02032021Headline:

Mengoni, Risi e Manetti: un Cubo da favola

Sempre più fitto e denso il programma del festival che si terrà a Ronciglione

image

La sottoscrizione di Mengoni al Cubo

Comincia a prendere seriamente forma, il Cubo. Che detto così pare quasi un controsenso. Ma in realtà questo qui, di Cubo (appunto), non è tanto un solido quanto un festival. Quello che poi si svolge a Ronciglione. Che ormai da tre anni consecutivi scalda una manciata di giornate invernali (si sta parlando dei primi di dicembre, dal 4 all’8). E che coinvolge una città intera. Operosa e smaliziata. Al fine di proporre l’evento più fico o semplicemente di mettere in piazza quanto di buono si sa fare.
E così, dopo i primi ospiti sapientemente svelati uno alla volta come la margherita “m’ama, non m’ama”, ecco anche una piacevole sorpresa. Se infatti è vero che le cose belle e buone nascono dal basso, e se è ancor più vero che la campagna di raccolta fondi “io sostengo il Cubo” in rete sta spopolando, spunta il video di adesione che non ti aspetti: cartello in mano, silenzio assoluto; pure Marco padrone-di-casa Mengoni sostiene la manifestazione. Per la gioia delle fans e delle nonne ronciglionesi.

I Manetti Bros

I Manetti Bros

E quindi, facendo due conti, seguono i seguenti volti noti: Dacia Maraini, Paolo Crepet, Anna Fendi, Matteo Viviani, Paolo Villaggio, Ugo Gregoretti, Gero Grassi. Ai quali (oltre a Mengoni, che supporta ma non ci sarà), vanno aggiunti gli ultimi due pezzi da novanta: Marco Risi e i Manetti Bros. Tre registi al prezzo di due.
I Manetti, riavvolgendo il nastro, debuttano nel ’95. Da allora e fino a ieri hanno incassato una secchiata di premi. Son più indipendenti che cine-panettonari (grazie a dio), e a Ronciò presenteranno “Song ‘e Napule”. Oltre a parlare della loro professione in ogni aspetto possibile: dalla fiction alla rete, dalla musica alle serie televisive.
Marco Risi invece abbandona Filosofia nel ’71, e fa anche bene. Dietro una telecamera infatti esprime il meglio di sé. Stavolta tratterà la pellicola “Tre tocchi”, una benedizione.

La campagna #uncuboalcubo

La campagna #uncuboalcubo

Nel frattempo comunque procedono i preparativi. Il più affascinante dei quali è racchiuso in un hashtag: #uncuboalcubo. Chiunque può portare il suo solido, fatto di un materiale che non si accartocci con la pioggia. I cubetti (o cubotti, fate voi) verranno posizionati per il centro, in un’opera d’arte collettiva.
La cosa piace, e UnipolSai ha deciso di metterci del proprio, donando cinquecento scatole alle scuole materne ed elementari. I piccoli ronciglionesi le decoreranno. Per uno spettacolo nello spettacolo sempre più collettivo ed affascinante.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da