28022021Headline:

Viterbese brutta, ma da tre punti

Vittoria di misura sul Trastevere, il bel gioco però è ancora lontano

Filippo Boccardi, ieri in campo nell'ultima mezz'ora

Filippo Boccardi, ieri in campo nell’ultima mezz’ora

Brutta ma da tre punti. E’ una Viterbese che ancora non sboccia, che passa dal nervosismo alla paura, che attacca poco e in modo confuso ma che alla fine applica alla perfezione un solo capitolo del manuale del calcio: quello relativo al contropiede. Morale della favola: 1-0 al Trastevere.
Quinto del secondo tempo: Babacar Mbaye (o come cavolo si chiama) lancia alla cieca, Fé corre come un Freccia Rossa e scaglia la sassata che Apruzzese non trattiene. Neglia è un falco, o un avvoltoio, e appoggia in rete. Per il resto, partita squallida, romani gagliardi che si difendono con ordine, gialloblu in cerca di un’ispirazione più o meno divina che non arriva. Nohman si mangia un paio di occasioni comode e poi, quando Nofri lo toglie, fa pure l’offeso col pubblico. Pini si conferma il migliore tra i giovani portieri salvando in due tempi un tiro che poteva essere cattivo. Finisce così, la gestione di Nofri registra la seconda vittoria interna, più due pareggi esterni e zero sconfitte. Domenica si va a Rieti, partita della verità per entrambe.

VITERBESE – TRASTEVERE 1-0
Viterbese (4-3-3): Pini; Pandolfi, Pomante, Scardala, Fe’; Neglia, Nuvoli, Neglia; Mbaye (19st Boccardi), Nohman (42st Bernardo), Oggiano (5st Romeo). A disposizione: Mastropietro, Dalmazzi, Perocchi, Dierna, Ansini, Belcastro. Allenatore: Federico Nofri
Trastevere (4-4-2): Apruzzese; Vendetti, Menichetti, Sbardella (36st Mastromattei), Paolacci; De Vincenzi (28st Chiavon), Luciani, Gissi, Proietti (38st Rocchi), Lorusso, Delgado. A disposizione: Dosmi, Centrella, Savatteri, Panico, Taviani, Pagni. Allenatore: Sergio Pirozzi
Arbitro: Tursi di Valdarno (Saviano – Nuzzi)
Marcatori: 6st Neglia
Note. Ammoniti: Pini, Romeo e Pandolfi (V), Gissi e Menichetti (T), Angoli: 0-8. Recupero: 2 pt-4st. Spettatori; 700 circa

Daniele Nohman, ancora a secco

Daniele Nohman, ancora a secco

Promossi & bocciati

Pini 7 Toglie il veleno da un pallone di Lorusso, anche se in due tempi. Un solo intervento, ma decisivo.
Pandolfi 6.5 Solita brillantezza della destra, e si concede pure qualche numero da circo.
Pomante 6 Pelo nell’uovo: invece di spazzare, qualche lancio ragionato non ci starebbe male, sennò si chiamano “palle perse”.
Scardala 6 Controlla Delgado senza troppi affanni.
Fe’ 7 Chi si ferma è perduto? Lui infatti non si ferma mai e sfiora pure il gol. Con una sinistra così, Marino non si sarebbe mai dimesso.
Neglia 6 Il gol e basta. Fate vobis.
Nuvoli 5.5 Bravo a rompere, ma non a costruire. E’ il solito discorso, ma quando si gioca in casa bisogna fare qualcosa in più lì in mezzo.
Giannone 5.5 Nervosetto e meno illuminante del solito. Sarà l’autunno?
Mbaye 6.5 Piedi limitati, ma mica si può avere tutto. Poi fa quel lancio che innesca il contropiede per il gol vittoria. Dopo Grosseto, ancora decisivo, anche se in modo diversi. (19st Boccardi 6 Cerca di sfruttare ogni minuto che gioca)
Nohman 4.5 Si divora un paio di occasioni. La seconda, sul finale del primo tempo, è da mettersi le mani nei capelli (per chi li ha…). La tribuna lo becca, e lui s’arrabbia: ma se un centravanti non segna, che razza di centravanti è? (42st Bernardo s.v.)
Oggiano 5 L’insostenibile leggerezza dell’ala. La vera domanda, a questo punto, è la seguente: perché riprenderlo durante l’estate? Misteri della fede. (5st Romeo 5.5 Sta più per terra che in piedi).

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da