10082022Headline:

Per la notte dei licei c’è pure il Cardarelli

L'istituto di Tarquinia risponde presente alla manifestazione nazionale

Il programma

Il programma

Dopo il Buratti (inteso come istituto scolastico del capoluogo), anche Tarquinia risponde presente. Stasera (dalle 18 alle 24) il Cardarelli parteciperà alla “Notte bianca del liceo classico”.
Spettacoli, letture, musica e teatro. Questi i cardini sui quali si snocciola il canovaccio. Per un’iniziativa a carattere nazionale, finalizzata alla promozione e alla conoscenza di un corso di studi che tanto ha formato e continua a preparare i futuri cittadini del paese.
“In contemporanea con altri 234 istituti sparsi per tutta l’Italia – racconta il dirigente Laura Piroli – ospiteremo un programma fitto e vario di interventi. Ad opera di studenti, docenti ed esperti esterni. Volti a invitare ad una riflessione sul significato degli studi classici nella società attuale”.
Il tutto, a vederla bene e ad essere un poco cattivelli, in controtendenza con le linee guida del premier Renzi. Colui il quale vorrebbe americanizzare (alcuni direbbero “maccaronizzare”) il sistema scolastico dello Stivale. Incentrandolo in un contesto di cooperazione col pianeta lavoro, che cozzerebbe non poco coi licei.
Ma forse è meglio cambiare discorso e proseguire. “Conoscere la cultura classica – ora parlano gli insegnanti – non significa rifugiarsi in un mondo lontano ed elitario, ma confrontarsi in modo critico e dinamico con l’attualità più viva. In ambiti che spaziano dall’umanistico allo scientifico”.
Che tradotto sarebbe: non vi annoierete. Nel corso della serata troveranno infatti posto letture drammatizzate di testi, approfondimenti culturali, spettacoli musicali, teatrali e coreutici e pure naturalmente un “intermezzo simposiale” (cioè, se magna, per chi non avesse capito).

La seconda parte del programma

La seconda parte del programma

“Avremo anche gli interventi del Corpo Forestale dello Stato – ancora i prof – che parleranno dell’importanza non solo naturalistica della Riserva delle Saline, ma anche del suo valore storico e archeologico, e una breve lezione di un docente dell’Università della Tuscia, il prof De Angeli, sulle differenti modalità di comunicazione nell’arte figurativa greca di età arcaica”.
All’iniziativa parteciperanno infine anche alcuni ex-allievi del liceo, che con vari contributi intendono confermare il loro legame con questo corso di studi presente a Tarquinia da oltre 20 anni.
Il pacchetto è aperto non solo ai giovani, ma all’intera popolazione. Con l’occhio particolarmente strizzato verso i cuccioli (eufemismo) delle Medie. Un’occasione d’oro per capire se veramente Greco o Latino sono due bestiacce.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da