24022021Headline:

Tutto (o quasi) quello che c’è da sapere

Cronaca, sport, eventi, enogastronomia, cultura e altro ancora....

CRONACA

Polizia penitenziaria di nuovo in agitazione

MAMMAGIALLAPolizia penitenziaria di nuovo in agitazione. Le segreterie provinciali dei sindacati Sappe, Uilpa penitenziari, Cisl Fns, Sinappe, Cgil e Osapp, intendono proseguire la protesta indicendo per oggi un’assemblea che avrà inizio alle 14 nella sala Rossi della casa circondariale di Viterbo, con la presenza di tutto il personale. Una decisione che arriva ‘’dopo aver indetto lo stato di agitazione nel mese di ottobre – scrivono le organizzazioni sindacali – per problematiche relative alla sicurezza del personale di polizia penitenziaria dell’istituto di Viterbo, specie alla luce degli ultimi risvolti che minano direttamente la tranquillità e i diritti degli agenti’’. L’obiettivo è decidere insieme la strategia da adottare per la risoluzione delle criticità. ‘’Su tutte – seguita la nota dei sindacati – il mancato pagamento degli straordinari del mese di dicembre”. La somma è  di circa 300/400 euro in meno. ‘’Poi il problema della caserma – continuano i sindacati -. Si prevede un pagamento di un canone della stanza che si usa. Nel corpo molti colleghi sono costretti lavorare fuori sede e per questo da sempre sono presenti negli istituti caserme alloggio. Ora per occupare una stanza, spesso in 2/3 persone, dovrebbero pagare un corrispettivo in denaro. Alcuni colleghi nel tempo hanno persino risistemato le stanze a proprie spese. il concetto è che si potrebbe anche pagare un canone simbolico, ma solo dopo aver messo a norma le stanze’’. Si passa poi alla questione delle ferie nel periodo natalizio. ‘’Sembra che saranno negate le ferie al personale che vorrà stare a casa con la propria famiglia in almeno una festività – scrivono i rappresentanti degli agenti della polizia penitenziaria -. Colleghi che risiedono fuori regione vorrebbero lavorare una festa e passare libera l’altra, o Natale o capodanno. Ci sono i numeri per farlo, il lavoro cosiddetto a ‘turno h 24’ funziona così’’. Infine, il tema delle luci dell’istituto. ‘’Dopo un timido intervento, la situazione è come un mese fa, l’istituto è al buio – conclude la nota sindacale -. Servono oltre 150mila euro non 10mila come promesso/elemosinato dal provveditore, soldi tra l’altro mai arrivati’’.

A  Semi di pace arriva l’attore Christian BachiniChristian Bachini

La Cittadella di Semi di Pace aprirà le porte domani (ore 16) a Christian Bachini, attore che recita in film di arti marziali di produzione cinese di grande successo. Bachini, in coppia con Pasquale Caprino, in arte Son Pascal, cantante italiano molto apprezzato e conosciuto in Kazakistan, ha partecipato alla trasmissione televisiva di Rai 2 “Pechino Express”. I due hanno vinto la quarta puntata, destinando il premio di 5mila euro a Semi di Pace. “Una bellissima e inaspettata notizia, che ci è giunta attraverso i canali dei social network. – dichiara l’associazione – Ci siamo così messi in contatto con Bachini e Son Pascal per ringraziarli e invitarli alla Cittadella. A Bachini, e ci auguriamo quanto prima anche a Pascal, esprimeremo la nostra gratitudine e mostreremo la realtà associativa, con particolare riferimento al Progetto Vita – Gianni Astrei, rivolto ai bambini peruviani di Yurimaguas”.

Quali strategie per combattere i piccioni

piccioniLa Provincia di Viterbo intende promuovere un incontro divulgativo per presentare la strategia provinciale per la gestione dei conflitti uomo/colombo di città. L’appuntamento è in programma giovedì, alle  10, presso la sala conferenze della provincia di Viterbo, in collaborazione con l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) e il Dipartimento Dafne dell’Università degli studi di Viterbo. Partecipano Roberto Cocchi dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, Andrea Amici per il Dafne, Mauro Gianlorenzo, dirigente del settore VII della provincia. Intervengono anche rappresentanti del comitato tecnico faunistico provinciale, dell’istituto zooprofilattico sperimentale Lazio Toscana, della Asl servizi veterinari e delle associazioni agricole. Nell’ambito del piano quinquennale di controllo del colombo o piccione di città, saranno proposti efficaci metodi ecologici incruenti di prevenzione/dissuasione dei danni, a cui occorre dare prioritaria attuazione, prima dell’avvio delle procedure di abbattimento. Ingresso è libero.

