05122021Headline:

Tutto (o quasi) quello che c’è da sapere

Cronaca, sport, eventi, teatro, economia, danza e altro ancora...

CRONACA

Montalto di Castro, dalla Regione 250mila euro per il Parco di Vulci

tomba_principesca_necropoli_osteria_vulciIl Comune di Montalto di Castro ha ottenuto dalla Regione Lazio un contributo di 250mila euro a fronte di un investimento complessivo di 312 mila, di cui 62mila a carico del Comune, per la riqualificazione del parco naturalistico e archeologico di Vulci. Il contributo regionale riguarda l’azione prioritaria degli “Interventi di adeguamento strutturale di spazi e servizi legati ad attività ed eventi culturali e ricreativi” nei sistemi città d’Etruria e Ville di Tivoli. Le opere di riqualificazione riguarderanno l’attività di scavo all’interno della necropoli dell’Osteria dove continuerà il lavoro degli archeologi in prossimità dell’ormai famosa tomba delle Mani d’Argento; l’allestimento della sala multimediale e proiezioni in 3D presso il centro servizi del parco (adiacente la biglietteria); la realizzazione dell’odeon dei ragazzi che sarà utilizzato per spettacoli teatrali e attività didattiche delle scuole; il miglioramento dell’accessibilità al parco archeologico con il rifacimento totale dell’ingresso al centro servizi.

Poste Italiane, Luciano Tola alla guida della Filiale di Viterbo

luciano tolaÈ Luciano Tola (nella foto) il nuovo direttore della Filiale delle Poste Italiane di Viterbo. Subentra a Paolo Cavalli, chiamato a ricoprire il medesimo incarico per la provincia de L’Aquila. Viterbese, in questi anni Tola ha acquisito esperienze lavorative in diversi settori dell’Azienda. È già stato direttore della Filiale di Viterbo dal 2006 al 2009, anno in cui è diventato responsabile della gestione operativa dell’Area Centro (Abruzzo, Lazio e Sardegna). Dopo aver ricoperto il ruolo di direttore provinciale a Palermo nell’ultimo biennio è stato il direttore della Filiale de L’Aquila. Il nuovo direttore coordinerà l’intera attività della Filiale di Viterbo, costituita da 85 uffici postali di cui 6 aperti con orario continuato dalla 8.20 alle 19.05. La fruibilità dei servizi è stata migliorata anche con l’installazione di 51 sportelli automatici ATM Postamat che facilitano e rendono più veloce il prelievo di denaro contante dalle carte Bancoposta (compresa la Carta Libretto Postale) e le operazioni da queste consentite. Nel Viterbese sono disponibili infine 41 Sportelli Amico, studiati e organizzati per semplificare i rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione, con servizi quali permessi di soggiorno, visure catastali, ticket sanitari, ritiro referti, pagamento tributi locali e rilascio certificati anagrafici.

On line la nuova edizione del Gr Unitus

E’ sul sito dell’Ateneo la nuova edizione del Gr Uunitus all’indirizzo https://www.spreaker.com/user/radio-unitus/gr-unitus-edizione-del-15-01-2016. In questa edizione si parla  del contributo dell’Università della Tuscia alle indagini eseguite su un dipinto raffigurante la crocifissione di Cristo di derivazione michelangiolesca. Inoltre il bilancio del segretario generale della FLCCGIL Roma e Lazio dell’anno appena concluso e le iniziative per il 2016. L’attenzione si sposterà in seguito sugli studenti e sul modo in cui affrontano il delicato periodo che precede gli esami universitari. Infine, i progetti e le iniziative del Centro Universitario Teatrale previsti per il nuovo anno.

