25022020Headline:

Coi sapori del rito, evviva Rosa e l’appetito

Menù e prodotti locali per il 3 settembre e non solo: in nome di Expo e del Trasporto

La susianella

La susianella

Pizzicotti col pesto alla viterbese. I maccheroni (il fieno) alla Canapa con ragù di coniglio leprino. Zuppa di ceci e castagne. Polpette di lesso. Carote alla viterbese. Coregone del lago di Bolsena al forno e anguilla alla cacciatora. Ceci e lenticchie. Castagne. Una lunga serie di dolci (dalla sfoglia di Rosa al pane di Santa Rosa). E ancora: vini, olii, formaggi e salumi.
Dopo una cena così c’è il rischio che il Trasporto di Gloria sembri ancora più magico di quanto – sicuramente – sarà. Eppure questi sono i piatti che gli ospiti di Palazzo dei priori potranno assaggiare domani sera, in occasione della festa di Santa Rosa. E così gli ospiti del Comune, tra cui 13 ambasciatori provenienti da tutto il mondo, più i soliti vip e nip, potranno mettere alla prova dei rispettivi palati le eccellenze enogastronomiche della Tuscia.

Ma questa sarà soltanto la prima uscita de I Sapori del Rito – Il percorso di Santa Rosa, ingredienti e piatti della Tuscia. Cioè il progetto imbastito dall’amministrazione comunale di Viterbo insieme a Camera di commercio, Coldiretti e Provincia, e finanziato per la maggior parte (75mila euro) grazie al bando della Regione per Expo. Un’idea per conciliare e valorizzare i prodotti locali, la cucina tradizionale, i temi dell’esposizione universale milanese e, naturalmente, l’evento clou del panorama viterbese, vale a dire la festa di Santa Rosa. Il programma è stato presentato ieri nella sala d’Ercole di Palazzo dei priori.
“Dopo il riconoscimento Unesco alla Macchina di Santa Rosa è anche un modo originale – ha spiegato l’assessore ad Expo e ai Grandi eventi Giacomo Barelli – per mettere a confronto l’arte culinaria locale, e le caratteristiche organolettiche, con altre cucine che hanno ricevuto il patrimonio mondiale dell’umanità, tipo quella giapponese o quella del Messico (il cui ambasciatore sarà presente domani in città, ndr). Abbiamo fatto un lavoro in sinergia, con la Camera di commercio, la Provincia e la Coldiretti, che ringraziamo per l’impegno e le professionalità messe a disposizioni, e anche con le realtà imprenditoriali locali, che hanno aderito con entusiasmo e che avranno modo di sfruttare questa operazione anche nel futuro, mi auguro. E poi abbiamo pensato di presentare il tutto al buffet del ricevimento in Comune, dove ogni ristoratore e chef avrà la possibilità di presentare il suo piatto”.

Il coregone al forno

Il coregone al forno

Il progetto non finirà con Santa Rosa. A spiegarlo è Stefano Polacchi, giornalista viterbese del Gambero Rosso e responsabile e coordinatore di una realtà che ha visto la collaborazione di 33 aziende del territorio: “Abbiamo riscontrato un grande interesse e altrettanta disponibilità nel fare rete nel settore dell’enogastronomia – sostiene Polacchi – Non era facile organizzare il tutto, e trovare un legame tra temi apparentemente diversi come Santa Rosa, Expo, il cibo e il vino della Tuscia. Ci è stato di fondamentale aiuto il lavoro decennale di Italo Arieti, siamo partiti dalle sue ricerche per mettere a punto piatti e abbinamenti, stando attenti anche all’aspetto filologico. E cioè cercando di non utilizzare quei prodotti e quegli alimenti che all’epoca di Santa Rosa non esistevano in Europa (tipo il pomodoro, arrivato dalle Americhe, ndr) e invece privilegiando quelle pietanze all’epoca diffuse, come il pesce del lago di Bolsena. I ristoratori che hanno aderito avranno una vetrofania, un adesivo da mettere sulla vetrina delle loro attività, affinché siano riconoscibili e possano costituire un percorso enogastronomico diffuso per le strade della città. Perché Rosa è una donna, è una giovane, ma è anche un colore e un sapore”.

La Camera di commercio precisa che quest’avventura era partita sui temi della dieta mediterranea (che comunque non saranno persi di vista in futuro) e che ha virato su Santa Rosa per sfruttare la doppia onda lunga Unesco-Expo: “E tutte le ricette saranno inserite nel database, affinché non vadano persi. Speriamo che altre realtà si uniscano”. Per la Coldiretti – che il 3 settembre organizzerà tra l’altro anche la cena istituzionale in Prefettura – “ci sono aziende che hanno fatto la storia di questo territorio e della sua economia. E’ giusto che siano loro le protagoniste”. Buon appetito, evviva Santa Rosa.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da