 

A Caprarola l’ex cinema diventa teatro

Proseguono spediti i lavori all’ex cinema di Caprarola, che sarà trasformato in un teatro. Dopo aver terminato quelli relativi alla messa in sicurezza e alla copertura dello stabile, si stanno ora recuperando tutte le facciate esterne. Per consegnare l’opera alla città ci sarà da attendere ancora qualche mese, “di sicuro entro il 2016”, dichiara il sindaco Eugenio Stelliferi. Il nuovo spazio andrà ad arricchire un’offerta già ampia, che annovera in primo luogo il Palazzo della Cultura, inaugurato un anno fa. Per Stelliferi “grazie al recupero dell’ex cinema potremo dare ancora più risalto e visibilità alla nostra tradizione teatrale dialettale. A Caprarola, infatti, sono attive diverse compagnie, che ogni anno richiamano migliaia di persone e che svolgono una qualificata attività anche al di fuori del nostro territorio. Quando sarà pronto il teatro avranno così una loro casa”.

Tarquinia, interventi sulle rete viaria localeStrada del Pidocchio

Il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola ha firmato, alla prefettura di Viterbo, il protocollo d’intesa con SAT per importanti interventi sulla rete viaria locale, da completare (obbligatoriamente) durante i lavori per il nuovo ponte della strada Porto Clementino sulla statale Aurelia. “Abbiamo messo nero su bianco tutte le nostre richieste per una viabilità secondaria adeguata. – spiega il primo cittadino – L’accordo costituisce un altro obiettivo raggiunto dall’amministrazione comunale. Un’altra ottima notizia che segue di pochi giorni la pubblicazione del bando di gara per il ponte sul fiume Mignone e la ricucitura della viabilità tra la località Farnesiana e il resto del territorio tarquiniese. Intanto sono partiti i lavori di ampliamento e asfaltatura della strada vicinale del Pidocchio”. Il protocollo prevede, tra i punti salienti, l’adeguamento della strada vicinale dell’Acquetta; la messa in sicurezza della complanare tra le località Pantano e Farnesiana, l’asfaltatura di via Vecchia della Stazione, della strada vicinale Scorticagatti, di via Enrico Fermi, di parte di via Raffaele Sanzio, della strada Sacromonte Farnesiana (detta dell’Arcipretura o dei Cipressi); il completamento della strada Pian d’Organo-Melledra-della Farnesiana.

EVENTI

Al Cedido la banca dati dei beni ecclesiastici

cedidoOggi alle 16, nella Sala delle biblioteche del Cedido prima presentazione per il Lazio della banca dati creata dall’Ufficio Nazionale Beni Culturali della Conferenza episcopale italiana che contiene  informazioni e immagini sui beni storico-artistici, sugli edifici di culto, sui libri e sui documenti di biblioteche e di archivi di tutt’Italia. Si tratta di milioni di informazioni che ora sono disponibili in internet e che sono destinate a crescere man mano che le diocesi completano il censimento dei beni storico artistici, che le biblioteche proseguono nella catalogazione dei loro libri, che gli archivi procedono nell’ordinamento delle loro carte. Il Cedido ospiterà i massimi responsabili dell’Ufficio beni Culturali della Cei (don Mariano Assogna, Francesca D’Agnelli,  Silvia Tichetti, Claudia Guerrieri)  che illustreranno la loro creazione alla quale la diocesi di Viterbo ha contribuito con importanti accessi sia dal punto di vista dei beni storico-artistici che dei libri e dei documenti d’archivio. L’incontro è di particolare importanza soprattutto per i responsabili dei beni culturali ecclesiastici (cioè i parroci) e per tutti coloro che si occupano di cultura nel nostro territorio nel quale il patrimonio storico-artistico, biblioteconomico e archivistico prodotto dalla Chiesa è di un’importanza decisiva. Faranno gli onori di casa Luciano Osbat ed Elisa Angelone.

