30062022Headline:

Partenza a razzo per il Tuscia gospel festival

Sold-out il primo concerto della rassegna. Ancora posti liberi per gli altri tre in scaletta

Il programma completo

Il programma completo

Certe tradizioni, nella città delle tradizioni, si sono ormai tramutate quasi in obbligo. Così, se per Natale a Viterbo non possono assolutamente mancare la mostra di Sgarbi, i regali da racimolare il 23 (dopo le 18, e tutti passando per via Garbini), le orribili pagelle di fine anno dei giornali (tranquilli, a breve arriverà anche quella di Viterbopost), pure il gospel non è che scherza.
Partita in sordina, la musica che appartiene più ai neri che a noi slavati (per dirla alla Abatantuono), è divenuta nel giro di poco una realtà collaudatissima e super apprezzata. Al punto tale che quel genio di Italo Leali da Ronciglione, uno che ci vede lungo e che non rompe mai le scatole (per rimanere in ambito natalizio), ha ben pensato da raccogliere i vari eventi in un unico contenitore: il Tuscia gospel festival.
Un cartellone di quattro concerti, giunto al suo secondo capitolo, capace di attrarre anche le grazie (leggi “presenze”) dei lontani cugini romani.
E parte oggi, questa cosa qua. Con il concerto di Cedric Shannon Rives & brothers. L’appuntamento è per le 17.30, alla chiesa della Sacra Famiglia.
Se però non siete già provvisti di biglietto, se non avete ricevuto il ticket in regalo dalla nonna o non lo avete acquistato ove possibile, sappiate che è meglio rimanere a casa. Perché già per la Vigilia il vate Cedric (che nel panorama gospel, da giovane figlio d’arte, è considerato una creatura sacra) aveva registrato il tutto esaurito. Non c’è più un posto manco a pagarlo oro. E a Viterbo, grazie a dio, i bagarini non sono ancora arrivati.
Comunque, se proprio non potete fare a meno di vederlo, Cedric, potete sempre gustarvelo la sera (alle 21.30). Dopo lo show del capoluogo infatti, quello messo in piedi insieme a “Viterbo con amore”, la cricca si sposta a Castiglione in Teverina. Al Muvis. Che poi sarebbe il museo del vino. E che ha dalla sua un sacco di sediole libere (ancora per poco).

Le Light of love

Le Light of love

Domani invece il festival torna in città: alle 21.30 nel nuovo Auditorium della Fondazione Carivit a Valle Faul si esibisce il Nyack Gospel Singers. Coro di dieci elementi dello storico Nyack College di New York.
Il programma, infine, si chiude martedì (alle 21.30). Al Duomo e con uno dei migliori gruppi del panorama internazionale: il Light Of Love. I 14 elementi, raggruppati in favore del Ceis, hanno attraversato il mondo esibendosi tra Australia, Svezia, Africa, Canada, Germania, Norvegia.
Correte gente, che il rischio di restar fuori è alto. E le temperature sono un picchiata.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da