04072020Headline:

Gli etruschi a Viterbo: dove eravamo rimasti

Gli onorevoli Fioroni e Mazzoli ascoltano la lezione della Venturi

Gli onorevoli Fioroni e Mazzoli ascoltano la lezione della Venturi

Gli etruschi, dunque. Popolo misterioso oggi (così racconta il luogo comune) e che ieri abitava, anche queste terre. Così nasce l’Etruria experience, laddove il termine inglese è spiegabile soltanto per ragioni di convenienza, visto che s’abbina all’Expo Milanese. Diciotto comuni insieme – tipo lega dei dodici popoli, giusto per restare in tema – tra Lazio, Toscana e Umbria, con tanti centri che allora erano importanti, da Chiusi a Vetulonia, da Orvieto a Tarquinia. E Viterbo, da comune capofila, ieri ha inaugurato due mostre mica male, che dureranno fino al 31 ottobre (quando finisce Expo) e che insieme costituiscono quello che va di moda chiamare “sistema museale”. Il titolo è “In alto i kantharoi”, qualcosa tipo in alto i calici, come ad un happy hour.
L’inaugurazione, allora. Alla presenza di ben due deputati della Repubblica, troppa grazia, cioè Fioroni Giuseppe e Mazzoli Alessandro. Si comincia dal museo civico di piazza Crispi, con gli Etruschi dal volto di pietra. Ed eccola, la pietra, piazzata nel chiostro medievale in teste (sei) e sarcofagi di nenfro, una specie di tufo, ma più malleabile e resistente al colore.

Visitatori al Museo Civico

Visitatori al Museo Civico

Sindaco, vicesindaco, tre assessori, tutti ad ascoltare le dotte spiegazioni della dottoressa Venturi, e a girare il chiostro del museo stile Padrino III. “Una buona parte di questa esposizione proviene da ciò che avevamo sempre avuto. A lungoTra depositi del museo, come nel caso di quel bucchero, da 44 anni in prestito alla Prefettura”.

Poi il corteo ha preso il via lunghe pieghe del percorso museale. E dopo il rinfreschino targato Coldiretti, la carovana si è diretta alla Rocca Albornoz per tagliare una altro, quello della rassegna Acquarossa e banchetto su cui si concentrano altri temi cari ad Expo come l’alimentazione.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da