25052022Headline:

Sport & scuola, binomio davvero perfetto

Iniziativa dell'ufficio scolastico regionale, con Asl, Coni e tante associazioni

Gli arbitri scolastici che dirigono le competizioni

Gli arbitri scolastici che dirigono le competizioni

Sport & scuola. Binomio inscindibile. E se ci si mette anche la salute e un pizzico di movimento (che fa bene a tutte le età), il quadro è perfetto. Et voila (meglio il francese, che di questi tempi con l’inglese si rischiano pure gli interventi degli avvocati) la kermesse è servita. E’ il progetto curato dalla professoressa Letizia Falcioni, responsabile dell’ufficio di educazione fisica di quello che una volta era il provveditorato agli studi, che coinvolge le scuole medie inferiori e superiori della Tuscia intera. La denominazione è appunto “Scuola – Movimento – Sport – Salute” e ha l’obiettivo di avvicinare alla pratica agonistica gli studenti. Tutti perché alle gare (alcune delle quali già svolte, altre – comprese le fasi finali – in programma nel 2016) partecipano /e con successo) anche gli alunni con disabilità.

Letizia Falcioni con Anotonella Sordelli a Silvia Somiglia

Letizia Falcioni con Antonella Sordelli a Silvia Somigli

Un programma intenso che, per la sua attuazione, si avvale della collaborazione di istituzioni, enti e associazioni: un insieme di professionalità e competenze indispensabili per mettere moto e far camminare una macchina complessa. Alla fine i risultati si vedono. Nella Sala Franco Benedetti della Provincia si fa il punto della situazione e si illustrano le varie iniziative. Il programma è abbastanza simile sia per gli alunni delle medie che per quelli delle superiori. Innanzitutto manifestazioni promozionali di atletica leggera e orienteering; il V Trofeo “Città di Viterbo” (quattro eliminatorie e finale a giugno con acquacanestro, pallamano, pallavolo, calcio a 5), il IV Memoriale “Alcide Lozzi” di calcio a 11 (3 gironi eliminatori a Vetralla, Oriolo Romano e Montefiascone e finale a maggio). E ancora incontri tematici per le medie inferiori su badminton, bowling, pallavolo, pallacanestro, pallamano, tennis e tennistavolo (per le superiori si aggiungono pescasportiva e beach volley). Sono previste in particolare lezioni teoriche, seguite da applicazioni pratiche di quanto appreso in aula.

La professoressa Evelina

La professoressa Evelina Bastianini

Decisivo l’apporto dello staff tecnico di gestione delle manifestazioni sportive composto dagli insegnanti di educazione fisica Gianni Baleani, Marisa Bernabei, Soraya Boinega, Sergio Burratti, Stefano Cianchella, Monica Condurelli, Anna Cruciani, Giorgia Giorgini, Maurizio Palmucci, Gabriele Ventolini. Come pure si è rivelata (e lo sarà anche in futuro) fondamentale la partecipazione di un nutrito gruppo di arbitri scolastici che dirigono nelle varie discipline: Luca Serafini, Marco Fusi, Alessio Crocicchia, Fernando Wickrama, Lorenzo Della Porta, Gianni Mancini, Raffaele Raiano, Denis Screnci, Manuel Trappolini, Ludwig Schertel (campione regionale di salto in alto, alunno del Paolo Savi), Elisabetta Luchetti, Annalisa Portoghesi, Simone Battistin, Eugenio Paoloni, Roberta Infelli. “Senza di loro – sottolinea una raggiante Letizia Falcioni – non sarebbe stato possibile realizzare queste iniziative. Domenica mangeremo un pizza insieme”. Il coordinamento delle medie inferiori è affidato alla Fantappiè (dirigente Alessandro Ernestini), quello delle superiori è del Paolo Savi (dirigente Maria Patrizia Gaddi). Naturalmente il Coni (presente il delegato provinciale Alessandro Pica) e le federazioni interessate (per la Figc il consigliere regionale Renzo Lucarini) danno una mano consistente.

Il pubblico in sala

Il pubblico in sala

Ma la kermesse si amplia ancora di più con l’iniziativa “E’ salute”, organizzata dalla Asl (rappresentata dal responsabile della comunicazione Luca Poleggi) in collaborazione con l’ufficio scolastico regionale, guidato dal dirigente Daniele Peroni, mentre di questo progetto si occupa in particolare la dottoressa Giulia Noviello. Partecipa anche l’ordine dei medici: “A noi – commenta il presidente Antonio Lanzetti – non interessano il risultato sportivo e gli aspetti agonistici, ma dare ai ragazzi regole per vivere bene. Instaurare, insomma, uno stile di vita”. “Viterbo – sottolinea Pica – si sta sempre più qualificando come provincia leader nel Lazio per lo sport scolastico”. E anche l’integrazione dei ragazzi diversi: “Nelle competizioni – interviene con orgoglio la professoressa Evelina Bastianini del Cip Lazio – c’erano anche alunni disabili, ma non si è notata alcuna differenza”. “Il Memorial Alcide Lozzi – aggiunge commossa la professoressa Elisa Aquilani della “Scriattoli” di Vetralla – è dedicato ad un insegnante ricordato con affetto da ragazzi e colleghi: una persona che seppe affrontare il male con coraggio e sempre con il sorriso sulla bocca”.

Molte altre le associazioni che collaborano (oltre alle istituzioni locali: la Provincia e i Comuni di Viterbo, Montalto di Castro e Bagnoregio): la Misericordia, guidata da Antonella Sordelli, la Uil scuola con Silvia Somigli e il Panathlon International del neo riconfermato presidente Domenico Palazzetti. Un esercito imponente che coordina le forze per offrire ai giovani la possibilità di unire agli insegnamenti appresi a scuola, la pratica sportiva (con tutte le sue benefiche conseguenze) e l’apprendimento di corretti stili di vita. Complimenti e in bocca al lupo.

 

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da