02032021Headline:

Una domenica con le scarpe da trekking

La "giornata nazionale del camminare" propone 12 km su Mignone e Lamone

trekking

Una veduta del percorso sul Mignone

È domenica. Abbandonate divani e telecomandi, signori. È tempo di camminare. Anzi, è proprio la giornata nazionale del camminare. Quindi è d’obbligo scrollare le natiche e indossare le scarpe da trekking.
L’idea nasce da Federtreck. E supporta #milionidipassi, la campagna di Medici senza frontiere dedicata a chi fugge da guerre, violenza e povertà. A maggior ragione si deve partecipare perciò.
E manco a dire che i punti di ritrovo sono troppo lontani. La scusa non regge. Perché, ad esempio, nella sola Alta Tuscia, ecco due proposte allettanti.
La prima ha partenza da Tarquinia. Presto, intorno alle 8 di mattina. O alle 9 da Monte Romano, per chi volesse dormire un tantino di più. Dodici i chilometri in programma, bene quindi portarsi acqua, scorte di cibo e tanta buona volontà. Il percorso (andata e ritorno) si snocciola intorno alla Valle del Mignone. Ed ha un duplice significato.

Il programma del Lamone

Il programma del Lamone

Ok, si supporta la “giornata nazionale”. Ma non solo: ci si muove anche per conoscere un gioiello verde che, stando alle ultime novità, rischia la cementificazione. La tanto dibattuta trasversale, la Orte-Civitavecchia, potrebbe passare proprio di lì, infatti. Ed in molti non ci stanno. “Si va dallo stupendo sito archeologico di Luni – dicono gli organizzatori – al famoso ponte della ferrovia, alla fermata della stazione vecchia di Monteromano, con tanta natura da fotografare e vivere”.
Seconda proposta, un grande classico intramontabile: escursione nella Selva del Lamone. Stessa lunghezza, dodici chilometri. Stesso orario, intorno alle 9. Stessa bellezza. “Cinque ora circa – precisano dalla Riserva – non per tutti, ma nemmeno impossibili. Difficoltà media, non si correrà di sicuro, e tantissime cose da vedere. Contiamo sulla buona volontà”.
Le occasioni sono ghiotte entrambe, stando ai fatti. Cos’altro aggiungere? Niente, forse. Meglio risparmiare fiato.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da