22112019Headline:

Il canone Rai: ennesimo balzello

L'ipotesi di inserirlo tra gli oneri generali danneggia le imprese

Attenti al canone...

Attenti al canone…

L’ipotesi di aggiungere il canone Rai agli oneri generali di sistema e alle imposte, che nel complesso già pesano per il 38,6% sul costo finale dell’elettricità pagato dalle famiglie italiane, sarebbe l’ennesimo balzello – il 14esimo per la precisione – anacronistico e ingiustificato.

L’utilizzo della bolletta elettrica per esigere il canone finirebbe per appesantire il costo dell’energia e rendere più complessa la lettura delle voci di costo. Già oggi la soddisfazione degli italiani circa la chiarezza e la comprensibilità della bolletta dell’energia elettrica è molto bassa: sono 10.300.000 le famiglie italiane (il 58,9% del totale) che non si ritengono soddisfatte di questo aspetto del servizio. Piuttosto le ipotesi avanzate dal Governo dovrebbero essere l’occasione per sciogliere il nodo del canone speciale pagato dalle imprese.

Gli imprenditori pagano il canone di abbonamento speciale, con un  gettito annuo di 74 milioni di euro, per il possesso di apparecchi atti/adattabili alla ricezione dei programmi radiofonici/televisivi, con qualsiasi mezzo e tecnologia diffusi, in esercizi pubblici o in locali aperti al pubblico e comunque al di fuori dell’ambito familiare. Da tempo sosteniamo che questo tributo illegittimo, visto che penalizza gli imprenditori che in questo modo pagano due volte il canone, come cittadini e come esercenti, dovrebbe essere abolito. In media, infatti, un imprenditore paga fino a 6.000 euro annui. Somma ingiustificata e ingiustificabile.

Quella del canone speciale Rai è una richiesta assurda perché vengono ‘tassati’ strumenti di lavoro che gli imprenditori utilizzano non certo per guardare i programmi Rai. La diffusione degli strumenti digitali portatili con l’elevato utilizzo di contenuti on-line, che arriva fino al 48,1% del totale della popolazione, rende obsoleta e superata questa forma di prelievo sulle imprese e ne aumenta i costi burocratici.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da