28022021Headline:

“Carivit, i livelli occupazionali non si toccano”

Paolo Capotosti, segretario Fabi: "Uscite anticipate dal lavoro solo su base volontaria"

Paolo Capotosti, segretario provinciale della Fabi

Paolo Capotosti, segretario provinciale della Fabi

Quasi il 70% di iscritti tra i dipendenti Carivit, quote anche superiori se si si guarda l’intero panorama della Tuscia: i numeri sono la testimonianza di quanto pesi la Fabi (Federazione autonoma bancari italiani) nel mondo del credito. E’ dunque opportuno, se non necessario, ascoltare il parere del responsabile provinciale Paolo Capotosti sul processo di incorporazione dell’istituto viterbese da parte di Intesa SanPaolo. “Sono necessarie alcune premesse – attacca – per comprendere bene la questione. Innanzitutto, il passaggio del 23 novembre è solo un fatto formale. Doloroso, dal punto di vista affettivo sia per i lavoratori che per le imprese e i clienti privati, ma dal punto di vista sostanziale non è che cambi poi molto”. Passaggio doveroso, e poi? “Il secondo aspetto preliminare è che la Cassa di Risparmio di Viterbo, insieme ad altri due istituti (cioè le Case di Risparmio di Rieti, Cariri, e di Civitavecchia, Cariciv),  entra a far parte ufficialmente di uno dei maggiori gruppi bancari italiani ed europei. Vale la pena ricordare e sottolineare che Intesa SanPaolo ha superato brillantemente tutti gli stress test (cioè, le valutazioni della solidità dell’impresa di credito) disposti dalla Banca d’Italia e dalla Bce. Insomma, si sta parlando di un gruppo importante e forte sotto ogni punto di vista. Ma c’è ancora un altro aspetto propedeutico che mi preme mettere in evidenza”. Dica pure… “Ci saremmo aspettati da parte delle istituzioni locali una maggiore vicinanza. Mi riferisco al Comune, alla Provincia e, soprattutto, alla Fondazione Carivit che, soltanto a cose fatte, ha fatto sentire la sua flebile voce ricordando gli oltre 150 anni di storia e di presenza sul territorio. Certo, con tutta probabilità non si sarebbe potuto invertire il corso degli eventi, ma di sicuro, noi dipendenti ci saremmo sentiti meno soli e più supportati. E’ andata così, non possiamo che prenderne atto. Non senza un pizzico di rammarico…”.

Detto tutto questo, segretario Capotosti, è il caso di tornare alla stringente attualità. “Stiamo seguendo con grande attenzione il processo di integrazione per tutelare tutti i colleghi. Che, non dimentichiamolo, furono i protagonisti, insieme al decisivo apporto di Cariplo prima e di Intesa dopo, del salvataggio della banca dopo i fatti del ’94 e la gestione, diciamo così, allegra che caratterizzò quegli anni. Ecco, anche per questo, i dipendenti avrebbero meritato un trattamento diverso. E migliore. Tornando ai giorni nostri, ci sono alcuna situazioni da valutare bene”.

A che cosa si sta riferendo? “Faccio alcuni esempi concreti. Cariciv è presente con una sua filiale a Montalto di Castro, dove ci sono anche gli sportelli Carivit. E’ evidente che le due agenzie saranno fuse e che non potranno conservare integralmente lo stesso numero di addetti. Stessa situazione a Orte dove ci sono Carivit e Intesa. Come pure a Ladispoli, dove però continueranno ad esistere, perché sono posizionate in zone molto lontane. A Viterbo sparirà la Cariciv della zona di via Garbini che sarà inglobata dalla Carivit agenzia 3 di via Polidori. Insomma, ci sono una serie di problematiche che riguardano una ventina di colleghi (tra direttori e dipendenti di vario grado) da tener d’occhio”.

Par di capire che il sindacato teme qualche colpo di mano… “No, non ho detto questo. Ma ribadisco un concetto fondamentale: non accetteremo uscite forzate dal lavoro, come invece avvenne in passato. Siamo e saremo sempre con i lavoratori che intendono lasciare prima l’impiego (e quindi all’utilizzo del fondo di solidarietà) solo su base volontaria. Anzi, colgo l’occasione per invitare pubblicamente i colleghi a segnalarci eventuali tentativi di forzatura da parte dell’azienda. I livelli occupazionali non si toccano: questo deve essere chiaro”.

Dal 23 novembre spariscono i marchi Carivit, Cariri e Cariciv

Dal 23 novembre spariscono i marchi Carivit, Cariri e Cariciv

C’è un altro aspetto, al di là di quelli sentimentali, che preoccupa un po’ i dipendenti: la presenza sul territorio. “Ecco, questo è il punto nodale della questione: Carivit ha svolto per decenni un ruolo decisivo nell’economia della Tuscia. Attraverso una vicinanza concreta alle imprese e alle famiglie. Il mio auspicio è che tale funzione non solo venga accresciuta, ma se possibile anche ampliata. Prima si diceva che con aziende medie e piccole, serviva una banca delle stesse dimensioni. Oggi, non vorrei che una banca decisamente più grande dimentichi il suo fondamentale ruolo di sostegno ad un tessuto imprenditoriale che non è cambiato di molto. Un aspetto migliorativo va però evidenziato: le aziende che lavorano con l’estero sicuramente saranno agevolate dalla presenza di Intesa SanPaolo, di certo più incisiva sui mercati internazionali. Ecco, cerchiamo di cogliere questi lati decisamente positivi”.

Restano le vicende sentimentali, per così dire…” In Carivit ci sto da 27 anni. E con me ci sono tanti altri colleghi con uguale se non maggiore anzianità: ecco, per tutti noi non sarà facile accettare che sparisca un marchio col quale siamo nati e al quale ci siamo inevitabilmente affezionati. Ci abitueremo anche a questo…”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da