CULTURA

QdA si impegna per il teatro Unioneteatro unione

Il tutto esaurito a tutti gli spettacoli del festival 2015, un incremento dell’88 per cento del pubblico pagante, migliaia di persone che hanno potuto fruire di istallazioni ed eventi nelle piazze viterbesi grazie al maxi appuntamento di Corpus 1462. Quartieri dell’Arte traccia così il bilancio sull’edizione numero diciannove di uno dei più significativi festival europei di drammaturgia contemporanea. “Come Quartieri dell’Arte – spiega il direttore artistico Gian Maria Cervo – siamo impegnati a livello europeo sulla costruzione di nuove esperienze drammaturgiche, a livello nazionale per intervenire su varie criticità in questo settore, ma anche su Viterbo intendiamo fare un buon lavoro perché è la nostra città. Ma ci servono alleanze capaci di dare frutti condivisi”. “Siamo una realtà con visibilità internazionale e portiamo nel mondo il nome di Viterbo continua -.  E’ molto importante che queste opportunità non restino un fatto isolato ma sappiamo informare una città d’arte e di cultura come aspira a essere Viterbo. Una città d’arte e cultura non è un semplice cartellone teatrale, è una città che produce. E’ noto che siamo nell’imminenza della riapertura del Teatro Unione. Vorrei riunireintorno a un progetto tutte le realtà con specifica competenza teatrale e vorrei fare un’Unione Teatrale Viterbese che si relazioni con l’amministrazione sul teatro”.

La Grande Guerra vissuta nel territorio dei Cimini

libro ciminiLe ripercussioni economiche, politiche e sociali della guerra 1915-1918 in un territorio situato a centinaia di chilometri di distanza dal fronte, qual è il comprensorio dei Cimini: questi i temi affrontati nel volume ”La Grande Guerra nei comuni del territorio cimino”, edito da Memoria Edizioni, presentato a Capranica, nell’ex chiesa di san Francesco. Si tratta di una raccolta di saggi che descrivono la realtà nei comuni di Canepina, Capranica, Carbognano, Ronciglione, Soriano nel Cimino, Vallerano, Vetralla, Vignanello Vitorchiano, così come emerge dai documenti amministrativi prodotti durante la Grande Guerra. Per l’occasione è stata allestita una mostra dei documenti reperiti dagli autori dei saggi negli archivi dei comuni interessati, la stragrande maggioranza dei quali inediti. Il volume e la mostra sono il frutto di un progetto della Comunità Montana dei Cimini, presentato in occasione del centenario della Grande Guerra, finanziato dalla Regione Lazio e realizzato da Memoria Archivi di Roma, una società specializzata nella catalogazione, studio e gestione di archivi storici. Dal libro, curato da Nicola Pastina, emerge uno spaccato delle varie comunità a tratti drammatico: dalla impossibilità di svolgere i lavori agricoli a causa della mancanza di uomini chiamati o richiamati alle armi alle penuria di risorse alimentari; dal progressivo peggioramento delle condizioni igienico-sanitarie alle richieste di licenza per militari al fronte per mietere il grano o vendemmiare l’uva (due delle principali attività agricole del territorio); dai problemi amministrativi causati dalla partenza per il fronte di sindaci e assessori e impiegati al ruolo delle donne e degli anziani che, dal 1816 in poi hanno sostituito gli uomini nei lavori nei campi. Uno spaccato sociale, come detto, pressoché inedito, dal quale emergono anche atti d’eroismo compiuti da soldati della Tuscia al fronte, in alcuni casi premiati con medaglie e attestati. Il libro e la mostra saranno presentati il 5 dicembre a Ronciglione, il 9 a Vetralla, il 15 a Soriano nel Cimino. A gennaio 2016 l’iniziativa si svolgerà negli altri comuni interessati.

TEATRO

A ”Tarquinia a porte aperte” la storia di Nello Marignoli

NELLO MARIGNOLIAll’interno della manifestazione ”Taruinia a porte aperte”, venerdì alle  9,30 per gli studenti delle scuole medie e alle 17 per adulti, e sabato alle 10 per gli studenti delle scuole superiori, nella sala Sacchetti della Società tarquiniese di arte e storia, verrà proposto lo spettacolo teatrale ”Drug Gojko – Storia di Nello Marignoli, partigiano viterbese nella resistenza jugoslava”, di e con Pietro Benedetti, per la regia di Elena Mozzetta.

