19022020Headline:

“Ma votare la manovra è costato 25mila euro”

Serra e Michelini: "Sei giorni di consiglio significano una spesa importante per le casse comunali"

L'intervento conclusivo di Michelini

L’intervento conclusivo di Michelini

D’accordo, il bilancio è stato approvato. Ma quanto è costato alle tasche della pubblica amministrazione? L’argomento non è né peregrino né pretestuoso, visto che il consiglio comunale di Viterbo ha impiegato quasi 60 ore – e sei giorni, da mercoledì scorso a ieri sera – per la discussione degli emendamenti, il dibattito e tutto il resto.

E’ sul finire dell’ultima seduta che viene fuori il discorso, grazie al capogruppo del Partito Democratico Francesco Serra, che premette: “La minoranza, prima di uscire, aveva presentato seimila emendamenti. Duemila il Movimento Cinque Stelle. Parliamo per la stragrande parte di argomenti e somme trascurabili, anche se il lavoro certosino dei grillini è apprezzabile, ma abbiamo impiegato, o perso, molto tempo per affrontarli. Ecco, sapete quanti soldi è costata questa manfrina? Diecimila euro circa solo di lavoro: 274 ore di straordinario per dirigenti e dipendenti per 5559 euro. Due impiegati per il consiglio per un costo di 1900 euro circa, altrettanti per i due uscieri, 800 euro per il servizio dei vigili urbani. Totale diecimila euro. Il calcolo è della collega Patrizia Frittelli – sottolinea Serra – e se è sbagliato lo è per difetto. Insomma, per cercare di risparmiare qualche centinaio di euro qua e là, spulciando nella mole degli emendamenti di De Dominicis, ne abbiamo spesi diecimila…” Dal pubblico, qualche militante del Movimento Cinque Stelle prova a replicare stizzito: “Perché guarda noi?”

Francesco Serra, capogruppo del Pd in Consiglio comunale

Francesco Serra, capogruppo del Pd in Consiglio comunale

E’ il sindaco, poco dopo, a tornare sul tema, in un intervento conclusivo in cui non risparmia randellate all’opposizione e al suo ostruzionismo. “In reltà dobbiamo parlare di costi aziendali, e per azienda intendo il Comune, di 25mila euro”, ha specificato il sindaco. Cioè, oltre ai diecimila euro citati da Serra bisogna tener conto anche delle altre spese vive: luce, acqua, fotocopie e tutto il resto. “In più ci sono incosti che vanno a gravare sul sistema paese – ha detto Michelini – Chi non può andare a lavorare perché deve essere presente in consiglio, il dirigente comunale costretto a stare qui invece di essere in ufficio a lavorare per i cittadini, e tutto il resto. Saranno pure i costi della politica, d’accordo, ma di cosa siamo stati costretti a discutere lo avete visto tutti…”

E Livio Treta, per concludere: “Soltanto a Viterbo c’erano in ballo seimila emendamenti. Tra tutti gli ottomila comuni italiani solo qui abbiamo assistito ad una mole così ingente di atti che ci ha costretto a sei giorni di consiglio – ha detto l’esponente della lista per i diritti – A Terni, a Civitavecchia, a Latina, ovunque, hanno dibattuto pochi emendamenti, ma di sostanza…”. E hanno speso sicuramente di meno, molto di meno che da queste parti. Dove, si sa, non ci facciamo mancare nulla, proprio nulla.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da