13042021Headline:

Viterbese – Olbia: l’analisi tattica di Viterbopost

Sardi più intraprendenti, gialloblu aggrappati alla classe dei singoli

Un duro scontro a centrocampo

Un duro scontro a centrocampo

Vince al culmine della fatica la Viterbese E accede alle fasi nazionali dei play off di serie D. Vittoria sofferta: i gialloblu hanno dovuto attendere i tempi supplementari per festeggiare e regalare il sorriso al – finalmente – numeroso pubblico del Rocchi. Il gol di Saraniti (fino ad allora decisamente in ombra) toglie tutti dagli impacci, perché l’Olbia non demerita.

La squadra riceve il tributo della curva nord

La squadra riceve il tributo della curva nord

Gioca un calcio coraggioso, pieno di contenuti. Non a caso la squadra allenata da Biagioni ha collezionato 35 punti in 16 partite nel girone di ritorno. L’ex tecnico gialloblu ha costruito un piccolo giocattolo che funziona bene. L’Olbia è un complesso che mette in difficoltà la Viterbese: la migliore squadra vista al Rocchi. Biagioni comanda dalla panchina, Steri e Molino sono i condottieri in campo. I gialloblu devono adattarsi alla contesa.

L'esultanza di Andrea Saraniti dopo il gol decisivo

L’esultanza di Andrea Saraniti dopo il gol decisivo

Moduli a specchio: 4-3-3. Gregori si affida alla solidità di squadra. I sardi hanno ottime geometrie. A turno attaccano da destra o da sinistra: preferiscono costruire l’azione dal basso. Poi partono le verticalizzazioni sulle fasce: il terzino ha il compito da fare la sovrapposizione dopo che il regista ha impostato e la mezzala ha dettato il passaggio. Movimenti efficaci che tengono piuttosto bassa la Viterbese. Se da un lato è chiaro che l’Olbia nulla ha a perdere (deve vincere a tutti i costi per passare il turno), dall’altro i gialloblu sanno di poter avere due risultati a disposizione. L’unica nota tattica degna d’essere segnalata è il lancio a cercare Neglia (raramente Oggiano): l’esterno deve saltare l’uomo per creare superiorità numerica. Ma non accadrà spesso. La Viterbese tende ad arretrare e l’Olbia prende coraggio.

Piero Camilli in tribuna

Piero Camilli in tribuna

Poi arriva l’espulsione di De Cicco (doppia ammonizione) che in teoria dovrebbe cambiare la gara. In realtà l’Olbia offre il meglio di se stessa. I sardi vanno vicini al gol con Molino e Mastinu ma sulla linea bianca c’è sempre un gialloblu a strozzare l’urlo in gola. I cambi ordinati dalle panchine non modificano la situazione. Serve il colpo per sbloccare la gara: ci pensa Saraniti che indovina l’angolo basso e fa esplodere il Rocchi. Ora i gialloblu sono tra le prime dieci d’Italia: il sogno continua.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da