03072022Headline:

Vitorchiano “si fidanza” con l’Aves

Attestato di benemerenza al 3° Reos e cittadinanza onoraria al colonnello Di Stasio

Il sindaco Nicola Olivieri consegna la cittadinanza onoraria al colonnello Andrea Di Stasio

Il sindaco Nicola Olivieri consegna la cittadinanza onoraria al colonnello Andrea Di Stasio

Un reparto dell’Aviazione dell’Esercito che riceve un attestato di benemerenza e il suo comandante che diventa cittadino onorario. Protagonisti l’amministrazione comunale di Vitorchiano, guidata dal sindaco Nicola Olivieri, il 3° Reos “Aldebaran” e il colonnello Andrea Di Stasio. Un “triangolo” particolare figlio del profondo legame che unisce i militare dell’Aves e la comunità vitorchianese, sancito da una delibera ufficiale del Consiglio comunale, letta dalla presidente Annalisa Creta con la quale si conferisce la cittadinanza onoraria al comandante del 3° Reos e allo stesso reggimento l’attestato di benemerenza.

“Ci sono diverse motivazioni – spiega il sindaco Olivieri – alla base di queste decisioni. Innanzitutto, il lavoro svolto da questi uomini per la difesa dell’Italia da nemici che spesso non è possibile nemmeno individuare: voi vi preparate con grande passione, professionalità e impegno e lo abbiamo potuto costatare noi stessi quando vi siete addestrati nei nostri territori. E ancora, molti di questi uomini provenienti da tante regioni d’Italia risiedono con le loro famiglie nel nostro Comune. Ecco perché all’Aves ci sentiamo così vicini e perciò abbiamo pensato di testimoniare il nostro affetto e la nostra stima con questi riconoscimenti”. Nella splendida sala delle adunanze del palazzo comunale, l’orgoglio dei militari dell’Aves si percepisce ed è testimoniato dal comandante della brigata, generale Arrigo Arrighi: “La nostra – sottolinea – è una specialità che abbisogna di costante aggiornamento e di preparazione ai massimi livelli: vi siamo grati per averci permesso l’addestramento nei vostri territori”.

Il manifesto preparato dagli alunni delle quinte della primaria Pio Fedi

Il manifesto preparato dagli alunni delle quinte della primaria Pio Fedi

Particolarmente emozionato il colonnello Di Stasio: “Un grande privilegio per la mia Unità e per me essere i destinatari del vostro plauso. Sono mesi che lavoriamo in queste valli tra l’accoglienza gentile, discreta e premurosa nello stesso tempo, di tutti voi. Grazie di cuore non solo alle Istituzioni, ma all’intera popolazione”. Poi un passaggio personale: “Mi ricordo una notte in cui una vecchietta nel vedere i miei uomini, provava una sensazione di sicurezza nel momento in cui il mondo civile vive la sicurezza come un bisogno primario. E’ stato un privilegio essere stato vicino a quella donna anche solo per pochi minuti ed è stato gratificante vederla sollevata e tranquillizzata dalla nostra presenza. Ecco perché queste terre mi sono diventate particolarmente care e quindi preferite anche dai miei uomini”.

L'attestato di benemerenza consegnato dal sindaco Olivieri al luogotenente Domenico Ferri

L’attestato di benemerenza consegnato dal sindaco Olivieri al luogotenente Domenico Ferri

Il momento più significativo della cerimonia è l’arrivo delle due quinte della scuola primaria Pio Fedi che insieme agli altri alunni dell’istituto avevano avuto la possibilità di trascorrere una mattinata negli hangar dell’Aves. Un’esperienza indimenticabile per loro e per le insegnanti Laura Cipolloni, Danila Ribeca e Antonella Vitarelli che li accompagnano. Per il colonnello Andrea Di Stasio hanno preparato un graditissimo regalo: srotolano un manifesto nel quale hanno inserito poesie, disegni, pensieri su quella visita culminata con la conoscenza diretta degli elicotteri in dotazione al 3° Reos. Alla realizzazione hanno contribuito anche gli alunni della quarta sotto la guida della maestra Daniela Proietti. Il comandante si commuove e abbraccia tutti idealmente stringendo a sè la piccola autrice di un simpatico componimento poetico.

La sintesi è del sindaco Nicola Olivieri: “Il mio mandato è ormai al termine ed è stato caratterizzato da fasi anche abbastanza complicate, ma questi sono davvero i momenti per i quali vale veramente la pena fare il sindaco…”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da