28022021Headline:

Fratelli d’Italia, ma non in tribunale

Marcucci aveva querelato Bianchini e alcuni cronisti: tuttio assolti

Paolo Bianchini, ex assessore provinciale

Paolo Bianchini, ex assessore provinciale

Fratelli d’Italia, divisi in tribunale. Ieri il giudice civile di Viterbo ha assolto uno e ha respinto la richiesta di risarcimento dell’altro. Due politici viterbesi, Paolo Bianchini e Marcuccio Marcucci, colleghi di partito sotto le insegne di Giorgia Meloni. Ma avversari in tribunale.

La storia risale al 2009, a margine dell’operazione Dazio, che portò all’arresto di tre funzionari della Soprintendenza per una storia di mazzette. Tra i nomi delle persone coinvolte spuntò anche quello di Marcucci, geometra e all’epoca consigliere comunale per il Polo della libertà. Ne nacque una polemica politica, e sulla stampa.

Si discuteva sull’opportunità o meno che un consigliere comunale dovesse rassegnare le dimissioni dopo essere finito, seppur con posizioni diverse da quelle più gravi, nelle carte dell’inchiesta. Marcucci, sentendosi danneggiato dagli articoli giornalistici e anche dalle dichiarazioni di Bianchini, intentò un’azione civile risarcitoria nei confronti dell’esponente politico, di alcuni cronisti (Americo Mascarucci e Roberto Pomi) e del direttore di un quotidiano locale all’epoca in edicola, Paolo Gianlorenzo. Ventimila euro la richiesta di danni a Bianchini, 10mila a Pomi, 50mila a Mascarucci.

L'ex consigliere comunale Marcuccio Marcucci

L’ex consigliere comunale Marcuccio Marcucci

Ironia della sorte, qualche tempo dopo Bianchini e Marcucci si ritrovarono nello stesso partito. Il primo, candidato alle ultime regionali (dove ottenne un buon risultato, sfiorando l’elezione), l’altro in lizza per le comunali (130 preferenze, non eletto). Nessun ripensamento, nessun passo indietro, anche se i rapporti personali tra i due – due gentiluomini, va detto – non sono mai stati incrinati. Ma certo che la situazione era quantomeno inusuale.

La causa comunque è andata avanti, la giustizia ha fatto il suo corso, fino a ieri. Quando i quattro, difesi dall’avvocato Gioia Scipio, sono stati assolti.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da