03122021Headline:

Gloria a Milano: bene, brava, Bit

Il Comune Viterbo ha partecipato alla Borsa internazionale del turismo

Barelli e Pallotta alla Bit di Milano

Barelli e Pallotta alla Bit di Milano

Nel lontano 1997 quel gran paroliere di Frankie Hi-Nrg lo usava “come anestetico”. Il suo però, era un beat scritto con la “e” più la “a” parcheggiate in mezzo alla parola. Stesso suono, ma significato totalmente differente rispetto alla Borsa internazionale del turismo, quella di Milano. Sempre Bit, chiaro, stavolta però con la “i”. Ed ivi piantata dal 1980.
Ora, tralasciando anglicismi, assonanze e vocali, nel 2015 alla Bit Milano (Borsa internazionale del turismo) si è affacciata pure Viterbo. Uno di Viterbo, a dirla tutta. L’assessore Giacomo Barelli, nelle vesti di portavoce del Comune. Accompagnato dall’addetta stampa Cristina Pallotta, ma senza il primo cittadino Leo Michelini. In altre faccende affaccendato.
Innanzitutto, cos’è questa Borsa? “Oltre duemila realtà del settore (turistico) provenienti da cento Paesi, mettono in mostra i loro prodotti e servizi”, così recita il sito dedicato.
Bene. E che ha promosso Giacomino nostro? Ma chiaro, la Macchina di Santa Rosa. Sennò cos’altro? L’acqua (quasi) senza arsenico o la carica vacante di presidente del consiglio comunale? No, secondo quanto risulta a Viterbopost è andata egregiamente, visto che i rappresentanti viterbesi hanno avuto quaranta minuti interi per esporre e pubblicizzare la “merce”. All’interno dello spazio dedicato alla regione Lazio. In una conferenza-presentazione esclusiva, per i soli addetti ai lavori.

L'ingresso della Borsa internazionale del turismo di MIlano

L’ingresso della Borsa internazionale del turismo di MIlano

Provenienti dal pianeta intero. E quantificabili in un numero che va da quaranta a cinquanta unità. L’assessore ha descritto il nuovo modello, Gloria, anche grazie ad un video concessogli direttamente dall’ideatore, Raffaele Ascenzi. Non è mancato poi di ricordare il riconoscimento Unesco ed il recente patrocinio Expo. Sfruttando inoltre la vetrina, si è un po’ tornati indietro nella storia e nelle tradizioni.
Perfetto. Il 3 settembre non si troverà parcheggio quest’anno. Ma dal 4 al 2 del 2016? Il Comune ha parlato anche di questo, legandosi al Trasporto Barelli ha prima ringraziato il presidente del Sodalizio Mecarini, poi ha approfittato per spaziare sui temi Città dei papi e Terme dei papi. In piena ottica turistica e promozionale.
Insomma, tirando le somme, qualcosa s’è mosso (come diceva quello). A livello locale un morbido (ma non trascurabile) tentativo di ricucire lo strappo coi facchini. Su scala mondiale invece, dato il parere “emozionante” dei presenti, si spera che il viaggio Viterbo-Milano abbia stimolato qualcuno ad affacciarsi in terra di Tuscia.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da