Civita Castellana, il sindaco rassicura sulla discarica di Sant’AgataAngelelliGianluca

II sindaco di Civita Castellana, Gianluca Angelelli (nella foto), interviene sulla questione della discarica di Sant’Agata, verso la quale la Regione Lazio ha preso atto del collaudo del secondo lotto e della fideiussione presentata. “L’amministrazione comunale – dichiara il sindaco – sulla discarica di Sant’Agata ha sempre tenuto e sempre continuerà a tenere un atteggiamento di massima trasparenza e correttezza. Per questo motivo invitiamo tutti i consiglieri comunali interessati alla questione, oltre che a chiedere sostegno ai loro referenti regionali che non potranno che confermare quanto affermato dall’amministrazione, a venire in comune perché i documenti glieli forniremo noi direttamente. Nei giorni scorsi la Regione non ha autorizzato alcun nuovo intervento sulla discarica di Sant’Agata, ma, come si legge dal bollettino regionale, ha semplicemente preso atto del collaudo del secondo lotto e della fideiussione presentata dalla società, così come previsto dalla legge”. “In questi ultimi mesi – aggiunge Angelelli – l’attenzione dell’amministrazione comunale sulla discarica, come tutti i consiglieri sanno perché tenuti costantemente informati in consiglio comunale, è stata sempre elevata. In particolare sia l’ex assessore Basta che il sottoscritto sono più volte intervenuti su Provincia, Regione e Arpa per chiedere il controllo dei valori del terreno. Proprio in conseguenza di tale iniziativa è aperto presso la Regione un tavolo tecnico che ha iniziato le procedure previste dal decreto ministeriale 272 del 2014 per stabilire i valori di fondo del sito e, se del caso, revocare o meno l’autorizzazione alla società Ecosantagata. Nel frattempo gli stessi uffici tecnici regionali, su preciso invito ad esprimersi del sottoscritto, hanno evidenziato come non vi sono, al momento, ragioni per procedere alla sospensione dell’attività. Ribadisco che in questa vicenda l’amministrazione è stata la prima ad esigere chiarezza e impegno da tutte le autorità preposte al controllo delle discariche e di questa in particolare. Ottenendo un risultato essenziale, vale a dire l’impegno della Regione a rilevare i valori di fondo del terreno, gli unici che potranno stabilire con certezza se il sito sia contaminato o se i parametri fuori norma registrati siano realmente dovuti alla conformazione geologica del terreno, come attualmente viene ritenuto da tutti gli enti pubblici interessati dalla vicenda e che hanno in capo il potere decisionale su di essa”. “Se il Movimento Cinquestelle – conclude Angelelli – ritiene utile unirsi alla battaglia dell’amministrazione non posso che esserne contento, i difensori del diritto alla salute e alla tutela dell’ambiente non sono mai troppi. Da parte dell’amministrazione ci sono state e continueranno ad esserci la massima attenzione ed una pressione costante sul controllo di questa discarica in particolare e su tutti i siti di cava”.

Tuscania, prima pietra per il nuovo asilo

tuscania 3Alla presenza del sindaco Fabio Bartolacci, dell’amministrazione comunale, del consigliere regionale Riccardo Valentini e dell’assessore regionale alle politiche sociali Rita Visini, è stata posata la prima pietra del nuovo asilo nido in via D’Ancarano. Un’opera importante per la città di Tuscania che è stata bloccata per anni a causa di diverse difficoltà. Recuperati i fondi necessari dalla Regione Lazio, il Comune ha trasferito il finanziamento e la sua realizzazione all’Ente Asilo che fa parte delle IPAB e gestisce attualmente anche la scuola materna Pocci. “L’asilo nido che verrà realizzato metà con i fondi regionali e metà con i fondi dell’Ente Asilo, verrà gestito attraverso una convenzione con il Comune attraverso il settore Servizi Sociali – dichiara Mario Scala, presidente dell’Ente Asilo –  sarà una struttura moderna e omologata per almeno 35-40 bambini e verrà realizzato in circa dieci mesi. Io e il resto del consiglio d’amministrazione dell’IPAB esprimiamo la nostra soddisfazione perché in questo periodo abbiamo lavorato molto per mettere apposto le carte e non perdere il finanziamento regionale che, come tanti altri a Tuscania, rischiava di sfuggire”.tuscania 1

“Grazie alla Regione che è stata paziente, al vescovo che ha dato il suo benestare per l’utilizzo dell’area e al sindaco Bartolacci che è stato velocissimo ad approvare una delibera particolare e a permettere l’inizio dei lavori – conclude Scala – siamo riusciti nel nostro intento. Ringrazio dunque tutte le persone che hanno contribuito al raggiungimento di questo obiettivo e speriamo di inaugurare l’asilo durante il prossimo Natale”.

