26022021Headline:

Quelle tegole che fanno energia

Fotovoltaiche, inventate da un piemontese e prodotte da un'azienda di Bagnoregio

Marco Ponziani, titolare di Alter Energia

Marco Ponziani, titolare di Alter Energia

Risparmio energetico e uso delle energie rinnovabili. Sono i temi sui quali da almeno 15 anni si confronta quotidianamente Marco Ponziani, titolare di Alter Energia, l’azienda di Bagnoregio (sede in vicolo delle Ripe 15) che propone soluzioni alternative e differenziate per l’isolamento termo-acustico e per la produzione di energia naturale  a costi contenuti. “L’ideale sarebbe campare di prepotenza e gratis. Ma spesso si dimentica che è la natura che comanda e che ad essa dobbiamo adeguarci”. Lui  è un’autorità nel campo delle rinnovabili (“Un settore dove talvolta vince il dilettantismo…”): ha cominciato occupandosi di geotermia, isolamento, biomasse, per poi occuparsi di fotovoltaico (“il cui boom si è esaurito non appena sono cessati i contributi statali…”), di pellet e ultimamente anche di tegole fotovoltaiche, un’autentica rivoluzione che permette di produrre energia naturale anche nelle abitazioni dei centri storici, senza rovinare il panorama.

Ma come si può “campare di prepotenza e gratis”? “La mia era una provocazione – spiega Ponziani -. Per avvicinarsi al variegato mondo dell’energia rinnovabile, occorre innanzitutto un approccio metodologico. Nel senso che esiste una varietà di soluzioni, tutte valide e tutte legate, però, al tipo di abitazione, all’uso che se ne fa, a chi la abita. Tanto per semplificare, in questi giorni di tramontana, è molto più conveniente un impianto eolico che non i pannelli fotovoltaici. In generale, bisogna arrivare a soluzioni integrate che sappiano sfruttare tutto ciò che la natura mette a disposizione”.

Par di capire che ci si muove in un territorio ancora vergine… “A me – risponde – pare ancora vergine la mentalità. Alla fine, al fruitore – cliente interessano solo i costi. Una ventina d’anni fa si spendevano volentieri un paio di milioni di lire in più per acquistare un’auto a gasolio, piuttosto che  a benzina. Perché si era certi che, in un arco di tempo ragionevolmente breve, si sarebbe ammortizzata quella spesa in più sostenuta all’inizio e poi si sarebbe potuto risparmiare. Bisognerebbe applicare il medesimo ragionamento al settore delle rinnovabili. Spendere mille euro in più oggi, significa risparmiarne molti di più in futuro. E senza provocare danni all’ambiente”.

Un esempio di tegole fotovoltaiche

Un esempio di tegole fotovoltaiche

Qualche esempio serve a fare un po’ di chiarezza. “Una casa circondata da un orto che produce foglie e residui di potatura, può tranquillamente usare queste biomasse per il riscaldamento. In zone ventose, sono consigliabili le pale eoliche. E i pannelli fotovoltaici vanno bene più o meno sempre.  Ma questi sono discorsi utili per edifici o abitazioni già esistenti; diverso il caso di case in costruzione dove esistono prescrizioni sull’isolamento acustico e termico. Senza fare polemiche, dico solo che si sa come vanno le cose in Italia: fatta la legge, trovato l’inganno… E comunque è opportuno affidarsi sempre a professionisti del settore, mentre sempre più frequentemente ci si affida ai rivenditori. Io sono un purista”. Cioè? “Una cosa è acquistare un abito in boutique, un’altra è farselo confezionare da un sarto. Oggi esistono tanti piccoli o grandi supermarket che vendono tutto a tutti. A me sembra sbagliato…”.

Ma come si arriva alle tegole fotovoltaiche? “Da una semplice costatazione: siccome la legge considera antiestetico un pannello solare sui tetti del centro storico, bisognava trovare una soluzione differente. Un mio amico piemontese le ha inventate e brevettate, io le commercializzo e appronto i progetti per sistemarle. Finora ne ho conclusi due: uno a Talocci in Sabina e l’altro nella zona di Frosinone. Sono tegole che non deturpano l’ambiente e hanno le medesime funzioni dei pannelli solari. Ce ne sono di vari modelli, in grado di accontentare i gusti del cliente e di adattarsi alla tipologia di quelle usate nella costruzione”. Nella Tuscia ancora niente… “C’è sempre tempo per cominciare”. In bocca al lupo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da