03072022Headline:

Meloni (Giorgia)? Meglio i cocomeri

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegno“Mamma mia, quante ne avrò ancora da vedé prima de morì!”. Stravaccato sul divano, col suo inseparabile tablet in mano, Antonio celebrava il suo rito mattutino, informandosi sulle ultime notizie di giornata, scorrendo i siti dei quotidiani nazionali. Che, quella mattina, tra le altre, riportavano la notizia secondo la quale Giorgia Meloni, candidata a sindaco nella Capitale, aveva annunciato che – in caso di sua elezione – avrebbe intitolato una strada a Giorgio Almirante, storico segretario del Msi.

“A Ba’ – urlò l’uomo con voce stentorea – viè qua. Viè qua che te devo da dì ‘na cosa…”.

“Antò, che voi?” rispose la moglie, che in quel momento era indaffarata in cucina. “Nun me fa’ perde tempo, che sto a cucinà. Stasera vengono Mariuccia e Corradino e je vojo fa’ trovà ‘na cena come Cristo commanna…”.

“Vabbè, ma cinque minuti poi sospenne – rintuzzò Antonio – perché qui la cosa ad’è grave e preoccupante assai. A cucinà doppo t’aiuto puro io…”.

Barbara si tolse la parannanza e si avvicinò al marito, sedendosi in salotto di fronte a lui. “Allora – disse con aria scocciata – che ciad’è de tanto importante?”.

“Che a Roma vonno ‘ntitolà ‘na strada a Giorgio Almirante…” sentenziò Antonio.

“Eeeehhhh????” fu la replica di Barbara, sbigottita da quell’affermazione. “E chi lo vole fa’?” chiese subito dopo.

“Giorgia Meloni – rispose Antonio – la candidata a sindaco de la Destra. Quella che s’è messa ‘nsieme a li leghisti. Ha detto che si diventa sindaco, la prima cosa che farà ‘ntitolerà ‘na strada ar segretario der Msi, bon’anima…”.

“Vabbé, Antò – rintuzzò subito Barbara – ma che ce trovi de tanto strano: in fonno la ragazzetta è sempre stata de quella parocchia lì, puro se mo che s’è candidata a sindaco ha cercato de dasse ‘na mezza ripulita. E chiaramente penza soprattutto a quelli de la congrega sua. Der resto Almirante è stato er segretario storico der Misse. Pe’ quelli che la penzeno ‘n quer modo è stato ‘n simbolo, ‘n punto de riferimento…”.

“Hai detto bene, Ba’” obiettò Antonio. “Pe’ quelli che la penzeno ‘n quer modo…”.

“Lo so, Antò – aggiunse Barbara – che tu sei schifato da ‘sta cosa. Ma io e te oramai cominciamo a fa’ parte der passato. Quanno eravamo giovani noi, c’era ancora vivo ne l’anziani er ricordo der fascismo, de la guera, de li campi de concentramento, de li tedeschi nazzisti che rastrellaveno paesi interi. E c’era ancora vivo er ricordo de la Resistenza, de li partiggiani, de quelli che hanno dato la vita per restituicce la democrazzia. Oggi, purtroppo, ‘sto ricordo se sta perdenno piano piano. Li vecchi de quer periodo nun ce so’ più, li giovani de storia ne sanno poco o gnente, e per de più vivemo in un momento in cui stanno a esplode li squilibri der monno che esisteno da secoli: tra chi sta a panza piena e chi se more de fame. Oggi, quelli che se moreno de fame chiedono de potè magnà ‘n tozzo de pane puro loro, ma quelli che stanno a panza piena, co’ la paura de perde er benessere acquisito, cercano d’arzà le baricate. Insomma, ormai er motto ad’è: ognuno pe’ sé e chi vo Cristo se lo preghi”.

Giorgio_Almirante

Giorgio Almirante

Antonio rimase per un attimo a riflettere. Poi attaccò: “Lo sai che c’hai raggione, Ba’? Quanno io e te eravamo giovani c’ereno l’ideali der ’68. Se voleva ‘na società più giusta, più diritti pe’ l’omo e pe’ la donna, più uguaglianza, più solidarietà pe’ li più debboli. Oggi me sembra proprio che stamo a tornà indietro…”.