EVENTI

Torna ”Storie di Domenica”

storie di domenicaDopo il successo del primo appuntamento, con il Mago Valerì, prosegue ”Storie di Domenica”, nuovo progetto che mette insieme diverse realtà del territorio per offrire un appuntamento fisso dedicato all’infanzia. Un piccolo itinerario di realtà e spazi che ospiteranno una serie di incontri artisti e compagnie. Domani alle 11, presso lo Spazio Arci Bianco Volta, è in programma ”Martapesta, Ricicarta Il Lupo Giramondo, introduzione al mondo della cartapesta”: attraverso l’utilizzo di materiali poveri come carta e colla di farina e con l’aiuto di Martapesta sarà possibile realizzare tantissime cose e dar vita a tanti Lupi Giramondo che affronteranno mille avventure. Età consigliata dai 5 anni (si raccomandano vestiti comodi). Domenica 24 vedrà invece protagonista la Compagni La Metaphora e ”Il sogno dei musicanti di Brema” con Saskia Menting e Carmine Leta, il 31 gennaio invece sarà la volta di Laura Saccani e la sua ”Conferenza magica, come riconoscere le streghe e i loro potere”, lettura animata ”Insalata magica”. ”Storie di Domenica” è promosso da Arci Viterbo e nasce da un’idea di Augusto Terenzi con la collaborazione di la compagnia teatrale Il Tetraedro, Il Cosmonauta, La Strada dell’orto, Giardino di Filippo, lo Spazio Arci Bianco Volta, Librimmaginari, la compagnia La Metaphora.

Conferenza sul culto di Sant’Antonio Abate

sant'antonio abate 2La devozione a S. Antonio Abate  ha origini antichissime ed è diffusa in tutta la penisola. Al Santo ricorrevano le popolazioni contadine per avere la protezione sul bestiame – sia quello che serviva per i lavori agricoli che quello destinato all’alimentazione – e contro gli incendi a cui erano esposte soprattutto le stalle costruite prevalentemente in legno. S. Antonio veniva invocato anche come Santo terapeuta da coloro che erano colpiti dall’ergotismo, una malattia che nei tempi antichi portava la cancrena degli arti che dovevano essere amputati. Numerose le manifestazioni legate al 17 gennaio, giorno della festa liturgica del Santo Anacoreta: dal “Sacro fuoco”, acceso alla vigilia della festa, alla rappresentazione scenica di episodi della sua vita, dai carri agricoli che trasportano l’immagine del Santo alla preparazione di cibi rituali. Particolarmente sentita e generalizzata è sempre stata la benedizione degli animali impartita sui sagrati delle chiese, tradizione che non è scomparsa con l’estinguersi della civiltà contadina, ma che si è adattata alla nuova sensibilità nei confronti del mondo animale, tanto che oggi alla benedizione vengono portati animali da compagnia (cani, gatti, uccelli, conigli…). Per richiamare le origini della devozione a S. Antonio Abate e dare uno spessore culturale alle manifestazioni legate alla festa del Santo riteniamo non sia superfluo ripercorrere la vita, spiegare l’iconografia con cui viene rappresentato, raccontare il folklore, le usanze, le curiosità legate al 17 gennaio. A questo scopo la Parrocchia di S. Maria Nuova e l’Arciconfraternita del Gonfalone hanno organizzato per domani, alle 17,30 nella Chiesa di S. Maria Nuova una conferenza, corredata dalla proiezione di immagini, sugli argomenti sopra accennati che verranno trattati da Don Mario Brizi, parroco di S. Maria Nuova ed studioso di tradizioni e religiosità popolare.

