30052020Headline:

La casa famiglia nascerà a Monterazzano

Il Distretto Vt3 sceglie, ma per il sì bisognerà confrontarsi con gli altri progetti

Si fa più concreta l'ipotesi della nascita di una casa a Viterbo

Si fa più concreta l’ipotesi della nascita di una casa famiglia a Viterbo

La struttura residenziale per accoglienza e assistenza a persone con disabilità, se tutto andrà bene, nascerà a Viterbo, precisamente in un immobile di proprietà comunale a Monterazzano e sarà una casa famiglia destinata ad accogliere un massimo di 8 persone. Sul tema, c’è stata ieri una riunione presso gli uffici dei servizi sociali (in via del Ginnasio), convocata dall’assessore Alessandra Troncarelli e riservata ai comuni che fanno parte del distretto socio-sanitario Vt3, del quale fanno parte oltre al capoluogo (che ne è evidentemente il leader) anche Canepina, Soriano nel Cimino, Celleno, Bassano Romano, Orte, Vitorchiano e Bomarzo. Presente anche la Asl per il necessario supporto sanitario e tecnico.

Nel corso dell’incontro è stata definita la tipologia abitativa della struttura residenziale da destinare alla accoglienza e all’assistenza di persone con disabilità. “Una decisione importante, compatibile con il fabbisogno della collettività e con le linee guida regionali riportate nella delibera di giunta regionale n. 136/2015 – commenta l’assessore Troncarelli –. Adesso abbiamo le carte in regola per partecipare al bando regionale”. Che, vale la pena ricordarlo, prevede la nascita di tre strutture sull’intero territorio laziale, una delle quali proprio nella Tuscia.

Alessandra Troncarelli, assessore ai servizi sociali

Alessandra Troncarelli, assessore ai servizi sociali

“In questo percorso – continua la Troncarelli – desidero evidenziare la preziosa e costante partecipazione di tutti gli attori e l’importante sinergia che sta contraddistinguendo questo nostro progetto. Ringrazio pertanto i sindaci dei comuni del Distretto VT3 e la ASL di Viterbo. Siamo tutti consapevoli dell’importanza della decisione assunta quest’oggi. Il progetto concordato permette al Distretto di partecipare al bando regionale e verrà esaminato a livello di ambito. Il che significa che anche gli altri quattro distretti viterbesi potranno presentare la loro proposta: sarà la Regione ad effettuare la scelta definitiva.

“Confido in un risultato positivo – conclude l’assessore Alessandra Troncarelli – affinché si possa giungere al conseguimento di un obiettivo importante per il nostro territorio”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da