13042021Headline:

A Tolfa in palio il “Drappo dei Comuni”

Alla gara partecipano Oriolo Romano, Sutri, Tarquinia, Blera e Monte Romano

Una fase delle gare di Tolfa

Una fase delle gare di Tolfa

Tolfa si conferma sempre più grande crocevia di eventi di grande impatto territoriale: dopo il grande successo di TolfArte – Festival Internazionale dell’Arte di strada e dell’Artigianato artistico e il festival Tolfa Jazz,  si apre l’edizione 2015 della tradizionale Corsa dei cavalli purosangue al fantino, che da qualche anno riunisce in una grande sfida 16 municipi delle province di Roma e Viterbo, per contendersi l’ambito “Drappo dei Comuni”: Tolfa, Allumiere, Anguillara Sabazia, Canale Monterano, Civitavecchia, Cerveteri, Formello, Ladispoli, Manziana, Oriolo Romano, Santa Marinella, Sutri, Tarquinia, Trevignano Romano, Blera e Monte Romano.  L’evento, a cui lavorano oltre oltre 50 volontari coordinati dalla Pro Loco con la collaborazione diretta del Comune di Tolfa, ha una lunga storia: da sempre le corse dei cavalli tolfetani, nota razza tipica dei Monti della Tolfa, hanno coronato i festeggiamenti del patrono S. Egidio Abate. Anche quest’anno la manifestazione sarà dunque all’insegna della tradizione e della tipica accoglienza di Tolfa, unica città della Provincia di Roma ad essere membra del circuito Cittaslow per le sue peculiarità e la sua ricettività a misura d’uomo.

Sabato 5 settembre si terrà a Tolfa la Cena di Gala alla presenza dei sindaci dei Comuni partecipanti e delle scuderie, durante la quale saranno sorteggiati gli abbinamenti tra cavalli e municipi. La corsa invece si terrà domenica 6 dalle ore 10.30 per continuare tutto il giorno: i vincitori delle batterie si qualificheranno per le finali, che avranno luogo nel pomeriggio a partire dalle 16, subito dopo la sfilata dei sindaci che con la fascia tricolore porteranno sul palco della giuria il Drappo dipinto dall’artista Roberta Santoni.

Fantini scatenati per conquistare il "Drappo dei Comuni"

Fantini scatenati per conquistare il “Drappo dei Comuni”

Il tracciato della corsa è lungo circa 450 metri e si snoda lungo Viale d’Italia, in leggera salita e con una curva. Oltre all’interramento completo del percorso sono state installate una serie di transenne esclusive a collo d’oca, con le quali il Comune di Tolfa insieme ad altre precauzioni specifiche ha voluto garantire la massima protezione per gli spettatori e per i cavalli. Il pubblico come di consueto potrà assistere alla gara gratuitamente lungo il Viale d’Italia. Una tradizione che qualcuno fa risalire addirittura agli etruschi: di vero c’è un’anfora rinvenuta nella necropoli tolfetana del Ferrone che raffigura una gara tra cavalieri. Nel Medioevo ancora troviamo testimonianze di gare a cavallo in occasione delle festività di San Secondiano. Arrivando ai giorni nostri, i manifesti dei festeggiamenti di S. Egidio di inizio ‘900 riportano con evidenza questa tradizione, che da qualche anno (anche alla luce delle nuove norme di sicurezza relative a questo genere di eventi) ha trovato nuova linfa nella formula del “Drappo dei Comuni”, con la partecipazione dei 16 comuni delle province di Roma e Viterbo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da