TEATRO

Riapre il Mat con lo spettacolo Carmen che non vede l’ora

stagione locandinaDomani alle 18,30 apre la nuova stagione teatrale e concertistica del Mat di Viterbo (via del Ganfione 16/18): 22 gli eventi in programma fino al 24 aprile fra cui teatro, musica, danza e laboratori per adulti e bambini. In scena lo spettacolo Carmen che non vede l’ora di e con Tamara Bartolini e Michele Baronio. Si tratta di un’antistoria; non vuole essere favola e forse non sa essere neanche racconto. Non si fa prendere, deformare, comprimere in un’ordinata sequenza narrativa, non si piega a nessun finalismo ideologico e paternalistico. Non accade nella dimensione consolatoria dell’affabulazione. foto Carmen 2

E’ orizzontale, non consente di fare scelte, di stabilire nell’occhio priorità o gerarchie. E’ una corrente, ci passa attraverso ed è ancora altrove. Possiamo solo balbettarla o “fare finta che”, prestando i nostri corpi ai “formati” con cui cerchiamo di incorniciarla. Noi donne lo sappiamo che avviene misteriosamente nelle nostre pance, in forma di promessa. Perché raccontare una storia è un atto di fede nel futuro, potente e provvisorio, come ogni promessa. Consigliata la prenotazione: info@tetraedro.org, matviterbo@gmail.com 368 3750512 – 3491591280

A Sipicciano va in scena Generazioni

Oggi, alle 21, presso l’Ecomuseo di Sipicciano va in scena Generazioni di e con Alessandra Cappuccini, per la regia di Mario Umberto Carosi. Lo spettacolo racconta la vita di tre donne: nonna, madre e figlia nel periodo della loro giovinezza. Sono tre società messe a confronto, ognuna con una propria morale, con quelle regole non scritte a cui queste donne si ribellano. Sono storie di coraggio che raccontano la forza dell’individualità. Ingresso 5 euro; info e prenotazioni 3283870794
ECONOMIA

Appalti e concessioni, Cna soddisfatta del nuovo testo

La Cna esprime soddisfazione per l’approvazione in via definitiva, da parte del Senato, del disegno di legge delega per l’attuazione delle nuove direttive comunitarie in materia di appalti e concessioni. “Il testo approvato si muove in coerenza con le indicazioni strategiche delle direttive e conferma le priorità in esse contenute: semplificazione, riduzione degli oneri, uso strategico degli appalti e, soprattutto, facilitazione dell’accesso per le piccole e medie imprese”, sottolinea l’associazione. Proprio su quest’ultimo tema, la Cna si è mobilitata, soprattutto negli ultimi mesi, affinché non ci si limitasse ad una operazione di facciata, bensì si arrivasse ad un effettivo cambio di passo. E adesso indica con chiarezza la direzione da seguire: “Suddivisione in lotti, regolamentazione dei subappalti e pagamento diretto dei subappaltatori, uniti ai frequenti richiami alla necessità di garantire processi semplificati e trasparenti, rappresentano le traiettorie alle quali dovrà attenersi la futura regolamentazione del mercato degli appalti pubblici”. “La regolamentazione che ci aspettiamo – afferma la Cna – dovrà muoversi in assoluta coerenza con questi richiami alla semplificazione e alla trasparenza. Dobbiamo assolutamente evitare di ritrovarci, alla fine, nell’ennesimo, intricato, labirinto di disposizioni bizantine, manna per pochi specialisti, o presunti tali, ma di sicuro vero e proprio veleno per le piccole imprese”. Con la stessa chiarezza, la Cna sottolinea la necessità di modificare alcune misure presenti nel testo approvato, per evitare possibili discriminazioni. Il riferimento è  al fatto che, nel caso di appalti pubblici di servizi ad alta intensità di manodopera, si prevede, per ciascun comparto merceologico o di attività, un unico contratto collettivo nazionale di lavoro, trascurando qualsiasi criterio di rappresentatività dei soggetti che sottoscrivono i contratti. Un esempio: in base alla legge delega appena varata, c’è il rischio concreto che le imprese artigiane di pulizia, per partecipare ad un appalto pubblico di servizi, siano costrette a rinunciare al proprio contratto di categoria, che da sempre ne tutela e valorizza la specificità, per sostituirlo con un contratto pensato per altre realtà.