”Drug Gojko” narra, sottoforma di monologo, le vicende di Nello Marignoli, classe 1923, gommista viterbese, radiotelegrafista della Marina militare italiana sul fronte greco-albanese e, a seguito dell’8 settembre 1943, combattente partigiano nell’esercito popolare di liberazione jugoslavo. Lo spettacolo, che si avvale della testimonianza diretta di Marignoli, riguarda la storia locale, nazionale ed europea assieme, nel dramma individuale e collettivo della seconda guerra mondiale. Una storia militare, civile e sociale, riassunta nei trascorsi di un artigiano, vulcanizzatore, del Novecento, rievocati con un innato stile narrativo, emozionante quanto privo di retorica.

 

SPORT

Walk in Tuscia chiude in bellezza walk in tuscia
La speranza degli organizzatori era quella di poter concludere il circuito di passeggiate nel migliore dei modi, dopo una stagione che li ha visti impegnati da marzo a novembre già in altre 11 tappe, che hanno riscosso spesso grande successo di partecipanti. Le previsioni meteo di fine settimana avevano messo in allarme i numerosi appassionati di camminate, con un sabato estremamente piovoso ma poi come per incanto alla pioggia, caduta nella stessa mattinata, si è gradualmente sostituito uno splendido sole che ha premiato i più coraggiosi accompagnando i circa 200 walkers e più di 1000 visitatori fino a tardo pomeriggio alla scoperta di Gallese con le sue proposte culturali e degustative. E’ stata anche quest’anno la Pro Loco ad organizzare l’evento con il giovanissimo ed entusiasta presidente Emanuel Demetrescu che con i suoi preziosissimi collaboratori con il consueto sostegno del Comune di Gallese ha garantito un perfetto svolgimento dell’intera manifestazione e soprattutto della camminata.

walk in tuscia 4Il percorso di medio impegno, completamente rinnovato rispetto a quello dello scorso anno di 8-9 km. complessivi, si è sviluppato sui crinali opposti del paese alternando tratti asfaltati a quelli sterrati con un paesaggio di vigneti, oliveti e boschivi. La camminata ha attraversato con grande interesse dei partecipanti “Gli Ipogei di Loiano” una parete tufacea in località Loiano, nella quale si aprono tre ipogei dalle caratteristiche originali  e probabilmente unici nel centro-Italia. Già oggetto di studio da parte di Barbara Bottacchiari, che ne ha realizzato il rilievo topografico e la dettagliata descrizione morfologica avanzando varie proposte di interpretazione storica e di utilizzo. Oltre agli abituali appassionati viterbesi, presenti alla camminata anche numerosi walkers romani e due gruppi di Nordic Walking provenienti da Viterbo e Civita Castellana che hanno particolarmente gradito i due ristori messi a disposizione dagli organizzatori (a metà percorso ed alla fine) ed i due premi di partecipazione, prodotti tipici e biologici del territorio offerti dalla Pro Loco. Sono circa 100 i walkers che si sono fermati in paese dopo la camminata accettando la proposta del pranzo itinerante per le vie antiche di Gallese, con le varie associazioni del paese che hanno realizzato piatti tipici della tradizione culinaria della Tuscia Meridionale, il tutto condito con dell’ottimo vino dei produttori locali.

Tusciarugby battuta a Roma

TUSCIARUGBYTroppo forte l’’All Reds per i biancorossi di Fabrizio D’Ottavio che, segnando cinque mete contro l’unica degli ospiti, proseguono a punteggio pieno nel girone uno della poule 2 della serie C laziale di rugby.  Tusciarugby troppo nervosa e legata più ai suoi “solisti” che ad una tattica di gioco ben definita in grado di sfruttare al meglio le indubbie potenzialità che pure presenta. ““Non siamo stati in grado di esprimere il nostro gioco – è il commento del presidente Guerra -. Evidentemente siamo scesi in campo con la testa altrove, intenti più a parlare con l’arbitro che a pensare a come essere utili alla squadra. Insomma, anche se il punteggio finale non lo dimostra, abbiamo fatto di tutto per perdere la gara e questo deve farci riflettere””. Da segnalare, in positivo, l’’esordio di Leonardo Alfonsini e Daniele Bucci, e la bella meta di Stefano Marinelli che, dopo aver ricevuto palla sulla propria tre quarti da Stefano D’Ottavio semina gli avversari e si invola indisturbato in mezzo ai pali. Dello stesso D’Ottavio, che in precedenza aveva centrato i pali su punizione, la trasformazione”. Prossima gara, ancora lontano dalle mura amiche, il prossimo 6 dicembre alla casa circondariale di Frosinone per incontrare i Bisonti.

