25022020Headline:

Avvoltoi, furbetti e froci: emigri chi può

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegno“Antò, so’ du’ ore che stai a ravanà davanti a ‘sto computer. Lo voi spegne e te voi sbrigà a vestitte, che avemo d’annà a comprà ‘r regalo a Marcellino? Domani compie tredic’anni e tocca fajelo bello!”. Piantata con le mani sui fianchi davanti al marito, Barbara aveva fatto la faccia truce, giacché considerava l’avvenimento del giorno dopo la priorità delle priorità.

“Aspetta ‘n attimo, che finisco de vedé ‘na cosa e poi me vesto – le rispose Antonio – tanto li negozzi chiudeno stasera a le otto. De tempo ce n’avemo a iosa”.

“Chi ha tempo non aspetti tempo – rintuzzò Barbara – e si quello che stai a guardà oggi lo vedi domani ad’è la stessa cosa. Piuttosto, famme capì: ma che stai a cercà de tanto importante?”.

“Sto a guardà le case” replicò secco Antonio.

“Le case?” riprese subito Barbara. “Ma che te sta a dà de vorta er cervello? Mica te vorrai mette ‘n testa de cambià casa ‘n’antra vorta? Si c’hai ‘n mente ‘na cosa der genere, dimmelo subbito che io chiedo er divorzio!”.

“C’ho in mente, c’ho in mente…” disse Antonio continuando a guardare lo schermo del computer.

“Senti ‘n po’, Antò” disse a quel punto Barbara con voce quanto mai decisa. “A parte ‘r fatto che a me ‘sta casa me piace e me ce trovo gran bene, ma te l’immagini dové ricomincià tutto da capo? L’urtima vorta che avemo fatto ‘r trasloco, pe’ mette tutto a posto c’avemo messo du’ mesi bboni. E c’avevamo quindic’anni de meno. Senti, Antò: lassa perde e vatte a vestì, sinnò litigamo de brutto…”.

“Prima de litigà, però – obiettò Antonio – me devi da fa’ parlà. Perché io la casa la sto a cercà da l’antra parte del monno…”.

“E cioè?” chiese allora Barbara.

“In Costarica, er paradiso der Sudamerica” replicò Antonio. “Leggi qui: verde rigojoso, spiagge da cartolina, paesaggi incontaminati, foreste, animali in totale libertà. Ma puro istruzione, regole, sicurezza, burocrazia e cibo bbono. Insomma, se pensi che sia ‘n paese da terzo monno, te sbaji de grosso. Ar massimo poi corre ‘r rischio de incontrà Tom Cruise, che è proprietario de ‘na super villa!. E poi c’è ‘n ottimo rapporto qualità-prezzo, no come in Italia. Co ‘na penzione de 1.000-1.200 euro ar mese, se vive dignitosamente”.

“Vabbé, Antò. Ma allora – riprese Barbara – ce se potrebbe annà in vacanza. Magari se potrebbe pijà ‘na casa in affitto puro pe’ due o tre mesi e godesse la natura. Ma annà via da l’Italia pe’ sempre nun me la sento proprio…”.

“E ‘nvece è proprio quello che vojo fa, cara Barbara” chiosò Antonio. “E lo sai perché? Perché l’Italia peggiora ogni giorno de più. La mattina leggi li giornali, guardi la televisione e te s’arivorta lo stomaco…”.

“Beh, lo sapemo com’ad’è la classe politica da ‘ste parti…” commentò la donna.

“Sì, li politici so’ zozzi, d’accordo. Ma so’ lo specchio de la società italiana. So’ cento vorte che te lo ripeto…” replicò il marito.

 

Una manifestazione a favore della legge sull'omicidio stradale

Una manifestazione a favore della legge sull’omicidio stradale

“A proposito – lo interruppe Barbara – hai visto ch’ad’è successo a la Camera? Hanno silurato la legge su l’omicidio stradale. Forzitalia, che nu’ la vole, ha presentato ‘n emendamento, che ad’è passato cor voto segreto, perché quarcuno der Piddì ha fatto er furbetto. E così ‘sta legge, che avrebbe da tutelà le vittime de la strada, mo dovrà ritornà ar Senato. E le famije de li morti stradali, che la stanno a ‘spettà come ‘r pane, se la so’ presa ‘n’antra vorta ner secchio. Ma la cosa più vergognosa è che quanno s’è saputo l’esito der voto, c’è stato puro l’applauso, perché la maggioranza era annata sotto. Su la pelle de li pori morti. Antro che gufi: questi so’ avvoltoi. Che schifo!”.