DANZA

La sensualità del tango a Fabrica di Roma

tango fabrica

Domani, alle 17,30, alla FabBrica del teatro arte musica e spettacolo, seconda sessione del Fabrica Festival dedicata alla musica e alla danza, fa tappa la travolgente passionalità del tango argentino con Sensual Tango. Nello spettacolo, di e con Ambra De Angelis e Mauro Barreras, le seducenti sonorità dei brani di Astor Piazzolla eseguite dall’orchestra dal vivo La Bordone, si uniranno, in un mix straordinario di eleganza, alla danza di quattro coppie di ballerini riuscendo a creare un’indissolubile energia, palpabile tra tutti i gli undici artisti presenti sul palco e legata, indubbiamente, anche alla natura stessa del tango, uno dei balli sociali e popolari in grado di realizzare , con le sue radici, un vero e proprio ponte culturale tra l’Europa e l’America Latina. Sensual Tango inizia con una prima parte ambientata nell’Argentina di fine ‘800 in cui due musicisti (bandoneón e chitarra) quattro ballerini ed un’attrice riescono ad evocare le suggestioni di un tempo che fu, nella malinconia e nella sofferenza, tanto con la musica che con la danza. La seconda parte è invece collocata  nell’epoca d’oro del tango, gli anni ’40, in cui si assiste ad una esaltante rinascita di questo ballo fatto di seduzione e virtuosismo. Sulle note di Astor Piazzolla quattro musicisti (piano forte, contrabbasso, violino e bandoneón) e quattro ballerini creeranno un vortice travolgente di passione e sensualità. Un nuovo tassello dunque, ossia quello della danza, si va ad aggiungere, dopo il teatro e la musica,  alla rassegna Fabrica Festival, sostenuta con il contributo economico della Regione Lazio ed elaborata con la direzione artistica di Gilberto Nati e la collaborazione dell’ufficio cultura del comune di Fabrica di Roma e della Proloco.

Info: http://www.comune.fabricadiroma.vt.it/ , tel. 0761-569001

SPORT

Basket femminile, Defensor in trasferta a ViareggioDEFENSOR

Il campionato di serie A2 femminile di basket è pronto per la seconda giornata del girone di ritorno e la Defensor scende in campo oggi sul difficile parquet di Viareggio. Guardando la classifica potrebbe sembrare una sfida semplice, considerando che le avversarie hanno raccolto finora solo otto punti con quattro vittorie e dieci sconfitte, ma il tecnico viterbese Carlo Scaramuccia è di tutt’altra idea: “Intanto c’è da dire che il loro bilancio è condizionato dalle prime sette partite, tutte perse, mentre da quel momento in poi hanno un record di quattro vittorie e tre sconfitte. Questo deciso cambio di rotta è coinciso anche con l’arrivo di una giocatrice come Iannucci che ha dato grande pericolosità offensiva alla squadra e che rappresenta un terminale formidabile per la categoria. Come se non bastasse hanno il morale alle stelle dopo la vittoria dello scorso turno a Castellammare di Stabia quindi sono certo che per noi sarà una partita molto difficile”. Trascinata da Iannucci che sta viaggiando ad oltre 21 punti di media dopo otto gare con la maglia di Viareggio, la compagine toscana ha un altro importante punto di riferimento nella croata Ana Bozic, quasi 12 punti di media, che forma un’accoppiata letale di esterne.  La gara di andata finì con il successo dopo un tempo supplementare della Defensor, sospinta dai 25 punti di Giulia Ciavarella e dalla doppia-doppia (16 punti e 10 rimbalzi) di Roksana Yordanova. Entrambe saranno regolarmente a disposizione di coach Scaramuccia mentre non ci sarà Federica Orchi, bloccata da una distorsione ad una caviglia. Un grosso punto interrogativo riguarda invece la presenza di Sara Filoni che ha un problema ad un braccio. Solo all’ultimo momento verrà presa una decisione sul suo impiego ma la guardia potrebbe anche rimanere a Viterbo per recuperare la migliore condizione fisica. Palla a due alle 18,30;  coppia arbitrale composta da Antonio Massafra di Firenze e Irene Frosolini di Grosseto.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da