03072020Headline:

Che brutta aria tira sui colli romani…

Daniele Sabatini (Ncd): "Situazione pesante soprattutto in Campidoglio"

Il consigliere regionale Daniele Sabatini (Ncd)

Il consigliere regionale Daniele Sabatini (Ncd)

Consigliere Daniele Sabatini (Ncd), che aria tira in Regione?

“Sarebbe meglio dire che aria tira a Roma”.

A parte il ponentino, che succede?

“Succede che tira aria brutta e pesante, soprattutto in Comune”.

Perché distingue le due posizioni?

“Perché sono oggettivamente differenti. Decisamente peggio in Campidoglio dove il Pd è pesantemente coinvolto”.

Le inchieste di Mafia Capitale coinvolgono attuale e passata amministrazione…

“Infatti. Il discorso è generale: non so che cosa accadrà oggi o domani, ma al momento la situazione mi pare fortemente compromessa in Comune”.

Il sindaco non la pensa così.

“Marino farebbe bene ad evitare manifestazioni di giubilo dopo la surroga dei consiglieri che si sono dimessi perché coinvolti nell’inchiesta. Mentre la gente legittimamente protestava, lui mostrava le dita col segno della vittoria. Ma che c’è da festeggiare? Gesti sconvenienti e condotta ad alta superficialità. Ad essere eleganti”.

Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio

Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio

Non le è proprio simpatico…

“Non c’entrano antipatia o simpatia. Sono arrabbiato con lui. E con Orfini e col Pd che lo coprono. E’ inutile che dica ‘Noi non c’entriamo’. I consiglieri coinvolti si sono già dimessi…”.

Perché in Regione la situazione è diversa?

“Perché magari è stato introdotto qualche anticorpo in più. In due anni sono stati messi a gara appalti per 4 miliardi di euro e non un centesimo è finito a quella organizzazione, oggi sotto la lente della magistratura. Resta comunque una responsabilità politica”.

In che senso?

“Nel senso che tutti i partiti, compreso il mio, devono fare pulizia. Se necessario, si arrivi anche alle espulsioni”.

E’ diventato giustizialista?

“Assolutamente, no. Eravamo e siamo per un’impostazione garantista. Però va fatta pulizia, a cominciare dalla selezione delle candidature”.

Magari servirebbero le primarie…

“Non lo so, ma servono regole più stringenti. E comunque onestà e disonestà camminano sulle gambe degli uomini. Pretendere però candidati onesti e magari anche capaci è un’esigenza che vale per tutti”.

Il sindaco di Roma Ignazio Marino

Il sindaco di Roma Ignazio Marino

Qualche mese fa Storace sosteneva che Zingaretti stava per cadere: che ne pensa?

“Bisognerebbe chiedere a lui. Ma al personaggio piacciono espressioni abbastanza forti”.

Come si esce da una situazione del genere?

“Rispettando le regole, innanzitutto. Se c’è del marcio, che sia ripulito e che siano puniti i responsabili?

Poi?

“Con un garantismo serio verso tutti (indagati, coinvolti, tirati in ballo…) e con un accertamento rigoroso di tutti i fatti penalmente illeciti”.

La sintesi?

“Non tutta la politica è corrotta: al  momento, sono una decina gli amministratori coinvolti su circa 200 tra attuale e passata consigliatura in Regione e in Comune. Le generalizzazioni fanno molto male alla credibilità delle istituzioni”.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da