04072020Headline:

Viterbese, si muovono i tifosi

Oggi allo stadio un incontro (a cui è stato invitato anche il sindaco) sul futuro del club

Il sindaco Michelini allo stadio

Il sindaco Michelini allo stadio

Sono quelli che hanno gioito e sofferto per tutta la stagione. Sono quelli che si sono sciroppati, un anno fa, un’intera stagione in Eccellenza – campi piccoli, squadre de borgata, livello tecnico infimo – soltanto perché credevano nel progetto. Sono quelli che domenica scorsa hanno lasciato lo stadio con la pioggia che mischiava qualche lacrimuccia. Adesso tocca a loro scendere in campo, per una battaglia difficile ma fondamentale per le sorti della Viterbese.

Ci provano, i tifosi gialloblu. E ci provano presto, perché il tempo è un fattore decisivo in questa faccenda. Piero Camilli ha già detto che se ne andrà ma il popolo del Rocchi non vuole mica mollare. Non mollò quella volta con la Tharros, o quell’altra col Tolentino, o quel giorno a Montefiascone. Né ha mai concesso troppi sciali ai presidenti furbacchioni di turno o ai politici furbetti che hanno utilizzato la Beneamata per fare strada (e quanti ce ne sono stati, e quanti ce ne saranno).

Ci provano, anche se non oggi, perché l’incontro allo stadio Rocchi è saltato perché il sindaco (invitato insieme al suo delegato allo sport Sergio Insogna) non poteva, aveva già degli impegni improrogabili. E’ probabile che il confronto slitti a martedì.

Dal primo cittadino i tifosi si aspettano innanzitutto chiarezza. Consapevoli che anche il sindaco può fare poco se davvero Camilli ha deciso di lasciare, i sostenitori chiedono comunque di sapere la posizione del Comune. Se Palazzo dei priori ha davvero fatto tutto il possibile per mettere il Comandante nelle condizioni di fare calcio a Viterbo. Se si poteva fare di più (ad occhio, sì). Se è possibile un ultimo, disperato, tentativo per ricucire la situazione.

L’esito è incerto, ma già provarci è qualcosa che fa onore ai tifosi della Viterbese e che dimostra, semmai ce ne fosse ancora bisogno, il loro attaccamento alla squadra, allo stemma, ai colori e tutto sommato alla città. Poi quello che succederà dopo si vedrà. Que serà serà.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da