10082022Headline:

Manda una mail e salva l’isola Bisentina

Il Governo stanzia 150 milioni di euro. Ma per le segnalazioni c'è tempo solo fino al 31

La fittissima mappa delle segnalazioni

La fittissima mappa delle segnalazioni

A un certo punto non è che possono pensare a tutto loro. Com’è che diceva Troisi guardando la libreria? “Io sono uno, e voi siete tanti”. Perciò hanno deciso, e quando si dice “hanno” si intende quei signori lassù, coloro i quali pensano alle nostre sorti; si diceva hanno deciso di farci la mancetta. Una cosa democratica. Voi ci indicate dove dobbiamo investire, noi apriamo il portafogli.
Certo, detto così sarebbe troppo facile. L’Italia è un cantiere aperto, le speculazioni non mancano, il lavoro invece latita, diventeremmo quindi più operai che disoccupati (fantascienza). Per finanziarci qualcosa perciò i signori di prima, che poi sarebbero quei cosi buffi che chiacchierano tanto, i politici, hanno pensato di mettere in piedi una sorta di Hunger games. Non funziona proprio che ci si scanna a vicenda e quello che vince può scegliere, chiaro. Ma quasi. Qui tocca di inviare mail a nastro. Una cosa stile Cocacola, tipo: “invita anche i tuoi amici a farlo”. Perché le richieste che arriveranno in numero maggiore, verranno prese fortemente in considerazione.

Tutto questo preambolo per dire cosa? Che per recuperare i luoghi culturali dimenticati, il Governo mette a disposizione 150 milioni di euro. E ci sta tempo solo fino al 31 maggio, ci siamo. Data ultima, tipo quando devi inviare la cartolina della Lotteria di capodanno, entro la quale tutti i cittadini potranno segnalare all’indirizzo di posta elettronica bellezza@governo.it un luogo pubblico da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della collettività. Ma va bene anche un progetto culturale da finanziare. Culturale, non una pizzeria.
Successivamente “una commissione ad hoc stabilirà a quali progetti assegnare le risorse. Il relativo decreto di stanziamento sarà emanato il 10 agosto 2016”, giurano dalla presidenza del Consiglio. E noi gli crediamo.
Ora, uno dice: per quanto la gente è disamorata della politica, figurati chi gli scrive. Ed invece manco per il coso. Alle 23:59 del 25 maggio “Il numero di luoghi raccolti è 1771”. Riassunti in una mappa fitta come i cardi in un campo di pecore.

Il lago di Bolsena, dall'alto

Il lago di Bolsena, dall’alto

E in mezzo alla tonnara ci sta anche l’isola Bisentina. Quella bomba assoluta che troneggia dentro al lago di Bolsena. Quella gemma incredibile, di notevole valore storico, culturale e naturale, chiusa al pubblico da un pezzo. E, più che altro, bisognosa di urgente manutenzione. Di ristrutturazione spinta, che manco Loredana Berté prima di una trasmissione televisiva.
Per questioni campanilistiche, e perché qualcuno lo sta già facendo su Facebook, Viterbopost sostiene la manovra pro Bisentina. L’indirizzo da digitare sta scritto sopra, ma ripetere fa bene: bellezza@governo.it. Come oggetto tocca di metterci poi “Isola Bisentina”. Il corpo del messaggio, infine, è opzionale. Ma per comodità si può copiaeincollare codesto: “Aderisco all’iniziativa bellezza@governo.it segnalando l’Isola Bisentina, Capodimonte (Lazio, VT), come bene storico-culturale da salvaguardare”.
Oh, e vediamo come va a finire.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da