13042021Headline:

O Ditta ciao, o Ditta ciao, ciao, ciao

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegno“Antò, lassa perde. Tanto nun ce la farai mai” disse Barbara con aria disincantata al marito mentre quest’ultimo, da una mezz’ora buona, era intento a tentare di riattaccare il collo a una povera oca in terracotta, posta sul pianerottolo di casa, che s’era spezzato il giorno prima, dopo un disastroso e imprevisto rovesciamento.

“Ce la fo, ce la fo” replicò il marito. “Me devi solo da dà ‘n po’ de tempo perché er lavoro nun è semplice. E nun sa da vedè l’attaccatura. Vedrai che tra dieci minuti ho finito…”.

“Mah. Se lo dici tu. Io vedo che è ancora notte fonna…”.

“A Ba’, e piantala de fa ‘r gufo! Dovresti avé ‘n po’ più de fiducia ‘n tu’ marito, che se sta a dannà l’anima pe’ riaggiustà certi danni…”.

“Ahò, guarda che la fiducia è ‘na cosa seria…”.

“Sì, che se dà a le cose serie. Come quella de quer formaggio che ogni tanto pubblicizzeno ‘n televisione…”.

“No, Antò. Come quella che Matteuccio mio ha preso a la Camera su l’Italicum. Anzi: n’ha prese tre in du’ giorni. Ha fatto filotto. Mannanno a zampe pe’ l’aria la minoranza de Bersani e D’Alema, che mo se ritrovano ‘n brache de tela…”.

“Vabbé, tu la butti sempre ‘n politica. Comunque, pe’ venitte dietro, io dico che nu’ lo so se ‘l tu’ Renzi ha fatto la cosa giusta. Forse adera mejo fa ‘na mediazzione…”.

“Ancora? ‘N’antra? Dopo quattordici mesi de discussione e de modifiche? Ma nu’ lo vedi che ‘n Parlamento c’è ancora chi vo’ discute, discute, discute, pe’ poi nun fa’ gnente? Ner Pd so’ state fatte diecine de assemblee su ‘sta legge. Discusso s’è discusso e s’è puro votato. E la maggioranza der partito ha detto che annava bbene così. Più de ‘na vorta. Mo basta!”.

“Sì, però la minoranza aveva chiesto solo ‘n par de modifiche…”.

“La minoranza, Antò, è minoranza. E ‘n democrazia è la maggioranza che vince, visto che a mette tutti d’accordo tanto nun ce se riesce mai. E si se vota democraticamente, poi se fa quello che s’è deciso a maggioranza. Punto!”.

“Sì, sì, adé così. Però le minoranze vanno puro rispettate…”.

“ Scusa è. E modificà la legge, come Renzi ha fatto, pe’ venì incontro a certe richieste nun adè rispetto? Poi però, a ‘n certo punto, basta! Sinnò, modifica oggi, modifica domani, co’ tanti galli a cantà nun se fece mai giorno!”.

Antonio rimase pensieroso: “Sì, questo è vero, però…”. Poi, dopo un attimo di silenzio, azzardò: “Ma nun sarà che dietro tutto ‘sto casino su l’Italicum c’è quar’ cos’antro… In fondo le preferenze so’ state messe. E’ vero che so’ rimasti puro li nominati, ma er Porcellum li parlamentari li nominava tutti; e puro er Mattarellum, co li colleggi uninominali, adera la stessa cosa, perché li candidati li stabbiliva er partito. E metteva quelli che avevano da esse eletti ne li colleggi sicuri. E allora tutto ‘sto scandalo proprio nu’ lo vedo…”.

“Bravo, Antò” replicò subito Barbara. “Lo vedi che ce sei arivato? Tutto ‘sto scandalo nun c’è. E allora er motivo è ‘n’antro…”.

“Sì, Ba’. C’hai raggione. Er motivo ha da esse ‘n antro. Me sembra che dietro tutto ‘sto bordello ce sia ‘na vera e propria lotta de potere…”.

“Ari-bravo” rintuzzò subito Barbara. “La lotta, disperata de chi ha perso, dopo tutte le cazzate che ha fatto, ma che nun se vo’ rassegnà a perde er potere. Che vo’ continuà a sta’ lì a tutti li costi puro se da anni ha perso er contatto cor popolo. Nun se scordamo che se Berlusconi ha potuto governà pe’ tutti st’anni, è puro perché la sinistra je l’ha permesso. Aricordate sempre quello che disse Violante a la Camera ner 2003…”.

“Sì, sì. Mo che me lo dici me l’aricordo. Disse ar Berlusca che era ‘n ingrato, dopo tutti li favori che ‘r centrosinistra j’aveva fatto. A lui e a le su’ aziende…”.

Barbara, non contenta, mise subito altra carne al fuoco: “E mica è finita. Ner 2006, pe’ cerca de vince l’elezzioni, fecero er guazzabujo, mettenno ‘nsieme da Mastella a Bertinotti. Vinsero pe’ ‘na ‘nticchia: e quanto durò er governo? Un anno e mezzo, proprio grazie a Mastella, Rossi e Turigliatto…”.

“Pe’ nun parlà der ’96, quanno vinse l’Ulivo de Prodi. Dopo du’ anni a mannallo a casa fu ‘n’antra vorta Bertinotti…”.

“Co’ la reggìa de D’Alema…! Che poi diventò presidente der consijio co li voti de Mastella” replicò ancora Barbara inserendo nella discussione un altro carico da undici.

“E’ vero, Ba’. E’ vero. Pe’ nun parlà der 2013…”.

“Quanno se doveva smacchià er giaguaro? Beh, questa ormai è storia recente. Er poro Bersani che aveva da vince a mani basse e che ‘nvece pareggiò ‘n’antra vorta, se fece puro pijà per culo da li grillini in striminghe e combinò ‘n vero bordello ne l’elezzione der presidente de la repubblica, dovendo annà a la fine a ‘mplorà Napolitano…”.

“Beh – concluse Antonio – a ‘sto punto cambià cavallo era puro doveroso. Dopo tutte ‘ste Caporetto…”.

“Sì, Antò. Perché, si ‘nvece de sta’ in Italia fossimo stati da ‘n’antra parte, a quest’ora Bersani sarebbe dovuto sta’ a raccoje li pomodori ne l’orto de casa sua. E allora, mette la fiducia è stato giusto. Perché quello è stato ‘n voto tra chi vole er novo corso der Piddì e chi ‘nvece vo’ rimanè attaccato a la Ditta”.

“E la fiducia ar tu’ Matteo je l’hanno data. Tre vorte” disse Antonio, alzando il capo da quell’oca di terracotta che aveva finalmente il collo riattaccato a dovere. “Tu ‘nvece dovresti avenne ‘n po’ de più ne’ confronti de tu’ marito…”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da