Old Rugby Viterbo in auto di Beatrice onlusOLD RUGBY 1

Non è più una novita l’impegno degli Old Rugby Viterbo per il sociale. Presso la Club House una nuova iniziativa promossa dagli Old per la consegna del ricavato del calendario 2015. Quest’anno è all’associazione Onlus Beatrice che gli Old hanno deciso di destinare gli introiti sponsoriali del calendario, ma non è stata solo una cerimonia, dietro l’evento c’è molto di più.

OLD RUGBY 3La voglia di coinvolgere l’intera societa rugbistca, la voglia di sentirsi ancora attivi, la voglia di rompere gli schemi, di essere propositivi sono solo alcune delle motivazioni che spingono i vecchietti del rugby viterbese a continuare, unendo questa passione sportiva al fatto di poter essere concreti anche nel sociale: pochi giorni fa presso l’ospedale di Belcolle avevano donato una TV al plasma per allietare la permanenza delle neo mamme. In questi giorni si sta  completando il calendario Old del 2016, con la speranza di poter essere ancora vicino a chi nella vita è stato meno fortunato.

 

Federcalcio, oggi l’incontro con Zarelli

Zarelli a Viterbo 29.1.14Il presidente del Comitato Regionale Lazio Figc Melchiorre Zarelli, sarà a Viterbo oggi per ufficializzare la chiusura della stagione sportiva 2014-2015 premiando tutte le società provinciali dilettantistiche e giovanili che hanno vinto i campionati e i Premi Disciplina della stagione scorsa. Sarà una cerimonia importante che si svolgerà presso la sala conferenze dell’Oratorio “Grandori” di Viterbo con inizio alle 17 e vedrà la presenza del delegato provinciale Ermanno Todini e del consigliere regionale Renzo Lucarini. Con l’occasioneZarelli approfondirà importanti temi, quali la partecipazione ai campionati regionali e provinciali della corrente stagione sportiva, le iniziative messe in campo per evitare la violenza sui impianti di gara e quelle con l’Istituto per il Credito Sportivo nonché uno sguardo verrà lanciato verso le prossime elezioni federali.   Ecco le società premiate: ACTIVE NETWORK FUTSAL, ATLETICO ORTE, BARCO MURIALDINA, CALCIO SUTRI, CAPRANICA CALCIO, CIRCOLO LAVORATORI TERNI, CORNETO TARQUINIA, ETRURIA CALCIO, GROTTE DI CASTRO, JFC CIVITA CASTELLANA, NUOVA MONTEROSI, ONANO SPORT, POLISPORTIVA ORIOLO, TRE CROCI, TUSCANIA CALCIO, VIGOR NEPI, VIRTUS PILASTRO, VITERBESE CASTRENSE.

ENOGASTRONOMIA

E’ tempo di Maialata

agriturismo casaletto“La tradizione vuole che un tempo quando i maiali di due o tre famiglie di parenti avevano raggiunto il peso ideale, durante i mesi più freddi, quando le celle frigorifere erano sostituite dal freddo dell’inverno che spaccava la terra, si effettuava la mattanza e a pranzo o a cena si consumavano le primizie che già venivano fuori dal sezionamento di sua maestà il Maiale”. A ricordare questo antico rituale, patrimonio della cultura contadina, è Marco Ceccobelli dell’agriturismo “Il Casaletto”, che da giovedì a domenica propone la nona edizione della “Maialata” con un menu speciale interamente a base di maiale da gustare la sera a cena o nel giorno festivo anche a pranzo. Si comincia dalla carrellata di antipasti con fagioli con le cotiche e la “striscia”, le bruschette con l’olio nuovo, la coppa, gli zampetti lessati e conditi. Si prosegue con le fettuccine con le spuntature e per secondo fegatelli con l’alloro, salsicce appena fatte, la padellaccia, la trippa e la pancetta. E per concludere in bellezza le immancabili ciambelline. Il tutto accompagnato dal buon vino della cantina Trappolini e l’olio del frantoio Colli Etruschi. In particolare la serata di apertura di giovedì è organizzata in collaborazione con la Condotta Slow Food di Viterbo e prevede alle 19 l’aperitivo a base del Presidio “La susianella di Viterbo”, prodotte dalle aziende Fratelli Stefanoni, Coccia Sesto e Il Casaletto. A seguire cena con il menu precedente e degustazione guidata da Patrizio Mastrocola, vicepresidente di Slow Food Lazio.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da