30062022Headline:

L’auto elettrica non sfonda a Viterbo e in Italia

Nella Tuscia solo lo 0,32% delle vetture utilizza questo tipo di trazione. Roma leader

L'auto elettrica non sfonda a Viterbo

L’auto elettrica non sfonda a Viterbo

Ecologica, silenziosa, sicuramente il mezzo di comunicazione del futuro, ma a Viterbo (come del resto in ogni angolo d’Italia) l’auto elettrica non sfonda. Soltanto lo 0,32% delle vetture circolanti utilizza la trazione elettrica. E si trata, peraltro, della percentuale più alta fra tutte le province laziali: Latina, infatti, totalizza lo 0,29%, mentre Frosinone e Rieti si fermano allo 0,17%. Eppure il Lazio, nel complesso, è la regione italiana dove è presente il maggior numero di auto elettriche con una percentuale del 20,17% del totale del nostro Paese. Ma il dato è fortemente influenzato da Roma che totalizza, da sola, il 19,21% delle auto elettriche italiane. Questi risultati derivano da un’elaborazione del Centro Studi Continental su dati Aci.

La graduatoria delle dieci province italiane in cui circolano più auto elettriche vede in testa Roma (19,2%), al secondo posto Milano (10,8%), e poi Bolzano (6,1%), Trento (5,9%), Firenze (4,1%), Reggio Emilia e Torino (3,7%), Bologna (2,7%), Brescia (1,9%) e Palermo (1,8%). Come si vede si tratta di province del centro nord Italia, con la sola eccezione di Palermo, che si piazza al decimo posto. Altro particolare interessante da notare è che nelle prime dieci province in graduatoria circola circa il 60% del totale delle auto elettriche del nostro Paese.

Dai dati fin qui esposti emerge che vi sono alcune realtà locali, province e regioni, che sono più sensibili al tema auto elettriche rispetto alle altre. Su tutte si distinguono le città di Roma e Milano, città che dispongono da un lato di una rete di punti di ricarica (essenziali per la diffusione di queste vetture) e dall’altro hanno promosso normative sulla circolazione particolarmente rigide che premiamo chi utilizza veicoli a zero emissioni, come le auto elettriche.

Vi è però da dire che a livello di numeri assoluti il parco circolante di auto elettriche è composto sull’intero territorio nazionale da 3.430 unità, che sono veramente un’inezia rispetto ai circa 37 milioni di autovetture in circolazione: meno dell’uno per mille. Per fare un esempio, la città leader, che è Roma, pur avendo il 20% del parco circolante nazionale ha in effetti in circolazione sulle sue strade solo 659 auto elettriche.

La carenza di punti di ricarica penalizza la scelta di auto a trazione elettrica

La carenza di punti di ricarica penalizza la scelta di auto a trazione elettrica

Ciò vuol dire che moltissimo deve ancora essere fatto per favorire la diffusione di queste vetture che, a fronte di importanti vantaggi (zero emissioni, bassissimi costi di ricarica) sono penalizzate dalla carenza di strutture di ricarica, da una durata della batteria incompatibile con l’uso extraurbano e da tempi di ricarica ancora troppo lunghi. E’ su questi fattori che si deve lavorare per favorire la diffusione delle auto elettriche, puntando in particolare sulle grandi città, dove la sensibilità verso questo tipo di veicoli, come si è visto, è già oggi particolarmente sviluppata.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da