28022021Headline:

Stella Azzurra, la vittoria dell’orgoglio

A Empoli fantastica rimonta dopo aver rischiato il tracollo. Straordinario Fanciullo

Festa grande in casa Stella Azzurra per la vittoria a Empoli

Festa grande in casa Stella Azzurra per la vittoria a Empoli

Se fosse stato possibile scommettere (forse si può, ma non è questo il problema) sulla partita di basket tra Use Empoli e Terra di Tuscia Viterbo al termine del primo tempo, la vittoria degli ospiti sarebbe stata quotata almeno a 50 e quella dei padroni casa a 1,1 al massimo. Passivo di 18 punti, condito da una prestazione orripilante: la Stella Azzurra proprio non c’è. Abulica, distratta, completamente fuori partita. In due parole (e un apostrofo): senz’anima. Poi arriva l’intervallo e qui comincia il miracolo. Non è dato sapere quali parole (e parolacce…) abbia usato Umberto Fanciullo per rimotivare una squadra che era rientrata negli spogliatoi con la coda fra le gambe e non solo. Quali corde sia andato a toccare il coach non si sa e comunque è giusto che ciò che si dice nel chiuso di uno stanzone intriso di sudore, resti lì come se si trattasse di un confessionale. L’unica certezza è che al rientro sul parquet c’è una squadra diversa, nemmeno lontana parente di quella che s’era vista appena qualche minuto prima.

E così il match cambia totalmente e man mano che il tempo scorre sul cronometro cambiano anche le quote dell’ipotetica agenzia di scommesse di cui sopra. Un parziale di 13-0 in meno di quattro minuti riapre i giochi, ma quando suona la sirena del terzo parziale, la situazione – sebbene riaddrizzata – non può autorizzare ancora particolari sogni di gloria. I punti da recuperare sono 7. Non tanti, ma neppure pochissimi. Certo non i 18 di appena dieci minuti prima. Le quote? Da autentici inesperti del settori, si potrebbe azzardare: vittoria della Terra di Tuscia a 10 e quella dei padroni di casa a 4. E a questo punto l’idea di buttarci una decina di euro sopra, cioè sulla Stella Azzurra, potrebbe pure non essere più così tanto peregrina. Se va male, ci hai perso una pizza o poco più; se va bene, ti porti a casa un centone.

Il tabellone con il risultato finale

Il tabellone con il risultato finale

Ma il bello deve ancora venire. Viterbo si riavvicina sempre più, per tre volte fallisce il tiro del sorpasso; sembra finita…. No che non è finita. L’ultima azione utile dei biancostellati comincia con i toscani avanti di 2 (61-59); par di rivivere l’indimenticabile finale contro la Luiss per salire in B. Proviamo a pareggiarla? Manco per idea: proviamo a vincerla. E così Ricky Rovere piazza la tripla perfetta quando all’ultima sirena mancano 9 interminabili secondi: 61-62. Si potrebbe pensare di far fallo subito e mandare in lunetta Empoli che fino a quel momento ci aveva preso poco con i liberi. Niente da fare: si gioca e ci si difende pugnale tra i denti. Mitch Peroni sembra un polipo, si butta e terra tra le gambe degli avversari e riesce a toccare la palla fuori. Rimessa per la Use ma ormai i secondi sono soltanto due e non bastano nemmeno per il tiro della disperazione.

Vince la Stella Azzurra e fa saltare il banco della solita agenzia di scommesse. Strepitoso Rovere, grandi Marsili e Peroni nel secondo tempo. Ma soprattutto fantastico coach Umberto Fanciullo: questa è la sua vittoria. Il successo della grinta e dell’applicazione, del lavoro quotidiano e della difesa, dell’intensità e della capacità di non mollare mai. E’ in poche parole (con apostrofo al seguito) la vittoria dell’orgoglio.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da