25022021Headline:

Pista ciclabile sul lago, i sindaci dicono sì

Consenso quasi unanime al progetto. Unico dubbio: tempo e soldi

Il sindaco di Marta Lucia Catanesi

Il sindaco di Marta, Lucia Catanesi

Il dibattito si è aperto ieri, su queste colonne. La pista ciclabile attorno al lago di Bolsena torna di moda, un po’ come i jeans a vita alta. Stavolta per merito del consigliere regionale Riccardo Valentini.
Il capogruppo Pd alla Pisana ha dapprima dichiarato l’opera una priorità per lo sviluppo territoriale (e grazie), per poi passare all’attacco. Una lettera congiunta dei sindaci, più il suo parere positivo (leggi “pressing”), sono stati consegnati direttamente al presidente Zingaretti. Lo stesso si è detto favorevole. Ma, per logica, ora toccherà trovare i soldi. Altrimenti si rischia di cadere nel buco nero che va avanti da una vita.

Il vice-sindaco di Capodimonte, Angela Catanesi

Il vice-sindaco di Capodimonte, Angela Catanesi

La strada giusta, in ogni caso, sembrerebbe quella del finanziamento europeo. Ma, prima di ogni altra cosa, bisogna comprendere cosa ne pensano gli stessi primi cittadini. Si parte dalle quote rosa. “Inutile negare che la realizzazione comporterebbe una ricaduta positiva sull’intera economia della zona – sottolinea Lucia Catanesi, Marta – in più, dopo averne parlato tra di noi, si è capito che molti tratti sono solo da aggiustare. Altri da convertire. Pochi invece quelli da costruire ex novo. Insomma, è fattibile”.
Il secondo sì arriva da Capodimonte. “Quel tipo di turismo piace e funziona – prosegue la vice-guida cittadina, Angela (sempre) Catanesi – Come si può non supportare il progetto? Magnifico”.

Il sindaco di Bolsena, Paolo Equitani

Il sindaco di Bolsena, Paolo Equitani

Stempera però gli animi Paolo Equitani. “La feci io la prima richiesta, quindi anni or sono – annuncia il sindaco di Bolsena – chiaro che la pista sarebbe utile. A noi magari più di altri, dato che qui di turisti del nord Europa ne transitano molti. Voglio però capire come si passerà dal dire al fare. Pure noi (era vicepresidente della Provincia, ndr) ci fermammo. E, se non bastasse, con la ciclabile vanno riviste le strade provinciali e regionali, nonché la brutta faccenda Cobalb. Se poi Valentini ci dovesse riuscire, tanto di cappello”.

Luciano Cimarello, sindaco di Montefiascone

Luciano Cimarello, sindaco di Montefiascone

A tal proposito comunque, va rimarcato che proprio Valentini sia intenzionato ad indicare una via europea di accesso ai finanziamenti. Che, seppur dura, possa portare sia alla pista, che al rifacimento del manto esterno, che addirittura alla sistemazione del Cobalb. Un pacchetto completo di risanamento, insomma.
“Pure io da assessore comunale avevo tirato fuori l’idea – ora tocca a Luciano Cimarello, Montefiascone – Sto parlando di 15 anni fa, quando noi ci impegnammo addirittura a pagare il progetto. Stavolta credo tiri un’aria diversa. L’unità di intenti sarà determinante, ed io voglio essere fiducioso. Più di allora”.
Che dire. Staremo a vedere.

Articoli correlati:

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da