22072019Headline:

La stagione teatrale fantasma

Cinque spettacoli, col patrocinio del Comune, annullati: "Non avevamo deciso nulla"

Un manifesto della stagione che non c'è

Un manifesto della stagione che non c’è

Come sempre a Viterbo stiamo avanti. Se infatti gli altri hanno il fantasma dell’opera (principianti), noi possiamo vantare addirittura la stagione teatrale fantasma. Cinque spettacoli, mica bazzecole. Spalmati ben bene in tutta la città e su appositi manifesti. Con tanto di “Patrocinio del Comune”, supporto del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, più Regione Lazio (per la cultura). Organizzatori, quelli dell’Atcl. Che non è una ditta di autobus, bensì l’Associazione teatrale fra i comuni del Lazio.
Dunque, tralasciando il programma (che poi mica pare male) la notizia è la seguente: il manifesto c’è, gli attori pure, le date anche, ma la stagione non si terrà. “È stata annullata – dicono i vertici Atcl, raggiunti telefonicamente”. E perché? “Non ne abbiamo idea”, sempre loro.
Il mistero si infittisce. Forse è il caso di tirare in causa pure l’ufficio turistico. Giacché lì si possono (potrebbero? Potevano?) acquistare i biglietti. “A noi ha telefonato l’Atcl – illustrano gli ufficiali turistici di via Ascenzi – chiedendo per favore di non emettere più prevendite”. E come mai? “Non ne abbiamo idea”. Della serie, aridanghete.
A questo punto subentra l’ultima speranza. La chiamata a casa, come direbbero nei telequiz. Ossia uno squillo all’assessore locale preposto al discorso in questione, Tonino Delli Iaconi. “Come ci stanno i manifesti in giro? – chiede lui stesso allibito – facciamoli togliere subito. Io non ne so nulla. E che ci sarebbe scritto?”.

Tutta la stagione che non c'è, nel dettaglio

Tutta la stagione che non c’è, nel dettaglio

Cinque serate assesso’, tre a Santa Maria in Gradi e due da voi, in aula consiliare di Palazzo dei priori. “Robe da pazzi – prosegue – c’è stato un contatto con l’Atcl, ma mica abbiamo chiuso la faccenda. Qui c’è da approvare un bilancio, prima di aprile non si può decidere. E poi io vorrei fare meno, ma fare bene”.
In che senso? “Due, tre date a Ferento d’estate – spiega – e poi da settembre ci sarà l’Unione da onorare. Che mi pare finalmente una sede consona per certe cose. Grazie dell’informazione, in ogni caso. Provvederò subito a far coprire i manifesti”.
Prego. E, per la cronaca, “A ruota libera”, di e con Giovanni Veronesi, oppure “È andata così” (nome perfetto, ndr) con Francesco Pannofino, noi ce li saremmo anche visti. Ma dinnanzi alla stagione fantasma…

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da