24012019Headline:

Giustizia è fatta: assolto Silvano D’Ascanio

Oggi la sentenza del tribunale di Viterbo dopo anni di udienze

Silvano D'Ascanio

Silvano D’Ascanio

Assoluzione piena, secondo l’articolo 530 del codice penale, la vecchia assoluzione “perché il fatto non sussiste”. Questa sentenza, arrivata  poco dopo le 13 dal tribunale di Viterbo, chiude in modo felice la vicenda giudiziaria di Silvano D’Ascanio, imprenditore viterbese, titolare dell’agenzia pubblicitaria Studio Uno e già editore di questo giornale. D’Ascanio era stato rinviato a giudizio insieme ad altre persone in un filone dell’inchiesta Love’s House, condotta nel 2007 da polizia e carabinieri. Era accusato di sfruttamento della prostituzione per la raccolta pubblicitaria di annunci erotici, poi pubblicati sulle pagine del Corriere di Viterbo. Un reato, secondo le accuse dei pubblici ministeri D’Arma e Tucci, che chiedevano per l’imputato 2 anni e 10 mesi di carcere. Di opinione contraria il giudice, che ieri ha assolto D’Ascanio.

L'avvocato Marco Ricci

L’avvocato Marco Ricci

“Una sentenza che accogliamo con soddisfazione – dice l’avvocato di D’Ascanio, Marco Ricci – e che ci aspettavamo, perché riconosce pienamente le nostre ragioni e riabilita pienamente Silvano D’Ascanio”. Già, le tesi difensive sull’estraneità dell’imprenditore e sulle ragioni prettamente professionali dell’attività (la raccolta pubblicitaria, appunto) sono state accolte. Restano però i segni di un’odissea giudiziaria che si è protratta dal 2007 ad oggi, tra rinvii e ritardi dovuti sì alla complessità del procedimento (erano tante le parti coinvolte) ma emblematici della giustizia italiana. Un percorso doloroso e difficile, per chi si è trovato sotto accusa, e lenito soltanto in parte dalla sentenza assolutoria. “Il processo non era incentrato soltanto su D’Ascanio – precisa Ricci –, quando si è arrivati ai distinguo la sua posizione è apparsa chiara: non ha commesso alcun reato”.

Altri tre imputati – proprietari delle case finite in cui secondo gli inquirenti sarebbe dovuta svolgersi attività di prostituzione – sono stati assolti, mentre un quarto è stato condannato a due anni e due mesi e a 600 euro di multa.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da