20092021Headline:

“Gli scarti del verde da rifiuto a risorsa”

Alessandra Terrosi: "Sfalci, potature e residui non saranno considerati rifiuti"

Nuove norme sugli scarti del verde

Nuove norme sugli scarti del verde

Sfalci, potature e residui derivanti da attività di manutenzione del verde urbano non saranno considerati rifiuti quando destinati alla produzione di energia o alle normali pratiche agricole e zootecniche. A conclusione dell’esame in Commissione Agricoltura del Collegato Agricolo che ha visto l’approvazione dell’emendamento di cui sono cofirmataria, con parere favorevole del relatore e del Governo, sono particolarmente soddisfatta per un altro passo avanti nella riclassificazione ambientale di paglie, sfalci e potature di origine agricola e provenienti dalla gestione del verde urbano.

Gli scarti del verde urbano finalmente possono passare da rifiuto a risorsa: si potrà dare priorità al riutilizzo e al recupero e permettere che siano reimpiegati in un ciclo produttivo, invece di essere destinati esclusivamente allo smaltimento. Questo permette il superamento di molti ostacoli per le aziende e per gli operatori del settore, nonché notevole risparmio per i comuni e la pubblica amministrazione. Secondo i dati Fiper (Federazione italiana produttori di energia rinnovabile) nei Comuni italiani si producono 3-4 milioni di tonnellate/anno di potature del verde pubblico con un costo di smaltimento in discarica di circa 180-240 milioni di euro a fronte di un possibile ricavo, in caso di utilizzo energetico, di 80-120 milioni. Il beneficio economico complessivo per l’Amministrazione pubblica italiana potrà dunque aggirarsi tra 240-360 milioni di euro all’anno.

Un risultato che arriva dopo un lungo lavoro parlamentare: ora è fatta chiarezza una volta per tutte su una vicenda annosa attraverso la modifica dell’articolo 185 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, in materia di esclusione dalla gestione dei rifiuti. Ora il provvedimento passa all’esame dell’Aula.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da