddove sia durato anche più giorni: fa fede la firma della presenza, ma resta comunque il dato diffuso di un’altra preszenza in aula di tutti i consiglieri e coi viterbesi che per una volta non hanno stonato. E i risultati? In generale sono state approvate 18 leggi, tre in più del 2013 (aumento del 10 per cento).

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da