“Te sveji tardi, caro Antonio!” lo apostrofò la moglie. “Tu te stai a scandalizzà perché a Roma la Meloni vo’ ‘ntitolà ‘na via a Giorgio Almirante, ma guarda che a Viterbo via Almirante ciad’è già. Dar 2006”.

“E che voi che nu’ lo sapevo?” replicò l’uomo.

“Allora dovresti sapé puro – continuò Barbara – che ‘sto capolavoro lo fece ‘r sindaco Gabbianelli, che ‘r giorno de l’inaugurazzione invitò puro donna Assunta, la vedova de Almirante”.

Antonio alzò lo sguardo verso l’alto, frugando nei meandri delle sue reminiscenze. “Guarda che m’aricordo tutto” disse a un tratto. “M’aricordo che l’inaugurazzione avvenne a la chetichella, tanto che ‘r Comune dette la notizzia solo a cose fatte…”.

“Chiamalo stupido, Gabbianelli…” commentò Barbara.

“E m’aricordo puro – continuò Antonio – che ‘r sindaco disse che era stato deciso de ‘ntitolaje la via perché lui era stato un pacificatore de l’itajani e aveva dedicato la su’ vita ar superamento de li steccati ideloggici e a la demonizzazzione de l’avversari…”.

“Davero, Antò?” chiese Barbara.

“Beh, ne l’anni ’70 lui provò a fa’ la politica der doppiopetto, ‘na strateggia che stava a metà strada tra le rivendicazioni de l’eredità fascista e l’apertura ar sistema politico italiano. Però, cercò puro de inglobbà li movimenti extraparlamentari, quelli che sparaveno. Poi ce furono la stragge de piazza de la Loggia, a Brescia, e quella de l’Italicus. E lui dovette ammette che de mezzo c’ereno puro l’estremisti de la parte sua…”.

“Allora nun pacificò gnente…” commentò Barbara.

“Ah Ba’, se te vai a legge la vita de Almirante – proseguì Antonio – vedi che nun pacificò un cazzo. Anzi, tutto er contrario. Ner ’38, sotto er reggime fascista, firmò er manifesto de la razza, quello contro l’ebrei, e dar ’38 ar ’42 lavorò pe’ ‘r giornale ‘La difesa della razza’. Poi aderì a la Repubblica de Salò. E penza che ner 1971 uscì fori, pubblicato da l’Unità, un manifesto der maggio 1944, firmato proprio da lui, in cui se intimava a chi s’era dato a la macchia a consegnasse a li comandi tedeschi, pena la fucilazzione… Te basta?”.

“Sì, Antò – rispose Barbara – anzi è puro troppo…”.

“Brava!” confermò Antonio. “E allora hai da sapé che voleje dedicà ‘na via, come vonno fa’ a Roma e come hanno già fatto a Viterbo, significa solo volé in quarche modo glorificà un’ideologgia che è stata solo protagonista de ‘na grande traggedia epocale, antro che pacificazzione…”.

 “Certo, le vie andrebbero ‘ntitolate a gente che ha da esse ricordata pe’ le su’ opere meritorie, o pe’ essese distinta in quarche campo…” commentò ancora Barbara.

“Presempio – riprese Antonio – mo in Comune vonno dedicà ‘na via a Alessandro Vismara, che pe’ tanti anni è stato fedele cronista de la vita politica viterbese. E sembra che so’ tutti d’accordo. Questa, cara Barbara, me sembra ‘na cosa ben fatta…”.

Barbara si alzò per tornare in cucina. “Vabbé Antò, io adesso c’ho da fa’ e si tu me fai chiacchierà ‘n antro po’ nun combino più gnente. Piuttosto, stasera lo famo l’antipasto? Io vorrebbe preparà prociutto e melone…”.

Antonio scattò come una molla: “Pe’ carità!!! Doppo tutto quello c’amo detto, tu me parli ancora de Meloni? Eh, no: mejo li cocomeri…”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da