03072022Headline:

Oui, je suis pronto per il gemellaggio

Viterbo - Avignone, appena presentato un progetto europeo. Si parte con una mostra

Il Palazzo papale di Viterbo

Il Palazzo papale di Viterbo

Ci siamo. Da un punto di vista spazio-temporale si è finalmente giunti al “doppo santa Rosa“.
Senza nulla togliere ai festeggiamenti in onore del Trasporto, dei facchini, delle tradizioni, e via discorrendo, la città (superata la sbornia emozionale) pian piano si rimette in moto.
Da un lato i comuni mortali tornano al lavoro (beato chi ce l’ha). Dall’altro gli apparati istituzionali si riaffacciano alla burocratica routine.
Così, posti in un cassetto ciuffi e cravatte, si può parlare nuovamente di gemellaggio. Quale? Ma come quale, quello con Avignone. Appena lo scorso maggio una delegazione francese era capitata all’ombra della Palanzana. I due sindaci (e relative delegazioni) si erano stretti la mano. E le pratiche di matrimonio erano state rinviate, appunto, al dopo Santa Rosa. “In realtà avevamo invitato la prima cittadina ad assistere al Trasporto – dice l’assessore Tonino Delli Iaconi, che si sta occupando della cosa – ma aveva degli impegni improrogabili. Ha ringraziato, e promesso che magari verrà in futuro”. Insomma, il tre settembre scorso a Palazzo dei priori i cugini non c’erano. Nel senso fisico del termine. Ma almeno erano stati avvisati.
Ed ora, come andranno avanti le trattative? “Il 31 agosto abbiamo presentato un progetto condiviso – prosegue Tonino – scadeva il primo del mese seguente. Ce l’abbiamo fatta, nonostante i mille impicci in corso. Il contenitore si chiama ‘Europa per i cittadini’, ed è più che altro un passo istituzionale. Nel senso, in ballo ci stanno solo 20mila euro. Quindi si è puntato più al riconoscimento effettivo che ai soldi”.
Perfetto. E che ci sta scritto dentro? “Si apre con la cronistoria del passato recente, le due ospitate – ancora lui – e poi si apre al 2016. Primo impegno previsto ad aprile”.

E il Palazzo papale di Avignone

E il Palazzo papale di Avignone

Ed ecco la notizia. In primavera infatti, qua nel capoluogo della Tuscia, si aprirà la mostra “Viterbo e Avignone, gemelli pontefici”. Scenderanno per l’occasione una cinquantina di rappresentanti d’oltralpe. E altrettanti, insieme a tutta la mostra, faranno a seguire il percorso inverso.
“In contemporanea ci sarà anche uno scambio di opere teatrali – aggiunge l’assessore – un reading bilingue, destinato chiaramente a stare sui due palcoscenici. E, per non farci mancare nulla, faremo incontrare pure le piccole e medie imprese. Vino, olio, nocciole e attività estrattive”.
Ultima sinergia, sempre primaverile, sarà quella dell’università. “In realtà già da un po’ le due sedi si stanno confrontando – chiude Delli Iaconi – quindi si vuole solo ratificare il connubio. Arrivare ad una convenzione nero su bianco”.
Tutte le attività infine, per non rimanere una “cosa a due”, avranno un taglio internazionale (perciò turistico) attraverso un apposito sito internet del gemellaggio. Che si aggiornerà ad ogni puntata.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da