20092021Headline:

E’ solo violenza, non una “ragazzata”

Sono vicina alla giovane di Montefiascone e pronta ad aiutarla

no-violenza-donneVolevo esprimere tutta la mia vicinanza e solidarietà alla giovanissima ragazza di Montefiascone, vittima di violenza da parte di tre suoi coetanei, e ai suoi genitori.
Onestamente mi sembra di assistere ad un film già veduto e vissuto in prima persona fino allo scorso anno, con grande sofferenza e tanta rabbia. Sono stati quasi setti anni che me li sento sulla mia pelle è che a mio modesto avviso non hanno reso giustizia alla vittima.
È una ragazza coraggiosa, che anche se a distanza di giorni, ha deciso di sporgere denuncia. Non è una cosa di poco conto, in quanto purtroppo, su questo tema, ancora non ci sono stati grandi cambiamenti, e poche sono le denunce, si preferisce tacere per non passare da vittima ad una ragazza di facili costumi. Passano gli anni ma non cambia la musica.
So che l’attende un lungo percorso non facile, ma dopo la prova di coraggio non si deve arrendere, e sperare in una giustizia più veloce e più efficace.
Non si può sempre pensare ad una “ragazzata” e concedere attenuanti data la giovane età. Anche le vittime di violenze sono giovani, e la loro vita improvvisamente cambia radicalmente.
Io non voglio assolutamente sostituirmi alla giustizia, ma dopo quello che ho vissuto per quasi sette anni, sono convinta che se non si applicano pene esemplari, tutti si sentiranno legittimati a comportarsi come vogliono.
Oggi più che mai, tutti i giorni assistiamo a violenze di ogni genere contro le donne sia che siano giovani, o meno, che vengono uccise anche con i propri figli, e non si può più pensare che tutti gli assassini non siano mai in grado di intendere e di volere: io mi rifiuto di crederlo.
Non conosco la giovane né i suoi famigliari, ma fin da ora mi metto a disposizione per qualsiasi cosa abbiano bisogno, fosse solo di supporto o di fattiva collaborazione.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da