28022021Headline:

Al Cubo “Io speriamo che me la cavo”

Paolo Villaggio è il nome pesante su cui puntano gli organizzatori del festival

I tre volti televisivi di Villaggio: qui Giandomenico Fracchia

I tre volti televisivi di Villaggio: qui Giandomenico Fracchia

In attesa di ulteriori stravaganti sorprese, ecco più il classico dei nomi di rottura. La più consueta delle presenze, come dire, ingombranti.
Il Cubo festival svela il personaggio pesante dell’edizione 2015. Di dentro al prossimo cartellone della manifestazione dalle sei facce e made in Ronciglione, ci sarà anche Paolo Villaggio.
Già. Proprio lui. Il ragionier Ugo Fantozzi. Ma anche il professor Kranz, volendo (per chi se lo ricorda in quelle vesti), nonché il morbido Giandomenico Fracchia. Questi i tre volti televisivi, che hanno riscontrato maggior successo, del comico oggi ottantaduenne. Ai quali però vanno affiancate anche le performance di lusso alla corte di Federico Fellini, Marco Ferreri, Lina Wertmüller, Ermanno Olmi e Mario Monicelli.
Insomma, Villaggio avrà sicuramente parecchio da raccontare. Una carriera nel segno di Fantozzi, a volte croce a volte delizia. Ed una vita parallela (ben) spesa come scrittore e sceneggiatore. E pure qui, ok, i testi sul “ragioniere” l’hanno fatta da padrone. Ma gli altri volumi non è che poi abbiano avuto meno successo. Forse solo meno eco, poiché di meno facili comprensione e interpretazione.

Segue la chicca, una locandina del Professor Kranz

Segue la chicca, una locandina del Professor Kranz

A tal proposito, ed entrando un po’ in ciò che potrà succedere a Ronciò, vanno rimarcate le sue provocazioni e le sue esternazioni “pane al pane, vino al vino” degli ultimi tempi. Villaggio infatti, in tardi età, ha spaccato varie volte l’opinione pubblica con frecciatine mirate e dolorose.
E pure stavolta pare che non si voglia risparmiare, indossando i panni del santone (qualcuno giurerebbe che sarebbe voluto venire di fianco del Pannella radicale, un altro pazzo scatenato), in una lunga e succosa intervista che verrà condotta da Roberto Torelli. Ennesimo provocatore nato (se mai ce ne fosse stato bisogno), autore di “Bella ciao” (approfondimento su Genova e G8), e di “All human right for all” (il cinema dello Stivale a disposizione della dichiarazione dei diritti umani).
La sintesi può essere: ne vedremo delle belle. Statene certi.
L’attore genovese, Leone d’oro alla carriera 1992, viene così annunciato dalla direzione (il duo Leali e Alessandro Vettori), dopo le già confermate presenze di Dacia Maraini, Anna Fendi, Paolo Crepet, Gero Grasso e Ugo Gregoretti. Seguirà nei giorni a venire un’altra manciata di personaggi illustri. Coloro i quali completeranno il cartellone.

Chiude il più noto, Ugo Fantozzi

Chiude il più noto, Ugo Fantozzi

Il Cubo, infine, che si terrà dal 4 all’8 dicembre (è prevista anche una puntata estiva, ma per parlarne c’è tempo), prosegue anche la sua doppia campagna di finanziamento. Tra istituzioni e sponsor privati infatti sono arrivati 13mila euro. Cifra che non ha scoraggiato gli ideatori, nonostante saranno più di 50 gli eventi, e che anzi ha suscitato la voglia di partecipare di un intero paese. I barattoli presenti nelle attività commerciale pare siano belli gonfi. E pure attraverso la rete in molti han già girato il loro contributo.
E questo è lo spirito silenzioso e laborioso che ha permesso di mettere in piedi una terza edizione coi fiocchi. Che sarà tutto, fuorché “una cagata pazzesca”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da