28022021Headline:

Quelli che si divertono a “bruciare” l’aperitivo

Scene di ordinaria maleducazione anche nella "civile" VIterbo

vino_rosso_bicchieriPoi dice perché si chiama happy hour. Martedì sera, rinomato bar appena fuori le mura. Affollato di ragazzi e ragazze. Musica di circostanza. Arrivano tre giovani, ma poi neanche troppo giovani. Non sono matricole universitarie, magari studenti fuori corso. Vestiti normalmente. Ordinano tre vini rossi e si piazzano sulla veranda esterna.

Il barista è impeccabile. Versa il Nero d’Avola nei bicchieri, accompagna il tutto con qualche stuzzichino, e serve al tavolo. Loro ringraziano, fanno un brindisi e continuano a chiacchierare.

Passano appena dieci minuti. E’ un attimo. I tre scattano all’unisono, come direbbe Verdone, si alzano dalle sedie e schizzano via. I bicchieri sono vuoti alla goccia, i piatti degli aperitivi puliti. Dove saranno andati? Semplice: sono scappati. Avevano la macchina parcheggiata dietro l’angolo, sono saliti e hanno dato gas. Scomparsi. Senza pagare il conto.

Dice: ma non sarebbe stato meglio farli pagare prima? Certo che sì, in molti locali si fa così. Però questa è Viterbo, è (meglio: era) una tranquilla città di provincia. Dove tutti si conoscono, o almeno si fidano del prossimo. Il barman ha fatto come al solito: si è semplicemente fidato. Dodici euro per tre bicchieri, chi si sognerebbe di bruciarli? Siamo persone civili. Educate. Si ha rispetto del prossimo e della gente che lavora.

Invece no. Invece ci sono ancora in giro persone che si divertono a fare il fugone, come si chiamava da ragazzini. Per provare chissà qualche brivido, chissà quale scossa di trasgressione. Per sentirsi “sgamati”. A trent’anni d’età, mica a quattordici. Complimenti vivissimi.

Per la cronaca: il barista ha chiamato la polizia, che è intervenuta subito e ha ascoltato la storia. Magari non li troveranno, e in fondo non hanno commesso neanche un reato gravissimo. Però se provassero un po’ di vergogna non ci sarebbe niente di male.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da