30112022Headline:

Una mozione di sfiducia da Tapiro d’oro

Le minoranze volevano regolare i conti con Barelli ma hanno preso un granchio

L'assessore comunale Giacomo Barelli

L’assessore comunale Giacomo Barelli

Mozione di sfiducia a Barelli? Tecnicamente è una ”panzana”. Un assessore non può essere sfiduciato dai consiglieri, cosa invece praticabile nei confronti del sindaco. È il Tuel, bellezza! Il Testo Unico degli Enti Locali parla chiaro. La grandezza della svista è direttamente proporzionale alla chiarezza del granchio preso dal consigliere Luigi Buzzi, che si è fatto promotore della mozione per sfiduciare l’assessore ”bizzoso” Barelli.

Il tutto affonda le radici nella zona Cesarini dell’ultimo consiglio comunale, quando è andata in scena una zuffa di parole tra Barelli e il consigliere Moltoni. Parapiglia verbale innescato da un’interrogazione di quest’ultimo, con la quale puntava a conoscere il pagamento o meno da parte del festival Caffeina dell’occupazione del suolo pubblico. Domanda che ha dato lo spunto a Barelli per fare di conto e constatare che effettivamente Palazzo dei Priori ha bisogno di incassare, ricordandosi immediatamente degli 80mila euro che la Cassazione ha gentilmente chiesto a Moltoni di versare nel forziere comunale per il danno erariale contestato dalla Corte dei Conti nel ginepraio della vicenda Cev.

CONTINUA SU WWW.VITERBONEWS24.IT

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da