20102020Headline:

Anche il parco di Vulci comincia a tirare

Nei primi 6 mesi del 2015, il numero di accessi all'area archeologica cresce del 10%

Il castello di Vulci

Il castello di Vulci

Non c’è solo la splendida e (molto) fragile Civita di Bagnoregio ad inanellare record su record quanto a numero di presenze, di visite, di attenzioni. Nella Tuscia altre realtà danno significativi di crescita.  A Vulci (territorio di Montalto di Castro), ad esempio, il primo semestre del 2015 ha confermato l’andamento positivo dello scorso anno: le visite sono in costante aumento e il Parco Naturalistico Archeologico si conferma come meta di eccellenza del Viterbese per i turisti, le famiglie, le scolaresche e i gruppi organizzati che hanno ammirato gli scavi archeologici della città etrusco-romana e le straordinarie tombe etrusche, partecipando con interesse anche alle visite guidate organizzate dal parco.

Il periodo gennaio-giugno 2015 ha registrato dunque un incremento di visitatori del 10%, con una festosa e allegra “invasione “ di studenti che hanno scoperto la storia e la natura di Vulci (anche quest’anno oltre 4 mila alunni), ma anche tanti visitatori domenicali e famiglie che hanno scelto Vulci per una gita primaverile.
Durante questi mesi il Parco Naturalistico Archeologico di Vulci è stato “ospitato” in numerose trasmissioni televisive seguite dal grande pubblico come Sereno Variabile e Geo, che hanno contribuito a far conoscere le bellezze delle terre di Maremma. E’ stato protagonista di articoli su riviste specializzate italiane  (come Archeo) e straniere. Le recenti scoperte archeologiche hanno destato anche interesse nei convegni archeologici.
Inserito nelle iniziative per Expo 2015, il museo archeologico di Vulci ha inaugurato proprio i primi di giugno una mostra legata al tema dell’alimentazione nell’antichità, che resterà aperta al pubblico fino al mese di ottobre.

Gran pienone per il Festival di Vulci

Gran pienone per il Festival di Vulci

Dunque un invito a Vulci per l’estate 2015, che propone un calendario di attività ed eventi con tante novità: fra tutte anche l’apertura straordinaria fino a mezzanotte dei percorsi illuminati (la biglietteria chiuderà alle ore 22) che si snodano lungo i principali edifici dell’antica città etrusco-romana.

“Il Parco di Vulci – afferma l’assessore alla cultura Eleonora Sacconi – è diventato per l’amministrazione comunale un volano che sta permettendo di far crescere il paese in ambito turistico ed economico. Le bellezze del nostro parco sono state riconosciute a livelli internazionali anche dalle più alte forme istituzionali e grazie al costante impegno dell’assessorato alla cultura e della società Mastarna, stiamo riuscendo a far conoscere il nostro territorio come ‘culla’ della cultura”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da