20022020Headline:

Ecco la pista ciclabile dei vostri sogni

La Camera di commercio ha inviato il progetto ai sindaci del lago di Bolsena

La pista ciclabile, secondo il progetto Camcom

La pista ciclabile, secondo il progetto Camcom

Eccola, la pista ciclabile dei vostri (nostri, loro) sogni. Esiste. Gira proprio attorno al lago di Bolsena. E rappresenta un modello unico (nonché paraculo) di propulsore turistico. Peccato solo che mancano i soldi per realizzarla. Ma, tempo al tempo. Ci si arriverà (forse).
Dell’argomento se ne è parlato forte, su queste colonne. Lo sponsor regionale Riccardo Valentini ha in un certo senso lanciato l’idea. I comuni che potrebbero beneficiarne l’hanno sposata. E ci sono stati diversi incontri a riguardo. Tutti finiti bene. Ma, in sostanza, non si è ancora andati oltre le strette di mani e i propositi lodevoli.
Ora però spunta una nuova pista (per rimanere sul pezzo). Legata alla Camera di commercio e alla sua consulta degli ordini professionali. Per quanti non lo sapessero, dentro la Camcom ci stanno un sacco di professionisti e costoro si sono messi a tavolino, ed hanno partorito il progetto.
“Più che ciclabile punteremo ad una ciclo-pedonabile – spiega l’ingegner Paolo Bacchiarri, montefiasconese, che presiede l’Ordine provinciale – ma, dettagli a parte, veniamo al dunque. Abbiamo inviato un pdf ai sindaci. Sono molto entusiasti della cosa. Il percorso che abbiamo tracciato, una sorta di ricognizione sulla viabilità, è piaciuto. Ora ci stanno rispondendo con eventuali modifiche o preferenze”.
Tale progetto (guarda la foto, ndr) corrisponde proprio alle linee guida tracciate da Valentini (a proposito, a chi dare la paternità ora? Al consigliere regionale o ai professionisti?). Si prende un poco di Cassia. Un lembo di Verentana vecchia, uno di Verentana nuova. E, in ultimo, vanno tramutate le strade comunali asfaltate e non. “Si pensava anche di usufruire del terreno del Cobalb – sempre lui – che già ci sta. E perciò non servirebbe di espropriare nulla. Si stende l’asfalto ecologico lì, tanto siamo a pochi metri dalla spiaggia, e si semplificano costi e rotture”.

Dove passa la pista, la legenda

Dove passa la pista, la legenda

Ed eccoci alle note dolenti: i costi. Quanto toccherà di sborsare? Valentini non era stato chiaro sulla cifra, ma aveva indicato la via. Che Bacchiarri conferma: “Certo – spiega – ogni amministrazione dovrà pensare al suo spicchio. Ma va presentata una pratica congiunta. Ci sono un sacco di fondi sociali europei da prendere al volo”.
Ricapitolando quindi: la cosa è partita, ora ci sta anche il nero su bianco, ed è stato individuato pure il portafogli dal quale attingere. Ce la faranno stavolta i nostri eroi, dopo una trentina di anni di chiacchiere?

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da