10082022Headline:

Il buono (Michelini), il brutto (Fioroni) e il cattivo (Serra)

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegno“Antò, ma che stammattina hai deciso de pijatte le ferie?” Con le mani sui fianchi e lo sguardo truce Barbara apostrofò il marito che s’era appollaiato sul divano davanti al televisore acceso.

“Le ferie? A Ba’, io sto ‘n penzione da tre anni” rispose Antonio, senza togliere lo sguardo dal teleschermo. “Ormai – proseguì – le mi’ ferie so’ permanenti. Trecentosessantacinque giorni all’anno. Anzi, quest’anno so’ trecentosessantasei, perché er 2016 ad’è bisestile”.

“Sì, Antò, questo ce lo sapevo” riprese Barbara. “Ma co’ tutto quello che c’è da fa’ ‘n giardino tu me te metti a guardà ‘n firme de prima mattina… Er pratino è pieno de foje secche, ce sarebbe da dà er ramato a la siepe, tocca comincià a spanne er concime, ce so’ da potà l’ortenzie, che mo ad’è ora…”.

Antonio, che stava guardando un dvd, mise in pausa e si alzò dal divano, poi si accese l’ennesima sigaretta del giorno. “Guarda – disse alla moglie – che io prima c’ho provato a uscì de fori. Ma ce so’ tre gradi a malapena. E c’è ‘na tramontata che te se beve. E poi c’è ‘r vento. E se tu fai er mucchio de le foje, quelle ripartono e te s’arispanneno dapertutto. E allora è mejo stassene dentro casa ar callo a guardasse ‘n ber firme. De quelli tosti…”.

“Perché, che firme stai a vede?” chiese Barbara.

“Er bono, er brutto e ‘r cattivo. Er capolavoro de Sergio Leone, er maestro de li spaghetti western. Quello co’ Clint Eastwood, Lee Van Cleef e Eli Wallach” fu la risposta di Antonio.

“Beh’, vedo che sei bello avanti!” commentò Barbara. “Quello ad’è ‘n firme der ’66. Te stai a fa’ ‘na curtura su la preistoria der cinema italiano…”.

“E’ inutile che ce provi a fa’ la spiritosa!” disse l’uomo sfoggiando un certo sorrisetto ironico. “Perché tu nu’ lo sai ma ‘sto firme, soprattutto a Viterbo, è tornato de moda proprio ne ‘st’urtimi giorni…”.

Barbara rimase di stucco. Poi interrogò il marito: “E perché?”.

“Perché rispecchia federmente – rispose Antonio – quello che sta a succede ‘n Comune, a palazzo de li Priori. Puro lì stanno a girà ‘no spaghetti western, tutto dentro er centrosinistra. L’unica differenza è che nun c’hanno le pistole. Armeno pe’ mo…”.

Incuriosita da quell’affermazione così perentoria, Barbara decise a quel punto di incalzare il marito, giacché l’assonanza non le sembrava affatto congrua. “Senti – disse – tu la devi da smette de fa’ co’ me ‘La settimana enigmistica’! Mo me devi da spiegà tutto pe’ filo e pe’ segno, perché io nun c’ho proprio capito gnente…”.

“E nun t’arabbià, che mo te spiego” replicò Antonio, che nel frattempo s’era riseduto sul divano. “Te spiego tutto. Dall’A a la Z”.

“E allora datte ‘na mossa” incalzò Barbara.

Il sindaco Michelini

Il sindaco Michelini

“Dunque – cominciò Antonio con aria solenne – ne ‘sto firme ce so’ tre personaggi. Er primo, quello ‘nterpretato da Clint Eastwood, ad’è ‘Er biondo’, che poi sarebbe er bono, ma che tanto bono nun ad’è. Però ad’è flemmatico, proprio come Leonardo Michelini, er sindeco”.

“E tu dici che so’ uguali?” interruppe Barbara.

“Beh, proprio uguali no” riprese Antonio. “Soprattutto perché ‘Er biondo’ a la fine der firme ad’è quello che vince. Michelini invece sta a perde puro la strada de casa. Però er sor Leonardo è uno che ne ‘sti du’ anni e mezzo ha sempre subito l’influenze che je veniveno da tutte le parti: da sopra e da sotto. E lui, pure se ogni tanto c’ha puro provato a bofonchià, a la fine s’è sempre sottomesso a li voleri de l’antri. Ha cercato de trovà li compromessi, però sempre ar ribasso. Ma ormai la politica nun funziona più come ‘na vorta: oggi hai da fa vedé che c’hai le palle e, si serve, hai da fa’ puro lo stronzo. Sennò quell’antri te crepeno. Ma lui è stato troppo bono e s’è ritrovato ne li casini perché, ‘nvece de raggionà co’ la capoccia sua, ha cercato de accomodasse su tutti li spifferi che j’arivaveno de qua e de là. E così ha creato l’anarchia”.