Antonio guardò la moglie con aria perplessa. Si accese una sigaretta e aggiunse: “Beh, nun te posso proprio dà torto. Però, ne ‘sto Paese, er più pulito c’ha la rogna. L’hai visto l’antra settimana er servizzio de ‘Piazza pulita’ su li furbetti der cartellino?”.

“No” rispose Barbara.

Le riprese sui "furbetti del cartellino" trasmessi da "Piazza pulita"

Le riprese sui “furbetti del cartellino” trasmessi da “Piazza pulita”

“E allora te sei perza ‘no spettacolo – continuò Antonio – perché hanno fatto vedé certi impiegati der Comune de Roma che prima timbraveno er cartellino e doppo se n’annaveno tranquillamente a fasse l’affari loro. Chi s’annava a pijà er caffè ar bar e ce stava mezz’ora bbona, chi annava a fa’ la spesa e addirittura chi se ne ritornava a casa. Quelli de La7 l’hanno seguiti co’ le telecamere e hanno filmato tutto. Si nun fosse ‘na cosa traggica, ce sarebbe puro da ride: penza che quella che stava a annà a casa, quanno er cronista l’ha bloccata sur portone e j’ha chiesto perché, doppo avé timbrato, se n’era annata uscenno da ‘na porta secondaria, è tornata indietro de corsa fino ar Municipio. Ma mica ha detto gnente: ha fatto pippa!”.

“Beh, che poteva dì. L’hanno presa cor sorcio ‘n bocca” fu il commento di Barbara. “Però er Governo ha preso er problema de petto. L’antra sera, sempre su La7, ho sentito quello c’ha detto er ministro Madia: chi sbaja paga. E s’è presa puro ‘n sacco d’applausi. Perché pe’ fortuna c’è puro la gente onesta, che de ‘ste cose proprio nun ne pò più. L’unici c’hanno storto er naso so’ stati li sindacati…”.

“Ecco, brava” replicò Antonio. “Perché puro quelli, più che ar bene collettivo, penzeno pe’ prima cosa a li cazzi loro. Ar proprio orticello. E fino a ieri li furbi e li fannulloni l’hanno sempre difesi, a prescinde. Ma adesso dovranno cambià registro. Anche perché, co’ tutta la disoccupazione che c’è in giro, li posti de lavoro tocca da dalli a chi c’ha voja de lavorà, e magari c’ha puro ‘na famija su le spalle da mentenè. Se ‘na società vole annà avanti, tutti hanno da fa’ er dovere loro. Dar presidente de la Repubblica a l’urtimo de li cittadini. Ognuno pe’ quello che je spetta. E ‘nvece lo sai qual’ad’è er comune sentire? Dato che l’antri rubbeno o fanno li furbi, io m’adeguo. E se quarcuno prova a raddrizzà la baracca, tocca faje la guerra totale pe’ fallo smette. Ad’è quello che sta a succede a Matteo Renzi e ch’ad’è successo prima a Berlusconi, che però de sbaij n’ha fatti a bizzeffe. Voleva rivortà l’Italia e ‘nvece l’italiani hanno rivortato lui”.

“Antò – disse Barbara – hai fatto proprio un quadro traggico…”.

Lo scontro verbale tra Sarri e Mancini

Lo scontro verbale tra Sarri e Mancini

“E mica è finita” riprese l’uomo. “ Perché ormai nun se sarva più gnente. Pija er monno der calcio: Sarri che dà der frocio a Mancini: io mica me so’ scandalizzato pe’ lo sfogo, ma perché quella è la dimostrazione che semo ancora arretrati. Quarant’anni fa la parola frocio era ‘n’ingiuria, oggi no. Perché finarmente l’omosessuali hanno da esse considerati persone normali, come tutti l’antri. E no come quelli che c’hanno la lebbra addosso. E poi perché chi ner monno der calcio c’ha responsabbilità, come li dirigenti, l’allenatori e li giocatori, avrebbe da dà er bon esempio. La tanto vituperata violenza ne li stadi è puro fija de atteggiamenti come questi…”.

“Che belle parole, Antò” commentò Barbara. “Quasi, quasi potresti annà ‘n televisione!”.

“Sì, a fa ‘r pucciotto, che già ce ne stanno troppi” concluse Antonio. “Io vojo annà in Costarica a godemme er mare, er sole, la natura. E, soprattutto, ‘n po’ più de civirtà”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da