02032021Headline:

E domani tutti a scuola a piedi (a Civita)

Dal progetto "Sindaco per un giorno" nasce questa piacevole iniziativa. "Si ripeterà"

Il summit tra Angelelli ed i bambini

Il summit tra Angelelli ed i bambini

L’esempio, strano ma vero, è dato dai più seri. Ossia, dai bambini. Lo scorso marzo il Comune di Civita di Castellana ha promosso il progetto “Sindaco per un giorno”. L’intento, chiaramente, era quello di “costruire la città insieme ai più piccoli”. Dare loro spazio. Inserirli (nel modo giusto) all’interno del complesso mondo degli adulti. Promuovendo i valori della partecipazione e della cittadinanza attiva.
I cuccioli hanno risposto alla grande. Si sono dimostrati all’altezza della situazione. Ed hanno tirato fuori idee, proposte, riflessioni, tutt’altro che scontate. Al fine di organizzare e rispolverare Civita. Di dargli un taglio trasversale.
“Nel mandato passato ho chiesto loro di raccontarmi come era la città dei sogni. La pista ciclabile, ad esempio, non è farina del nostro sacco, ma un’idea che proviene dalle giovani menti locali – aveva spiegato il sindaco Gianluca Angelelli – anche la collaborazione coi più grandini, al parco Ivan Rossi, si è dimostrata fantastica. Quindi era logico pensare ad un qualcosa da fare insieme concretamente. E quindi ecco ‘Sindaco per un giorno'”.
Ed siamo ad oggi. Coi ragazzi delle scuole elementari che vedranno un loro progettino trasformato in realtà. Il concetto di base sbuca fuori dalla classe IV A della Manzi. E, seppur semplicissimo, segna un grande rivoluzione. Domani si terrà la giornata denominata “A scuola su due piedi”. Nel senso che, tutti (ma proprio tutti), arriveranno nei loro edifici, camminando. È vietato l’utilizzo di qualsivoglia mezzo.
“I ragazzi saranno accompagnati dalle maestre – prosegue il primo cittadino – e l’evento si ripeterà ogni primo di ottobre. Con tanto di magliettine con logo, da indossare obbligatoriamente”.

La maglia dedicata all'iniziativa

La maglia dedicata all’iniziativa

La cosa è stata presa sul serio, di brutto. Tant’è che l’Amministrazione ha addirittura emesso un’ordinanza a riguardo. “Per coloro che risiedono in zone molto distanti si individueranno dei parcheggi che funzioneranno come punto di raccolta – si legge in essa – oltreché come punto di arrivo delle auto. Da lì partirà la colonna di alunni ed insegnanti. I dirigenti scolastici, l’ufficio Pubblica istruzione, la Polizia municipale, ognuno per le rispettive competenze, sono incaricati dell’esecuzione della presente ordinanza”.
Della serie: così hanno voluto, così si farà.
Quindi, cari genitori, fatevene una ragione. E lasciate le vostre auto in uno dei seguenti punti: il secondo parcheggio in via Belvedere Falerii Veteres (per gli alunni delle scuole La Penna, XXV Aprile e suore Francescane), il piazzale della chiesa di Sassacci (per la Ercolini), e piazza della Liberazione (per Rodari e Don Bosco).
E buona scarpinata.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da