30062022Headline:

Un giretto a San Pellegrino in fiore

Inaugurata la 29esima edizione della manifestazione che durerà fino a domenica

Piazza San Pellegrino

Piazza San Pellegrino

Può piacere e non piacere. Non piace a chi soffre d’allergia ai pollini, per esempio, e invece garba molto a chi ha il pollice verde, un giardino lussureggiante o un balcone tipo foresta tropicale. E’ San Pellegrino in fiore, uno dei veterani tra gli eventi viterbesi: ieri ha aperto la 29esima edizione, che durerà fino a domenica, sfruttando il ponte del primo maggio.

Piazza San Carluccio

Piazza San Carluccio

Sì, è San Pellegrino in fiore, e per vederlo e per capirlo non bisogna mica intrupparsi nella folla dell’inaugurazione, tra i doppiopetto delle autorità e i tamburi degli sbandieratori, né avventurarsi prima che gli ultimi ritocchi siano stati eseguiti. Bisogna andarci a metà pomeriggio del primo giorno, quando la flora è ancora rigogliosa e fresca e la fauna (umana) non troppo numerosa. Solo così si può cogliere l’essenza della manifestazione, carpire il particolare, intercettare un commento o un accento straniero. Piante e fiori, allestimenti arditi (via del Ginnasio, ormai storica), riferimenti fantasy (un drago di cartapesta, una bella ragazza in carne ed ossa vestita come il dio Thor in piazza San Lorenzo), qualche scivolata di gusto come la fontana di piazza del Gesù accerchiata – e oscurata – dalle piante.

La fontana di piazza del Gesù oscurata dalle piante

La fontana di piazza del Gesù oscurata dalle piante

Ma San Pellegrino in fiore è così: imperfetta da sempre, incasinata per definizione, e l’impressione è che quelle che per i viterbesi sono travi nell’occhio, per gli altri, i forestieri, siano soltanto pagliuzze. Per esempio: ci sono un paio di macchine parcheggiate sotto la scalinata di Palazzo papale? Ce ne sono altre tre in esposizione dello sponsor in piazza della Morte? E sacchi di mondezza al cancello dell’ospedale vecchio? Facciamo finta che siano parcheggi creativi e non se ne parli più. Tra l’altro, il blocco del traffico in via Cavour, con tanto di transenna, ieri sembrava funzionare bene.

La cascata a piazza San Carluccio

La cascata a piazza San Carluccio

Il resto sono bancarelle di vivaisti della zona, mostre d’arte, esposizioni di peperini e pietre varie, prodotti tipici. Piazza San Carluccio, griffata Camera di commercio, è la più bella. Piazza Scacciaricci, nel cuore di San Pellegrino, addirittura sorprende, con una mini cascata che scende dall’alto e che ti fa sentire per un attimo in Amazzonia (ma mancano le amazzoni: prego provvedere). Si cammina e si guarda, mentre arzille signore chiedono quanto costa quella piantina là, mentre i solidi nerd scattano foto pseudoartistiche, mentre famigliole olandesi in bicicletta si fermano per una sacrosanta birra, mentre il viterbese con l’occhio appizzato confida: “Era meglio l’anno scorso”. Qui non si fanno critiche: il bello è soggettivo, l’importante è che funzioni. E San Pellegrino in fiore, da 29 anni a questa parte, funziona.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da