“Vabbé – chiosò Barbara – sur bono m’hai quasi convinto. E chi ad’è er brutto?”.

L'onorevole Fioroni

L’onorevole Fioroni

“Ner firme de Leone – continuò Antonio – er brutto è Tuco, er bandito loquace, comico, ma puro goffo. Tale e quale a Beppe Fioroni. Che quanno se move ad’è come ‘n orso in un negozzio de cristalli. In fin dei conti la botta finale a Michelini je l’ha data proprio lui, quanno ha deciso de fasse er partito dentro er partito, pe’ li cavoletti sua. E ha detto al poro Michelini che aveva da fa’ er presidente de ‘sti moderati e riformisti. Quello j’ha risposto de sì e ha fatto la frittata!”.

“Beh, puro questo ce pò sta” fu il commento della donna. “Mo però ce rimane er cattivo, quello che de li tre avrebbe da esse ‘r peggio…”.

“E c’hai raggione, cara Barbara” chiosò Antonio. “Perché er cattivo, quello che ner firme – guarda caso – se chiama Sentenza e che ad’è ‘no spietato sicario, è Francesco Serra, er capogruppo der Piddì”.

“E perché proprio lui?” chiese la donna.

“Perché ha fatto un gioco zozzo – rispose Antonio – e nun s’è preso le responsabbilità che je competevano. Dall’inizio de la legislatura. E poi ha deciso de sfascià tutto, facenno fa’ ‘na figura de merda a tutto er centrosinistra”.

“Spiegheme Antò, che nun c’arrivo…” lo incalzò Barbara.

“Certo che te lo spiego, cara Barbara”. Antonio, con l’aria di colui che non avrebbe chiesto altro, attaccò: “Francesco Serra sfidò Michelini a le primarie perché voleva fa’ er sindaco. Però perze perché ‘Er brutto’…”.

“Voi dì Fioroni?” lo interruppe Barbara.

Francesco Serra, capogruppo del Pd in consiglio comunale

Francesco Serra, capogruppo del Pd in consiglio comunale

“Si, vojo dì Fioroni” proseguì Antonio. “Allora, Serra perze perché Fioroni mise in piedi, già da allora, li moderati; o mejo, tutti quelli che veniveno da la destra. E li portò a votà pe’ Michelini. E li portò a votà puro all’elezzioni vere. E Michelini diventò sindaco. Facenno rode tanto er culo a Francesco Serra. Che però dovette fa’ pippa, perché ne ‘sta maniera er centrosinistra s’era ripreso er Comune dopo quasi vent’anni”.

“Beh, ma si nun faceva così er centrosinistra quanno vinceva a Viterbo…” commentò Barbara.

“Sì, è vero” approvò Antonio. “Ma sta cosa a Serra e a l’antri de la sinistra der Pd nun j’è annata mai giù. Tant’è vero che ‘r sor Francesco, essendo stato er più votato tra quelli der Pd, avrebbe avuto da fa’ l’assessore o addirittura er vicesindaco. E ‘nvece c’ha fatto? S’è sempre tirato indietro. E ha cominciato a criticà…”.

“Certo, si penzava che Michelini sbajava – aggiunse Barbara – poteva entrà in giunta e provà a raddrizzà la baracca…”.

“No – obiettò Antonio – perché così se sarebbe sporcato le mani. Invece lui ha preferito resta de fori, fa’ er duro e puro, er consijere più de lotta che de governo. E quanno quer salamone de Michelini s’è messo a capo de li moderati e riformisti pe’ dà retta a Cicciobello, ha deciso che ad’era ora de sfascià tutto. Perché Michelini, puro se nun ha brillato, nun casca pe’ la cattiva amministrazione. Ma pe’ le beghe tutte interne ar Piddì e ar centrosinistra. Insomma er bono è vittima de la guerra tra ‘r brutto e ‘r cattivo”.

“Senti, Antò: c’ad’è ‘n’antra cosa che nun capisco” disse ancora Barbara con aria riflessiva. “Ma sì er cattivo ha deciso de fa cascà Michelini, perché nun va in consijo comunale co’ ‘na bella mozzione de sfiducia? E lì, davanti a tutti, je dice tutto quello che penza? Così, tutto sommato, sarebbe da comportasse da omo…”.

“Questo me lo chiedo puro io” rispose Antonio. “Se vede che nun je conviene…”.

“Vabbé, ma allora tutto ‘sto casino a chi giova?” chiese a quel punto Barbara.

“Te risponno co’ Seneca, er filosofo che visse a li tempi de Caligola e de Nerone” ribatté Antonio. “Ne la tragedia ‘Medea’ a ‘n certo punto la donna dice: ‘cui prodest scelus, is fecit’. Che vor dì: a chi er crimine porta vantaggi, quello l’ha fatto”.

“Ah – fu la conclusione di Barbara – mo ho capito tutto!”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da